Magazine Politica

GUERRA IN LIBIA: l’Italia entra in azione

Creato il 20 marzo 2011 da Oblioilblog @oblioilblog

Clicca qui per vedere il video incorporato.

Su GUERRA IN LIBIA: tutte le ultime notizie

Verso il tardo pomeriggio, nelle basi siciliane di Birgi e Sigonella è aumentata l’attività. Sei F16 danesi sono decollati dalle piste dell’aeroporto nel siracusano, i primi a partire da una base italiana. Mentre in serata, proprio poco dopo l’annuncio del cessate il fuoco, sei tornado italiani si sono levati in volo dall’aeroporto di Trapani: tre di questi sono caccia Ecr, vale a dire equipaggiati per la guerra elettronica e dunque in grado di neutralizzare i sistemi radar nemici.

I velivoli sono tornati alla base poche ore dopo. L’Italia è quindi entrata in campo mentre il ministro degli Esteri Franco Frattini spiega:

Noi vogliamo condividere problemi, responsabilità, ma anche partecipare alla nuova Libia che verrà dopo Gheddafi [qualcuno ha nominato Eni?], la pressione internazionale indurrà un regime, che ormai nessuno al mondo considera più un interlocutore legittimo, a lasciare. Questo non è l’obiettivo della missione internazionale, ma è certamente un obiettivo politico della diplomazia di tutto il mondo.

22.40 – Missione compiuta, i Tornado italiani tornano alla base

Missione compiuta per i quattro Tornado Ecr italiani decollati da Trapani a partire dalle 20 per partecipare alle operazioni aeree sulla Libia: tutti e quattro i jet sono appena tornati alla base. I Tornado hanno “portato a termine la loro missione di soppressione delle difese aeree presenti sul territorio libico” è quanto sottolinea lo Stato maggiore della Difesa.

Thanks Repubblica.it e IFQ.it


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog