Magazine Cultura

Gli anni della leggerezza (Howard)

Creato il 19 novembre 2015 da Athenae Noctua @AthenaeNoctua
Per essere in pace con la coscienza devo aprire questa recensione con una confessione: ho deciso che avrei letto Gli anni della leggerezza sulla base del fascino suscitato in me dalla copertina. Osservazione superficiale, lo so, ma anche questo, per noi lettori, è un fattore non da poco, specie quando ci si avvicina ad un nuovo autore, come era appunto Elizabeth Jane Howard per me prima di questa lettura. Poi ho letto che si trattava di una saga familiare (secondo punto a favore), successivamente mi ha colpita l'ambientazione nell'Inghilterra alle soglie del secondo conflitto mondiale, con le atmosfere letterarie inconfondibili delle storie di quei tempi. Gli anni della leggerezza (Howard)Gli anni della leggerezza, primo capitolo della Saga dei Cazalet, narra la storia di due successive estati, quella del 1937 e quella del 1938: i timori di una nuova guerra sono pressanti e la famiglia dei Cazalet trascorre le vacanze nella tenuta di campagna dei capostipiti William e Kitty, meglio noti come il Generale e la Duchessa. A riempire le giornate della numerosa stirpe e della costellazione di inservienti e amici che la attornia ci sono vicende più o meno impegnative di tutti i giorni, dallo smarrimento degli animali domestici da parte dei bambini alle giovani donne che crescono con i loro sogni, dall'ampliamento desiderato o indesiderato della figliolanza agli ostacoli che i doveri filiali pongono alla libera espressione dell'amore. Ma c'è anche spazio per vivaci avventure sulla spiaggia e in giardino, sulle orme dei giochi dei ragazzi della famiglia, chi intento a costruire un rifugio, chi impegnato nella scrittura di commedie.
Quello dipinto da Elizabeth Jane Howard è un mondo d'altro tempi, con tutte le sfumature delle atmosfere degli anni '30, gli abiti d'epoca e il sapore dei cibi tradizionali. La leggerezza cui allude il titolo può essere intesa sia come la spensieratezza dei giochi dei ragazzini (coetanei dell'autrice), sia come quel sentimento di tranquillità che ben presto la guerra dichiarata da Hitler al mondo intero avrebbe spezzato. Fra le pagine di questo bel romanzo, nelle sue accurate ricostruzioni e nell'intimità delle storie dei membri di una famiglia che è destinata ad essere colpita e pesantemente condizionata dal conflitto si avverte l'emergere di un tessuto comune ad altri romanzi con la medesima ambientazione, da Espiazione di Ian McEwan a Fine di una storia di Graham Greene. La Howard, però, dà al suo romanzo un respiro ben più ampio, anche per lasciare spazio ai tanti personaggi che affollano le sue pagine, creando l'epopea di un mondo in trasformazione che si stacca dalle radici vittoriane (rappresentate dal Generale e la Duchessa) per tendersi alla modernità attraverso le esperienze sofferte dei figli reduci dalla guerra e dei nipoti per cui si teme una futura coscrizione. 

Gli anni della leggerezza (Howard)

Elizabeth Jane Howard (1923-2014)

  Gli anni della leggerezza è, dunque, un libro prismatico e molto piacevole, in cui la bella scrittura si mescola non ad una ma a tante storie capaci di suscitare una forte partecipazione: impossibile non condividere con la giovane Polly i timori di una nuova guerra, impossibile non soffrire con suo padre Hugh per i postumi delle battaglie al fronte nel conflitto precedente, impossibile restare indifferenti al timore di Simon, che deve entrare in una nuova scuola in cui i più grandi tormentano i nuovi arrivati. Insomma, la Howard firma con questo primo libro della saga un successo che non può evitarci di smaniare per l'uscita dei tre volumi successivi.
C.M.Articolo originale di Athenae Noctua. Non è consentito ripubblicare, anche solo in parte, questo articolo senza il consenso del suo autore e senza citare la fonte.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine