Magazine Diario personale

How to rovinare una serie: DEXTER

Da Laprugna @laprugna
Il momento è arrivato, dopo anni di onorato servizio, una delle mie serie preferite in assoluto si è conclusa. Dexter Morgan, il serial killer con il passeggero oscuro ha chiuso i battenti. Le reazioni in rete sono ancora poche, o meglio, quelle italiane sono ancora non pervenute, sono appena usciti i sub, ergo la gente che non ha avuto sbatti di vederlo senza traduzione sta ancora temendo che tutto finisca malamente, per cui sappiate che d'ora in poi, se non avete visto la 8x12 sarà uno spoiler continuo. DEVO SFOGARMI. How to rovinare una serie: DEXTER SPOILER EH. Premetto il pru-pensiero: a me la settima stagione aveva fatto schifo, ho odiato a morte il personaggio di Hannah e il fatto che per parte dell'ottava fosse assente mi aveva fatto ben sperare, poi, ovviamente, è ricomparsa e tutto si è sputtanato definitivamente. L'ottava stagione doveva essere l'apoteosi, doveva portare ad una super evoluzione di Dexter, soprattutto dopo tutte le incoerenze dell'anno scorso, purtroppo però gli sceneggiatori avevano deciso di strafarsi pesantemente durante la creazione degli script, così siamo giunti alla mmerda a cui ho dovuto assistere oggi. Riassumiamo brevemente questi primi undici episodi: Dexter è reduce da una storia d'amore con una killer, una donna che riesce finalmente ad amare e a cui riesce a confidare ogni suo singolo sacrificio alla divinità omicida che alberga nel suo cranio. Deb, sua sorella, ha scoperto la sua vera identità e, dopo aver collaborato con lui all'omicidio di Maria LaGuerta, sbrocca, diventa alcolizzata e lascia la polizia di Miami. Lui continua la sua vita shallissimo fin quando una certa Dottoressa Vogel, arrivata a Miami -apparentemente- per un consulto su un caso della Miami Metro che avrebbe a che fare con un suo ex paziente, gli rivela di sapere tutto di lui, di essere l'artefice, insieme a Harry, del famoso Harry's Code, ovvero il codice che Dexter segue meticolosamente (seeeh, una volta) per scegliere le sue vittime. La stagione prosegue alla ricerca del Brain Surgeon, un serial killer che seziona il cervello delle sue vittime e che minaccia la vita di Evelyn (la Vogel). Il caso pare risolto, uno si chiede "Che diamine faranno?", tutto si scopre a tre episodi dalla fine: il pazzo di questa stagione è il figlio, creduto morto della suddetta dottoressa, di ritorno per vendicarsi della madre che lo aveva chiuso in un istituto psichiatrico. Nel frattempo Deb è rinsavita, molla l'investigatore privato, Elway, per cui lavora e torna in polizia. MA. Perchè a tutto c'è un MA. Torna Hannah, ama Dexter, Dexter la ama e siamo tutti happy, tranne me. Il problemino è che lei è una ricercata, quindi sai, magari in spiaggia non ci si può andare proprio tranquilli, poi sai, Dexter lavora per la polizia, sai. Il nostro serial killer si rammollisce, diventa un serial scemunito e decide che una volta risolta la faccenda del Brain Surgeon convolerà a killernozze con Hannah ed Harrison in Argentina per cominciare una nuova vita. Colpo (AHAH) di scena: la Vogel si riavvicina ingenuamente al figlio, contro il parere di Dexter che vorrebbe ucciderlo, sembra tutto molto bello, peccato che Oliver Saxon, Evelyn's testadicazzoson, uccida la madre proprio davanti a Dexter. Comincia una guerra di logoramento tra i due, guerra che culmina nella cattura di Saxon e nella più grande decisione dimmerda di tutto Dexter: lui decide che è meglio di così, che non lo ucciderà, che lo lascerà alla polizia, tanto è già ricercato, così "Ehi Deb, come on, vieni qua che te l'ho catturato, vai a fare la figa con Batista e dici che l'hai trovato, che tanto lo sappiamo che Batista non capisce un cazzo da otto stagioni, quel coglione!". Mentre si consuma questo quadretto di amore fraterno si capisce che i due son seguiti da un agente degli US Marshall che sospetta che la famiglia Morgan stia aiutando Hannah a lasciare il paese; questo tipo (uno piuttosto figo) entra in una stanza e trova Saxon, questo, con una scusa, lo accoltella e si libera. Deb, tornata dentro dopo aver mollato Dex al suo destino in Argentina, a mangiare tante costolette alla griglia, si trova davanti sto pazzoide armato che la spara e... Fine della 8x11. Già da qui era ben chiara una cosa: FINIRA' DEMMERDA. Andiamo al nostro episodio: How to rovinare una serie: DEXTER
Eh sì, me li ricordo, me li avete fatti subire in ste ultime due stagioni, merde. L'episodio si apre con Dex in procinto di partire con Harrison e Hannah che riceve una chiamata in cui viene avvisato della sparatoria in cui è stata coinvolta Deb. Grazie al cielo ha il buonsenso di posticipare la partenza e correre in ospedale, perchè, come direbbe Walter White, "WE ARE A FAMILY". La situazione è grave ma dopo un'operazione il chirurgo pare ottimista e quindi Deb dice al fratello di andarsene a sfancularsi con la bionda, tanto lei sta bene, non vedi come balla la rumba? Dexter, però, colto da un impeto di lucidità, decide che prima si dovrà liberare di Saxon, che nel frattempo si nasconde uccidendo gente a caso. Finalmente si scopre che questo psycho si sta dirigendo in ospedale, luogo in cui viene intercettato da Batista (che finalmente è utile a qualcosa, a parte avere un ristorante dimmerda e ad avere una sorella senza una vita che passa il suo tempo con un bambino di 4 anni) che lo arresta, ma, purtroppo, nel frattempo la situazione di Deb precipita e la dottoressa che prima aveva detto "I'm optimistic" sbatte in faccia la verità a Dexter: tua sorella sarà un vegetale, spera in un miracolo, ciao. How to rovinare una serie: DEXTER Insomma, ottime premesse. In tutto ciò Dexter si ricorda che lavora in Polizia e che in qualche modo potrà liberarsi di Saxon, così, durante ad un esame da ematologo forense a caso, lo istiga a colpirlo con una penna e lui, contrattaccando stile Kung Fu Panda, lo ammazza spacciandola per legittima difesa, accordata dal sempre più utile Batista. Cosa rimane da fare? Deb non si risveglierà e lui si rende conto dopo 40 anni di essere un pericolo per chiunque lo ami. Bon, dai, andiamo in Argentina, cioè Hannah, dai, vai prima te con Harrison, io devo sistemare le ultime cose prima di una fuga con una ricercata per omicidio. Durante l'uragano che sta per devastare Miami il nostro roscio si reca in ospedale in barca, stacca la sorella dal respiratore e la porta via in barca. So smart. How to rovinare una serie: DEXTER
Sale sulla barca, con la salma di Deb, e si avventura in mare durante un temporale+tornado+morte. Arrivato in un punto indefinito chiama Hannah ed Harrison, dicendo al piccolo che lo ama circa mille volte, chiude la chiamata, butta il telefono in mare e lancia il corpo di sua sorella in acqua. Ah beh, direte, si suicida, è giusto. La scena successiva è la bionda a Buenos Aires, con il pargoletto, che legge sull'ipad (ogni ricercato che si rispetti ne ha almeno uno) che Dexter Morgan è disperso in mare; dallo shock va a prendersi un gelato. Ultima scena: un boscaiolo sistema dei tronchi su un camion, zoom, più zoom, ok è Dexter. MA CHE CAZZO? Sì, lo si vede tornare a casa, solo con i suoi sei metri di barba e l'espressione da "Mai una gioia". FINE. How to rovinare una serie: DEXTER
La mia reazione? DEXTER TI ODIO, MI FAI SCHIFO, SCHIFO. C'erano mille modi in cui far finire una serie che per gran parte è stata meravigliosa, ma questo era sicuramente il peggiore. E' un drama, lo so, non mi aspettavo che uscisse una mandria di unicorni da una nuvola su una superstrada arcobalenata, però, da qui a far crepare l'unico personaggio con un'evoluzione reale, vera e degno di questo nome, beh, ci sono vie di mezzo. Non credo che far morire Dexter sarebbe stato meglio, forse sarebbe stato comodo, facile e molto banale, non so cosa sarebbe stato meglio in effetti, ma sicuramente la morte di Deb in quel modo non ha avuto un senso, con 50 altre storyline da poter portare avanti, no, hanno dovuto chiudere male, lasciando quaranta interrogativi aperti e cominciando già a parlare di spin-off. Ma ce la fate? Non avete saputo concludere una serie fantastica, figuriamoci iniziarne una degna della precedente, ho seri dubbi mia cara Showtime, serissimi. Che la serie fosse decaduta si capiva, mancavano idee brillanti, cosa normale dopo così tante stagione, però boh, delusione totale, la più grande tra tutti i miei telefilm preferiti. Non resta che riporre fiducia nel finale di Breaking Bad, una serie che, contrariamente a questa, si è rivelata un continuo crescendo. Che Walter White sia con voi.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog