Magazine Cinema

«Hugo Cabret» di M. Scorsese

Creato il 02 marzo 2012 da Crichi


«Hugo Cabret» di M. Scorsese"Se ti sei mai chiesto dove vengono creati i tuoisogni, guardati attorno, vengono creati qui."
L’orologio della stazione ferroviaria di Parigi è un ottimopunto di osservazione per il ragazzino dalle mille risorse, Hugo Cabret. Allamorte dei suoi genitori Hugo (Asa Butterfield) è costretto ad andare a vivere con lo scontroso eubriacone dello zio paterno, addetto alla manutenzione degli orologi nella stazioneferroviaria di Parigi ed è proprio lui a insegnargli tutto sugli orologi. Tuttavia, il ragazzino è più impegnato a cercare di scoprire un segreto di suo padre che a segnalare la scomparsa dello zio, ma ciòlo porterà a incontrare un particolare venditore di giocattoli, Papà George (Ben Kingsley) e la sua figliaadottiva Isabelle (Chloë Grace Moret).
«Hugo Cabret» di M. ScorseseLiberamente tratto dal bestseller di Brain Selznick, “TheInvention of Hugo Cabret”, Hugo Cabret è diretto dal premio Oscar, MartinScorsese, che con Johnny Depp, Graham King, Tim Headington  e Rai Cinema l’ha ancheprodotto. 
Al limite tra il genere fantasy e quello del giallo, il film è statorealizzato anche in tre dimensioni, facendo acquisire maggiore rilievo allescenografie del premio Oscar Dante Ferretti, costruite con eccellente maestriatecnica ed estetica, tanto è vero che è chiara l’attenzione neiparticolari storici tali da rendere la narrazione filmica molto coerente eaffascinante. «Hugo Cabret» di M. Scorsese
Inoltre, non essendo impresa facile omaggiare ilmiglior libro illustrato del 2007 (secondo il "New York Time"), il regista spiega la scelta del diverso formato cinematografico, dicendo che “lo spettatore di un film non ha il vantaggio di un lettore, che haaccesso ai pensieri e ai sentimenti reconditi del protagonista. Ma nel film c’èil suo viso straordinario, le sue azioni esaltate dal 3D. La storia avevabisogno di essere modificata, perciò alcuni elementi del libro sono stati eliminati.Ma penso che certe immagini – in particolare in 3D – siano così eloquenti dariuscire a raccontare l’intero libro”.
«Hugo Cabret» di M. Scorsese
Tuttavia, proprio perché tratto da un romanzo, la storiatrasportata nel cinema sembra perdere qualcosa d’importante. Probabilmente ilritmo originale del racconto. Infatti, sembra essere quasi fin troppo discontinuo ilmodo di narrare, così, velocizzando e allungando le scene, si rischia didistrarre spesso lo spettatore. D' altra parte è evidente che in realtà l’intera operavuole essere anche un omaggio alle origini della cinematografia nei suoi contenuti,nelle sue convinzioni e nelle sue abilità tecniche, messe in evidenza dall’ interpretazionedi Asa Butterfield (Hugo) che guarda il mondo scoprendo ogni giorno qualcosa dimeraviglioso, come accadeva a chi realizzava e/o guardava i film delle origini.Poi c’è papà George interpretato da Ben Kingsley  che appare un uomo deluso, nostalgico e che sirivolge al passato pensando a ciò che nel presente non ha più e che rendevala sua vita “magica”, facendo a mio parere passare in secondo piano l'omaggio esplicito al romanzo.«Hugo Cabret» di M. Scorsese
Nonostante ciò, in generale la storia e tutti i personaggi sono caratterizzati dallasperanza che il “passato” torni per capire cosa succede nel “presente”, cosagli riserve il “futuro” e come dice Hugo, gli piace "immaginare che il mondo siaun unico grande meccanismo. Sai, le macchine non hanno pezzi in più. Hannoesattamente il numero e il tipo di pezzi che servono. Così io penso che se ilmondo è una grande macchina, io devo essere qui per qualche motivo. E anche tu!”.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Unfriended

    Unfriended

    Questo film sono andato a vederlo al cinema proprio ieri sera, con due amici, dei quali uno è l’altro amministratore di questo blog, Fabio Buccolini, e ve lo... Leggere il seguito

    Da  Fabio Buccolini
    CINEMA, CULTURA
  • il sequel di Shantaram.

    Dopo dieci anni, Gregory Roberts ha finalmente pronto il sequel del romanzo che lo ha reso famoso in tutto il mondo, riscattando il suo passato di eroinomane,... Leggere il seguito

    Da  Atlantidelibri
    CULTURA, LIBRI
  • Sweeney todd - il diabolico barbiere di fleet street

    Sweeney todd diabolico barbiere fleet street

    (Sweeney Todd: the demon barber of Fleet Street di Tim Burton, 2007)È ormai da tempo che il mio rapporto con i film di Tim Burton si è (definitivamente?)... Leggere il seguito

    Da  Lafirmacangiante
    CULTURA, LIBRI
  • Donnie Brasco

    Donnie Brasco

    Regia: Mike NewellOrigine: USAAnno: 1997Durata: 127'La trama (con parole mie): Joseph Pistone, agente dell'FBI al lavoro su un'operazione di infiltrazione... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Edward mani di forbice | The Tree of Life

    Edward mani forbice Tree Life

    Edward mani di forbice MTV (canale 8) ore 21:10 Probabilmente la storia la conoscono anche le pietre: Peggy, una ragazza che vende cosmetici porta a porta,... Leggere il seguito

    Da  Alessandro Moccia
    CINEMA, CULTURA
  • Fast and kung furyous

    Fast kung furyous

    Condividi Kung Fury (cortometraggio, Svezia 2015) Regia: David Sandberg Sceneggiatura: David Sandberg Cast: David Sandberg, Jorma Taccone, Erik Hörnqvist,... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CULTURA

Dossier Paperblog

Magazines