Magazine Cinema

Guardando Il Divo

Creato il 03 febbraio 2011 da Angeloricci @angeloricci
Una processione di grosse berline ministeriali blu. Giacche scure, cravatte anonime, portate su camicie rigorosamente bianche. Occhiali dalle spesse lenti da miope, con la montatura pesante e squadrata. Mani giunte e sguardi di sofferente e compiaciuta condivisione del mistero. Del mistero del potere. Le foto in bianco e nero delle pagine di cronaca politica de L'Espresso ci hanno, per tutti gli anni Settanta, Ottanta e per la prima parte dei Novanta, presentato settimanalmente questa ostensione del potere, questa manifestazione dell'esercizio del potere, questa ritualità reiterata. A volte solo l'arte può sondare e indagare tra le fondamenta del Palazzo di pasoliniana memoria (penso a Sciascia, tanto per citare un nome fra i tanti).
Ieri sera (su La7) ho visto Il Divo, di Paolo Sorrentino. E, guardando questo film curioso e interessante, ho scoperto che la nostra storia, la storia recente della nostra nazione, può essere raccontata solo attraverso le immagini oniriche di Elio Petri (Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, Todo Modo), quelle rigorose di Francesco Rosi (Il caso Mattei, Cadaveri eccellenti), quelle didascaliche di Giuseppe Ferrara (Cento giorni a Palermo, Il caso Moro).Paolo Sorrentino fa tutto questo. Il suo lavoro richiama, in qualche modo, tutte queste immagini. Ma le reinterpreta con tocco da maestro e ne fa la fonte ispiratrice di un'analisi impietosa, di un'allegoria del potere e le avvinghia ad una colonna sonora dall'ironia sanguinante, che ci fa capire come la narrazione della tragicomica e recente storia nazionale vada condita con un po' di irridente, doloroso e (soprattutto) doveroso sarcasmo alla Renato de Maria (Paz!) e alla Guido Chiesa (Lavorare con lentezza).Sorrentino è perfettamente conscio che la nostra storia patria, i suoi riti ridicoli, i suoi misteri inquietanti, vivono da sempre in quella linea d'ombra dove il confine tra la ragion di Stato, l'interesse personale e la gestione della cosa pubblica diviene così labile da risultare totalmente evanescente. E la sua genialità sta nell'aver dipinto questo stato di cose per mezzo di una trasfigurazione quasi caricaturale dei suoi protagonisti; caricatura che però, al contatto con il divenire storico, perde lentamente il suo carattere allegorico dimostrando di essere la realtà stessa.
E questo è il dramma senza rimedio che, da sempre, caratterizza la nostra storia.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • ‘Guardando a occidente, ricordando Corso Salani’: l’omaggio di Cinemazero e del...

    ‘Guardando occidente, ricordando Corso Salani’: l’omaggio Cinemazero Udine all’attore regista fiorentino

    Mercoledì 16 febbraio al Visionario di Udine si svolgerà una serata organizzata in collaborazione con La Cineteca del Friuli di Gemona e con il prezioso... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Il grinta

    grinta

    C'era una volta una ragazzina che perde il papà, ucciso da un poco di buono. La bambina si arma di forza e di coraggio...e poi di un'arma vera. La vendetta non... Leggere il seguito

    Da  Filmdifio
    CINEMA, CULTURA
  • Il rito

    rito

    Il film segue le vicende del seminarista Michael Kovak che dall’America è inviato a studiare esorcismo in Vaticano, nonostante i dubbi su questa pratica... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Il rito

    rito

    Il cinema fondato sul genere "esorcismo" difficilmente può trovare spunti di originalità e differenziazione forti rispetto al film per eccellenza di Friedkin,... Leggere il seguito

    Da  Sostiene Pereira...
    CINEMA, CULTURA
  • Il gioiellino

    gioiellino

    Andrea Molaioli giunge alla sua opera seconda, facendo nuovamente affidamento all'attore italiano di riferimento di questi ultimi anni, ovvero Toni Servillo, ch... Leggere il seguito

    Da  Sostiene Pereira...
    CINEMA, CULTURA
  • Il Decameron

    Decameron

    1971, Pier Paolo Pasolini.Eccomi al primo film della "Trilogia della vita" di Pasolini, impresa impegnativa per me ma ci provo, perlomeno a godermeli e... Leggere il seguito

    Da  Robydick
    CINEMA, CULTURA
  • Guardando con umiltà ai nostri antenati

    Guardando umiltà nostri antenati

    Risalire di generazione in generazione, dare un nome, un volto, un qualsiasi aggettivo a coloro da cui discendiamo. I nostri antenati. Leggere il seguito

    Da  Paciampi
    CULTURA, LIBRI