Magazine Cultura

HELHEIM – raunijaR (Dark Essence)

Creato il 17 dicembre 2015 da Cicciorusso

invasione gabbiani a roma 2

Aquile, falchi, gufi e corvi sono spesso citati nella mitologia norrena ma anche in quella celtica. Sono animali belli o carichi di mistero, oppure entrambe le cose. E i gabbiani? Me lo chiedevo l’altra sera passando per Piazzale degli Eroi in Roma dove, da qualche mese, si è stabilita una numerosissima colonia di spazzini del mare. Una piazza che porta un nome del genere, oltre che l’inquietante presenza hitchcockiana di questi amabili volatili, ha appunto generato in me suddetto quesito. Pare che non vi sia nemmeno una divinità nordica, un semidio, una fatina danzante, che so, un folletto drogatello che nella letteratura venga antropomorfizzata in un litigioso gabbiano. C’era qualcosa nella mitologia greca e quella dei nativi d’America, ma nella norrena sono solo citati come animali che sostanzialmente arrecano disturbo (e come dargli torto). Anche se nell’Edda, Snorri ci fa sapere che i due corvi di Odino erano soprannominati Cigno e Gabbiano. Una ben misera consolazione, ne converrete. Poi mi sono scocciato e ho smesso di fare ricerche perché la domanda vera è un’altra: per quale assurdo motivo si è stabilita una colonia di gabbiani a Piazzale degli Eroi in Roma? È strano, ci passo praticamente tutti i giorni e non me l’ero mai chiesto.

Noi romani (‘de Roma’ o adottati) siamo ormai abituati al degrado più totale e alle manifestazioni più strambe e curiose dello stesso, quindi scene del genere, per quanto assurde e apocalittiche, ci lasciano abbastanza indifferenti. Me lo faceva presente anche un amico che vive in una città di provincia della Romagna dove cose del genere esistono, per l’appunto, solo nei film del più famoso regista e si stupiva del fatto che quel degrado, ai miei occhi, fosse un dato acquisito. Ripensandoci come i cornuti, ho ricordato che poco più in là, a Valle Aurelia, avevo visto coi miei stessi occhi quella che una volta era una verde collinetta tingersi completamente di bianco ‘spiumeggiante’. L’invasione di codeste pericolosissime chiaviche volanti, pare, provenga da Malagrotta, cioè dalla omonima discarica. Radio Quartiere, la domenica mattina al bar, diffonde sempre strane storielle in merito a rumeni, zingari e gabbiani, al punto che non ci fai più caso. C’è gente che racconta di aver visto un gabbiano rapire un piccolo e indifeso chihuahua e la cosa, come potete ben immaginare, mi ha arrecato tanto dolore. Questa triste storia ha scandalizzato la comunità ‘chihuahuista’ del quartiere. Si racconta pure che i gabbiani abbiano definitivamente sterminato tutte le zoccole (grossi topi di fogna) del quartiere Trionfale. Questa cosa l’ho potuta verificare io stesso, perché prima si vedeva qualche sorcio qua e là mentre adesso nemmeno l’ombra.

invasione gabbiani a roma 9

Ma la più bella di tutte è la storia del Pastore dei Gabbiani. Nonostante sia oramai diventato, per forza di cose e come molti miei concittadini, imperturbabile di fronte a tutto lo schifo che mi circonda, mai mi sarei immaginato che potesse esistere una persona del genere. In pratica ‘sto tizio è un barbone che ogni giorno va a Piazzale degli Eroi in Roma recando seco una bella bustona di avanzi di cibo ed altre schifezzuole condite, che poi rovescia puntualmente sui bordi della fontana sita nel bel mezzo della piazza e, all’accorrere dei famelici volatili urlanti, si inginocchia omaggiando gli stessi in una solenne preghiera. Pare che ne abbiano parlato pure alla tv, che io non guardo, alla radio, che io non ascolto, e sui social dove si dice sempre che Roma fa schifo e che io tendo a non frequentare perché ‘ste cose mi fanno solo incazzare. Il miglior riassunto di questa storiella edificante, con tanto di shooting fotografico a cui abbiamo attinto senza permesso (spero nessuno se ne abbia a male), lo fornisce questo sito. Succede che a volte la fontana, già inguacchiata dalla cacarella post-prandiale degli ormai satolli uccellacci, si ottura a causa di questa melma oscena e giallastra che straborda inondando, col suo fetore immondo, le strade adiacenti e ricoprendo, nel suo inesorabile incedere, le numerose e immancabili buche che non attendono altro che una macchina o un motorino sfreccianti vi si fiondino sopra, nebulizzando nell’aere fetenzia viscida e malattie infettive assortite.

Insomma, vi volevo parlare dell’ultimo disco degli Helheim ma, oltre a dire che si chiama raunijaR, che è nella media rispetto al loro standard più recente e che, soprattutto, con esso si completa il ciclo dei brani di Åsgards fall (se seguite la band sapete di cosa sto parlando e sapete pure quanto spaccano), non sapevo proprio cosa aggiungere. Cordiali saluti. (Charles)

helheim-raunijar-2015



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • MEMBRANES, Dark Matter/Dark Energy

    MEMBRANES, Dark Matter/Dark Energy

    Che dire: se non hai più vent’anni, vieni da un passato più che glorioso (gli esordi risalgono al principio degli Ottanta, John Peel e Steve Albini li adoravano... Leggere il seguito

    Da  The New Noise
    MUSICA
  • Dark circles, mmxiv

    Dark circles, mmxiv

    Il Canada ci ha sempre regalato perle sia in campo metal, sia in campo hardcore: Razor e Slaughter, ad esempio, in campo thrash metal, Propagandhi per quanto... Leggere il seguito

    Da  The New Noise
    MUSICA
  • Ectovoid – Dark Abstraction

    Ectovoid Dark Abstraction

    Dagli Stati uniti, tramite Hellthrasher productions arrivano a noi i black metallers Ectovoid con il loro secondo full length dal titolo Dark Abstraction,... Leggere il seguito

    Da  Iyezine
    MUSICA
  • Dark shadows

    Dark shadows

    Succede che hai diciassette anni e sei in quei classici 'periodi neri' dell'adolescenza. Porti i capelli lunghi fino al culo, ti vesti sempre di nero e... Leggere il seguito

    Da  Jeanjacques
    CINEMA, CULTURA
  • Lost After Dark (2014)

    Lost After Dark (2014)

    Uno slasher sbucato dal 1984, spolverate il videoregistratore e riavvolgete il nastro L’onda nostalgica sembra parecchio distante dallo spegnersi, continua... Leggere il seguito

    Da  Silente
    CINEMA, CULTURA
  • Recensione #112: Dark Tide

    Recensione #112: Dark Tide

    Dopo qualche pausa, abbiamo ripreso la nostra ricerca che riguarda gli shark movie. Spulciando liste di film online e siti di film in streaming abbiamo trovato... Leggere il seguito

    Da  365 Film
    CINEMA, CULTURA
  • Lost After Dark (2014)

    Lost After Dark (2014)

    Qualche sera fa avevo bisogno di scaricarmi un po' quindi, memore del consiglio di Lucia, ho deciso di guardare Lost After Dark, diretto e co-sceneggiato nel... Leggere il seguito

    Da  Babol81
    CINEMA, CULTURA

Magazines