Magazine Cinema

Ho visto: Robin Hood di Ridley Scott

Creato il 15 luglio 2010 da Estel
Ho visto: Robin Hood di Ridley ScottIeri sera, visione di Robin Hood di Ridley Scott... Sì, è vero, sono un pò in ritardo, ma visto che non sono riuscita a vederlo quando era uscito nelle sale, ho approfittato ieri di una proiezione all'aperto organizzata da un apese qui vicino (a proposito... davvero un plauso a questa iniziativa: proiezioni di film dell'ultima stagione a soli 4 euro e per giunta sotto le stelle!! Davvero una grande idea... come ha commentato una mia amica, restando sulle citazioni cinematografiche,  "fa molto cinema Paradiso"!! ^_^)
Tornando al film, mi è piaciuto veramente tanto... (al punto da farmi quasi dimenticare zanzare e caldo opprimente!!)La regia di Ridley Scott è evidente, lo stile mi ha ricordato molto quello del Gladiatore, con atmosfere piuttosto cupe e molta azione -anche a tratti sanguinolenta- che tuttavia viene compensata da momenti di "pausa" intensi, grazie ai quali conosciamo meglio i protagonisti.
Ho visto: Robin Hood di Ridley ScottImpareggiabile Russel Crowe (sarà perchè lo adoro??) che dà vita a un Robin Hood diverso, non l'eroe perfetto e senza macchia, ma un uomo coraggioso con le sue contraddizioni e i suoi difetti, che però alla fine sceglie di giocarsi il tutto per tutto, combattendo per quello in cui crede.Inizialmente, invece, ero un pò scettica sulla scelta di Cate Blanchette per impersonare Lady Marian,  ma mi sono dovuta ricredere: la scelta è più che azzeccata, perchè questa non è la solita Marian, la damigella in pericolo che aspetta il suo eroe, ma è una donna tostissima, che sa difendersi benissimo da sola, che tira con l'arco e -udite udite!- scende in battaglia al fianco del suo uomo! Fantastica!!!Se poi pensate di trovarvi davanti la solita storia di Robin Hood e soci in calzamaglia, che vivono nei boschi e rubano ai ricchi per dare ai poveri, in attesa del ritorno del buon Riccardo Cuor di Leone, beh allora -proprio come me- rimarrete stupiti: questa è la storia della nascita della leggende di Robin, è il "prima", con molte differenze rispetto ai film già visti, con situazioni inedite e personaggi nuovi che vi faranno restare ancora più incollati allo schermo. Una vera rilettura del mito.
Davvero stupenda la fotografia e le ambientazioni... in viaggio dalla Francia all'Inghilterra, vediamo dei paesaggi mozzafiato: dai castelli assediati, alla nave che solca il Tamigi, alle coste inglesi..Quello che mi ha positivamente colpito è anche l'ironia che c'è in tutto il film e che non mi aspettavo, visto il genere; le battute, soprattutto dei compagni di Robin o del grande Max von Sydow, nei panni di Sir Locksley, contribuiscono ad alleggerire l'atmosfera e a rendere il film ancora più gradevole.
Davvero un film ottimo!!!!
TRAMANell’Inghilterra del XIII secolo, Robert Longstride è un abile arciere dell’esercito di Riccardo I, impavido sovrano in guerra coi francesi. Una freccia uccide il monarca e convince Robert e i suoi amici a congedarsi dall’armata e a fare ritorno a casa, ma nel tragitto soccorrono Sir Loxley, incaricato di annunciare l’avvenuta morte di Riccardo e di consegnare la sua corona. Sul punto di morte il nobile uomo strappa all’arciere una promessa, dovrà restituire la sua spada al vecchio padre nella contea di Nottingham. Uomo di parola, Robert si recherà nella tenuta di Loxley, dove per volere del vecchio Walter assumerà l’identità del figlio defunto e i diritti sulla bella consorte, Marion. Superba e riottosa, la donna non vuole saperne di quell’impostore che si rivela però gentiluomo. Scoperto di essere figlio dell’uomo che scrisse la Carta della Foresta, sventato un complotto francese ai danni dell’Inghilterra e deciso a reagire ai soprusi di Giovanni Senzaterra e senza cuore, Robert impugnerà arco e frecce e cavalcherà coi suoi uomini per la vittoria. Restituita la gloria alla sua terra, l’arciere viene dichiarato fuorilegge. Rifugiatosi nella foresta di Sherwood con una Marion ormai innamorata diventerà Robin Hood e leggenda.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Robin Hood di Ridley Scott

    Robin Hood Ridley Scott

    Il tredici a sera ho visto il nuovo film di Ridley Scott con Russel Crowe e Cate Blanchett e sarà stata l'ora tarda, la lunghezza veramente eccessiva della... Leggere il seguito

    Da  Thegirlinthesky
    CINEMA, CULTURA
  • “Robin e Marian”

    “Robin Marian”

    1976: Robin and Marian di Richard Lester Film anomalo su uno dei più celebri personaggi ricorrenti sul grande schermo. A Richard Lester non interessano le... Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • "Robin Hood"

    "Robin Hood"

    Per trovare la primissima versione prodotta per il grande schermo delle avventure di Robin Hood bisogna risalire addirittura al lontanissimo 1908. Leggere il seguito

    Da  Pickpocket83
    CINEMA, CULTURA
  • Life in a day ridley scott

    Life ridley scott

    Sapevo che prima o poi qualcuno l’avrebbe fatto. Il buon Ridley Scott ha deciso di sfruttare al massimo Youtube, il canale di condivisione video più famoso al... Leggere il seguito

    Da  Sushiadv
    CINEMA, CULTURA, DOCUMENTARIO
  • Robin Hood e la furbata di Ridley Scott

    Robin Hood furbata Ridley Scott

    Il personaggio, a metà tra storia e leggenda, di Robin Hood è una tra le più importanti figure immaginifico – letterarie dell’Inghilterra medievale, paragonabil... Leggere il seguito

    Da  Mickpaolino
    CINEMA, CULTURA
  • Robin Hood prima della sua nota leggenda

    Robin Hood prima della nota leggenda

    - Robin Hood – 2010 – ♥♥  - di Ridley Scott Ridley Scott, decisamente astuto e ormai ben dentro alle politiche blockbuster americane, sapeva che di film sulla... Leggere il seguito

    Da  Dylandave
    CINEMA, CULTURA
  • Robin Hood by BBC

    Robin Hood

    E la BBC colpisce ancora potremmo dire. Nel 2006 ha infatti creato un period drama incentrato sul ritorno in patria di Robin Hood e sulla sua vita come... Leggere il seguito

    Da  Mrsfrancis
    CINEMA, CULTURA

Magazines