Magazine Società

Gli intellettuali e la televisione

Creato il 05 maggio 2011 da Paopasc @questdecisione
Aldo Grasso, il critico televisivo del Corriere, parla di Edoardo Camurri, nuovo conduttore del programma televisivo Mi manda Rai tre. Il concetto fondamentale è questo: quando gli intellettuali decidono di sporcarsi le mani con la tv, ne escono anche cose buone. Una di queste, a suo dire, è appunto Mi manda Rai tre.Questo è il suo intervento
ed è, in buona parte condivisibile. In fondo, ho ricordi adolescenziali e giovanili di fior di intellettuali che non avevano paura di sporcarsi le mani con la televisione, penso a Pasolini, Soldati, Moravia e tanti altri. L'intellettuale non aveva paura di sporcarsi le mani, come dice Grasso, e nemmeno la televisione aveva paura di fare programmi impegnati o di un certo livello, perchè non c'era la tirannia dell'audience a tutti i costi. Guarda caso, quando la televisione -pubblica- ha smesso di voler fare cultura per seguire i presunti gusti del pubblico il palinsesto si è modificato -in peggio- e i programmi culturali sono stati spostati in orari marginali o in reti minori.Dunque ben vengano intellettuali in televisione, e non solo a presentare libri.Il problema sta forse più nei media che negli autori: chi ha il coraggio di puntare sulla qualità? Il che apre un altro quesito: i programmi culturali fanno perdere spettatori, ma allora perchè non li facevano perdere un tempo? Perchè c'era meno concorrenza? Per via dell'effetto novità? Lasciati liberi di scegliere, è possibile che gli spettatori si dirigano, inesorabilmente, verso quelli che genericamente potremmo chiamare programmi spazzatura?E' come il caso dell'uovo e la gallina: non si sa se vengono prima i gusti del pubblico, a orientare gli autori   o gli interessi -economici- dei media.Comunque, non si può fare troppo gli schizzinosi e i pretenziosi: in fondo, qualche programma di buon livello c'è anche adesso e non si può pretendere che tutta la programmazione sia uniforme.Forse il problema è un altro: un'informazione imparziale. La capacità di formare opinione della televisione è ampia, in confronto a quella degli altri media. La possibilità di avere un'informazione imparziale, anche se dichiaratamente schierata, è forse un obiettivo ancora più ambizioso da raggiungere del portare gli intellettuali in televisione.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Gli altipiani della politica

    Può darsi che Giglioli abbia tutte le ragioni del caso ad arrabbiarsi con l'establishment del Partito Democratico. Ma non capisco perché, per spiegare le... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Gli Stati

    Stati

    "Gli Stati, nati per tutelare i più dall'uso indiscriminato della forza bruta, ne divengono i gestori, poi i servi, ed infine le vittime" Wikio Leggere il seguito

    Da  Tnepd
    SOCIETÀ
  • Gli abbracci mortali

    di Stefano Bonif«Pochi italiani conoscono quale centro di coordinamento e di guida delle forze più reazionarie è il Vaticano, e quale fattore di corruzione... Leggere il seguito

    Da  Veritaedemocrazia
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Trova gli errori

    Trova errori

    Visto che sono influenzato e visto che noi Blogger non abbiamo nessuna indennità malattia...:-)riesco a postarvi solo un breve "giuoco di enigmistica": "trova... Leggere il seguito

    Da  Beatotrader
    ECONOMIA, SOCIETÀ
  • Gli eroi mammoni

    Sempre più spesso ho incontrato gente, perlopiù maschi, che dice di vivere, magari alla "veneranda" età di 40-50 anni, con mamma e/o papà. Ancora coi genitori! Leggere il seguito

    Da  Carlo_lock
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Consigli per gli acquisti

    Non so bene fino a che punto i miei "consigli per gli acquisti" possano interessarvi, ma ho pensato che, visto che sto portando avanti qualche ragionamento... Leggere il seguito

    Da  Adrianakoala
    SOCIETÀ
  • Gli artisti del decennio....

    Chi mi conosce sa quanto sia malato di Elio e le storie tese (mai quanto I Simpson, vi tranquillizzo) ma vi volevo segnalare che la band italiana è stata... Leggere il seguito

    Da  Magobago
    SOCIETÀ