Magazine Società

Gaza, curva Sud

Creato il 17 aprile 2011 da Julesdufresne
Un mio collega è stato a Gaza nel 2006, pochi mesi prima che le tensioni tra Hamas e Fatah degenerassero in guerra civile. Ha lasciato i Territori qualche settimana dopo; Vittorio Arrigoni, tra i pochi, vi ha fatto ritorno. Quando questo mio collega mi ha raccontato che, ai palestinesi che incontrava durante la sua permanenza, oltre a “Bella ciao” lui e i suoi amici insegnavano a cantare gli inni del Napoli – che questi scambiavano per altrettanti canti di guerra – , dapprima ho sorriso.
A pochi giorni dalla morte di Arrigoni, però, mi tocca constatare che l’evento ha avuto come unica conseguenza quella di smuovere la tenue patina di polvere che negli ultimi mesi si era a poco a poco andata a posare sull’odio — mentre le tensioni si moltiplicavano altrove, tutt’attorno, e Rafah scivolava via in un lungo piano sequenza. Oggi l’obiettivo è tornato brevemente a fissarsi su quei pochi ettari di terra: c’è chi grida al complottone israeliano, chi prega di notare il genocidio ignorato (il genocidio del boom demografico, come fa notare il buon Shylock), chi adocchia con sospetto la partigianeria di un cooperante. Si è tornati allo scontro, e anche chi affronta la vicenda nelle maniere più sottili, caute, persino tangenziali, dietro alle spalle si ritrova il tifo da stadio: pronto ad avventarsi sulle sue parole, farle a brandelli e ostenderle ovunque, reliquie a testimonianza o scandalo della propria parte di giustizia.
I cori del Napoli in quel lembo di Mediterraneo hanno un senso, dunque. Innanzitutto, il conflitto arabo-israeliano polarizza perché a questo tutti siamo abituati: a parlarne, come del calcio. Non c’è specialità della Terra Santa che non sia stata evocata – lo scontro di civilità, il valore simbolico di luoghi contesi da secoli -, ma infine tutto si riduce alla parola, alla nostra logorrea, che incita ad esprimersi anche chi non conosce, magari prendendo a prestito le parole di altri, altrettanto logorroici.
L’incapacità di mantenersi lucidi non si limita tuttavia al brusio di fondo. Le prese a prestito di interi paragrafi con impianti accusatori sempre più improbabili trovano la loro giustificazione proprio in chi, più bravo o diligente di altri, quei paragrafi li ha costruiti con intento altro dalla documentazione del conflitto. E ancora una volta si apre davanti agli occhi, in tutta la sua ineluttabilità, l’unica verità che non avevi ancora saputo riconoscere: che ogni Sud, ovunque, ha bisogno del suo capo curva.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Giu al nord (sud)

    Milano stazione centrale sul binario uno non stirato di piu.iphone auricolare."allora il corrado lascia l'ibm per la cisco...fagli i complimenti". Km dopo. Leggere il seguito

    Da  Cielosopramilano
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Natale in sud africa

    Natale africa

    Carlo (Christian De Sica) è in vacanza in Sudafrica con l’amata Susanna (Barbara Tabita), la sua seconda moglie. Tutto sembra andare per il meglio fino a quando... Leggere il seguito

    Da  Terrasiniblog
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Buon Anno Gaza

    Buon Anno Gaza

    Quasi a voler sfruttare il periodo delle feste di fine anno e il letargo dei media verso questo lembo di terra martoriato, continua l’escalation di attacchi... Leggere il seguito

    Da  Pocheparole
    SOCIETÀ
  • Salernitana. Contro il Sud Tirol sciopera la Curva Sud

    Salernitana. Contro Tirol sciopera Curva

    "Il Centro cordinamento Salernitana Club comunica che per l’incontro Salernitana-SudTirol, del prossimo 16 gennaio ’11, diserterà lo stadio in segno di... Leggere il seguito

    Da  Notizie Salerno
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Governo: il piano sud

    Governo: piano

    Ieri si è tenuto un Consiglio dei Ministri e tra i punti dell’ordine del giorno cosa c’è? Il piano sud. Lo stesso piano che è stato annunciato più volte e che... Leggere il seguito

    Da  Miosako
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • GAZA E LA RITRATTAZIONE DI GOLDSTONE. FALSE VERITà DA PARTE PALESTINESE

    GAZA RITRATTAZIONE GOLDSTONE. FALSE VERITà PARTE PALESTINESE

    Una frase diventata cult in Israele : “Would have been different” – Sarebbe stato diverso se… A Tel Aviv hanno stampato la frase persino sulle t-shirt. Leggere il seguito

    Da  Madyur
    SOCIETÀ
  • Il sud del mondo

    mondo

    "Non amano l'acqua, molti di loro puzzano perché tengono lo stesso vestito per molte settimane. Si costruiscono baracche di legno ed alluminio nelle periferie... Leggere il seguito

    Da  Vidi
    SOCIETÀ

A proposito dell'autore


Julesdufresne 501 condivisioni Vedi il suo profilo
Vedi il suo blog

L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo

Dossier Paperblog

Magazine