Magazine Cultura

Hostess in fiera

Creato il 09 maggio 2013 da Farefiera

Hostess in fiera

 

Hostess in fiera: chi sono, di cosa si occupano e che requisiti devono avere per poter fare questo tipo di lavoro.

 

Con il termine “hostess” si intende il lavoro di accoglienza e informazione presso fiere, congressi ed eventi.

Un hostess di bell’aspetto può essere molto importante per un’azienda poiché può attrarre i visitatori, ma bisogna che siano anche un minimo preparate sulle attività dell’azienda che rappresentano.

L’hostess può lavorare negli ambiti e contesti più disparati: dalla fiera, al congresso medico, all’evento sportivo, ad un evento musicale.

L’hostess in fiera è solitamente ragazza di aspetto gradevole, solare, spigliata, educata e preferibilmente con conoscenza di almeno una lingua straniera.

Accoglie i visitatori e dà loro informazioni. In contesti internazionali a volte svolge anche attività di interprete.

Il ruolo principale dell’hostess in fiera è quello di accogliere il pubblico ed orientarlo all’interno dell’evento organizzato. Ma si occupa anche di altri servizi quali la registrazione dei partecipanti, eventualmente con gestione dei documenti necessari da compilare.

 

Che requisiti ci vogliono per fare l’hostess in fiera?

I requisiti per poter lavorare come hostess in fiera sono: bella presenza, un carattere aperto, gentile e spigliato, capacità comunicative e predisposizione ai rapporti umani. La conoscenza di una o più lingue straniere è indispensabile soprattutto nelle fiere internazionali.

Il lavoro dell’hostess in fiera, essendo un lavoro occasionale, è molto adatto a chi ancora studia: la maggior parte delle hostess sono infatti studentesse che vogliono avere un guadagno extra.

 

Come fare per lavorare come hostess in fiera?

Per lavorare come hostess in fiera bisogna rivolgersi alle agenzie che forniscono questo tipo di servizio.

Ci sono agenzie specializzate per hostess e promoter. Se si hanno i requisiti adatti, per essere contattati basta consegnare in queste agenzie foto e curriculum. Le foto non devono essere per forza un book professionale, di solito ci vogliono tre foto: una in primo piano e un paio a figura intera, basta che siano chiare e nitide.

In alternativa si può provare a rivolgersi direttamente al cliente, cioè contattando gli espositori delle varie fiere.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :