Magazine Società

Gheddafi che non molla e il timore di una "nuova" Somalia che avanza

Creato il 12 aprile 2011 da Marianna06

In effetti le cose diventano ogni giorno più complicate sul suolo libico, dove ormai si combatte ovunque.

La proposta di mediazione avanzata dall'Unione Africana(UA) ,di cui si è fatto portavoce Zuma, il presidente del Sudafrica, che ha incontrato personalmente Gheddafi  ieri, è andata fallita.

E non poteva che essere come è stato.

Né la Nato, né i ribelli ,ritengono possibile un "cessate il fuoco" di Gheddafi, che possa considerarsi credibile.

E sappiamo tutti  il perché.

Parlare di vere "trappole" è solo minimizzare. Bisognerebbe parlare di autentica "macelleria", messa in piedi con la frode ben architettata del predone di professione.

Che dire, infatti, dei famosi mercenari, strapagati e con licenza di uccidere, entrati in Libia attraverso l'Algeria?

Inoltre, cosa molto più grave e seria, la proposta di mediazione dell'Unione Africana, secondo il responsabile-capo del Consiglio nazionale transitorio libico(CNT),  argomenta di far rimanere  comunque, a guida della Libia, Gheddafi e i suoi figli.

Proposta inaccettabile da parte dei ribelli, che non la prendono, per ovvie ragioni, neanche lontanamente in considerazione.

Saif al Islam, figlio del rais, è invece del parere che, con la guida della famiglia Gheddafi e con l'inserimento di giovani generazioni fedeli al regime come quadri dirigenti del Paese, si avrà ,a breve, una "nuova" Libia unita e prospera.

E' un ostinarsi a non voler  vedere - continua il figlio del colonnello- che  Gheddafi , per quanto personalità fortemente carismatica per la sua gente,è un uomo anziano.Ha fatto il suo tempo.E la guida della Libia passerebbe inevitabilmente di "padre in figlio".

Un figlio certamente coadiuvato da politici e amministratori di nuova generazione.

Discorsi  però che  non convincono nè in Libia, né fuori dalla Libia.

Piuttosto da Londra, intervistato, l'ex-ministro degli Esteri libico, Kussa, riparato all'estero perché in disaccordo con il "regime" avverte che, se le cose dovessero andare avanti così come adesso, cioé i due fronti contrapposti e la Nato con la sua missione pro-civili in base alla risoluzione ONU, il rischio certo è  quello di trasformare la Libia in una nuova Somalia.

E Kussa, che ha visto e sa più di noi, non è poi così lontanto dalla realtà nell'analizzare i fatti.

Fatti che, trasformati in notizie per la stampa estera, arrivano sempre contradditori e con molta difficoltà.

Intanto i combattimenti, anche mentre scriviamo, continuano e la gente muore o è ferita gravemente.

Gli ospedali sono da tempo stracolmi di persone bisognose di cure e non riescono, quasi dappertutto, a fare fronte alla situazione.

Cibo e acqua scarseggiano.

Ed é  delle ultime ore la nuova minaccia del colonnello e dei suoi accoliti, la nota ingorda teppaglia, di bloccare il passaggio a qualsiasi carico si presenti sotto forma di aiuto umanitario.

 

   A cura di Marianna Micheluzzi (Ukundimana)

 

Jet_0
 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Muammar Gheddafi, Silvio Berlusconi e l'italietta postcoloniale

    Dall'Algeria alla Tunisia, dall'Egitto allo Yemen le rivolte sull'altra sponda del mediterraneo (scusateci la definizione a questo punto forse impropria),... Leggere il seguito

    Da  Vi
    PARI OPPORTUNITÀ, SOCIETÀ
  • Cucù Gheddafi non c'è più

    Cucù Gheddafi

    Insomma è toccato pure a Gheddafi che si sarebbe dato al campeggio abusivo in Venezuela con la sua tenda e ha lasciato il paese in preda ad una guerra civile.... Leggere il seguito

    Da  Demopazzia
    SOCIETÀ
  • L'amico Gheddafi

    L'amico Gheddafi

    A volte il destino è stranamente beffardo.L'avevamo accolto in pompa magna, salutandolo con l'ardore che si conviene ad un grande capo di Stato, avevamo... Leggere il seguito

    Da  Strippi
    OPINIONI, POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ, DA CLASSIFICARE
  • Prendi un Gheddafi, trattalo male…

    Prendi Gheddafi, trattalo male…

    Certamente oggi, dal punto di vista italiano, la questione libica non è più quella di arginare l’esodo di quattro disperati attraverso il canale di Sicilia o... Leggere il seguito

    Da  Paleozotico
    SOCIETÀ
  • Berlusconi telefona a Gheddafi

    Berlusconi telefona Gheddafi

    Qui dicono che dopo varie pressioni internazionali, non ultimo un articolo del New York Times, dove si dice che il massimo contributo italiano alla primavera... Leggere il seguito

    Da  Demopazzia
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Gheddafi nel mirino inglese

    Gheddafi mirino inglese

    Muammar Gheddafi e le sue Amazzoni Il primo settembre 1969 un gruppo di giovani ufficiali libici spodesta re Idris I e prende il potere. Leggere il seguito

    Da  Casarrubea
    CULTURA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Su Gheddafi vogliamo chiarezza

    Gheddafi vogliamo chiarezza

    La richiesta di scuse da parte del Governo italiano per l’inqualificabile posizione in cui ha messo il paese rispetto ai rapporti con Gheddafi, sarebbero... Leggere il seguito

    Da  Asinistra
    SOCIETÀ