Magazine Medicina

Gravidanza: alcuni consigli per combattere il caldo

Creato il 03 agosto 2015 da Conservazionecordoneombelicale @SorgenteSalute

Mai come quest’anno avere il pancione d’estate, soprattutto se si è ancora in città, può rappresentare un problema: per questo suggeriamo alcune strategie per contrastare il caldo torrido.

Conservazione cordone ombelicale - GuidaDi: Redazione

Affrontare la gravidanza in estate può essere difficile, in particolare se le temperature raggiungono vette importanti, come quelle di quest’anno e non si ha la possibilità di passare qualche giorno fuori città.

Ovviamente il primo consiglio è quello di utilizzare l’aria condizionata a casa e nel proprio posto di lavoro e limitare le ore di esposizione al sole. E’ importante che le donne in gravidanza bevano molto spesso, per idratare sempre se stesse e garantire il benessere del nascituro. Assumere liquidi (acqua soprattutto) infatti serve a reintegrare i sali minerali persi con la sudorazione, a drenare i liquidi in eccesso e mantenere bassa la pressione.

Il caldo non deve impedire alle future mamme di fare esercizio fisico o movimento. Queste attività infatti riattivano la circolazione e sono un toccasana per l’umore. Certamente occorre scegliere al meglio i momenti in cui è più consono uscire di casa: meglio preferire le prime ore del mattino (fino alle 10.30) oppure la sera dopo le 18.30-19. Si consiglia di fare due passi in un parco, sempre evitando le ore più calde e portando con sé una bottiglietta d’acqua. Un’altra attività assolutamente consigliata è il nuoto, che costituisce lo sport più indicato per le donne in gravidanza, anche negli ultimi mesi. Il nuoto, infatti, lenisce i gonfiori e il dolore alla schiena. Quindi passare il pomeriggio in piscina può essere davvero rigenerante.

Si possono poi contrastare gli effetti del caldo anche attraverso l’alimentazione: si raccomanda alle donne incinte di consumare molta frutta e verdura. In particolare, sono consigliati i frutti di stagione (come pesche, albicocche, meloni, angurie), ricche di magnesio e potassio, e pomodori e cetrioli.

Infine, nel caso in cui si sia già entrate nel terzo trimestre della gravidanza, è fondamentale tenere sotto controllo la propria pressione arteriosa perché, con il caldo, si rischiano sbalzi ecessivi.

Fonte: “Donna Moderna”


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :