Magazine Società

I 5000 che devono decidere per il Paese.

Creato il 14 gennaio 2011 da Samuelesiani
I 5000 che devono decidere per il Paese.
Tra questa notte e domani si saprà cos’hanno scelto i 5000 dipendenti FIAT.
Su di loro è ricaduto l’intero peso della faccenda. Una scelta ingiusta che li ha messi spalle al muro a causa di una dirigenza del paese ormai allo sbando o collusa.
 
Sindacati che hanno accettato regole che nulla hanno a che fare con un piano produttivo e che appaiono ormai il braccio destro delle imprese, forse guardando ad altro: magari a diventare i nuovi uffici di collocamento (del resto, cosa c’entra con un piano industriale il fatto che le RSU non siano più votate dai lavoratori ma nominati dalle Organizzazioni Sindacali stesse? E come si può accettare che un qualunque sindacato che non accetta i diktat venga messo alla porta?).
 
Il Governo che nulla ha fatto per governare, appunto, questo complicato passaggio lasciando Marchionne libero di fare quello che voleva. Sacconi interessato soltanto a far fuori la CGIL, Berlusconi ormai delirante e senza nessuna decenza.
 
Il partito principale dell'opposizione, che ha nella sua dirigenza personaggi ambigui o totalmente inaffidabili come D’alema che scaricano tutto sui lavoratori (“decideranno i lavoratori nel referendum”) e che si concentra solo sul proprio ombelico e a far conte interne laddove si dovrebbe uscire per sostenere chi, quella scelta, ce l’ha davanti al naso come una pistola; una opposizione che se vede nel sopravvalutato Renzi il futuro che avanza, ci garantirà le destre al potere per i prossima 30 anni.
Un paese così sarà schiavo sempre. Non solo dei poteri forti; tra poco, anche da quelli deboli.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il paese delle patacche

    paese delle patacche

    In questi ultimi anni l'opinione che gli italiani hanno dell'Italia è, a parole, cambiata moltissimo. A fatti, si tratta sempre della stessa malinconica musica. Leggere il seguito

    Da  Alessandro
    SOCIETÀ
  • Il paese dei balocchi

    paese balocchi

    Secondo alcune statistiche, l'Italia è il paese con la più bassa percentuale di ragazzi che chiedono ai loro professori nozioni o consigli sull'educazione... Leggere il seguito

    Da  Rospoboccalarga
    SESSO, SESSUALITÀ, SOCIETÀ
  • Un Paese a pezzi

    di Ghassan Charbel “L'America uscirà a pezzi dall'Iraq”, così dice il politico iracheno, con un sorriso stampato sul volto. Ricordo di aver sentito questa... Leggere il seguito

    Da  Hyblon
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Un paese a pezzi

    paese pezzi

    Un altro edificante biglietto da visita del nostro paese. Guardate come sono ridotte le lampade su Viale del Ministero degli Affari Esteri. Rotte e usate come... Leggere il seguito

    Da  Riprendiamociroma
    ECOLOGIA E AMBIENTE, SOCIETÀ
  • COME UN AZIENDA , LA BIOSHAPE, PUò ROVINARE IL POPOLO DI UN PAESE, LA TANZANIA,...

    COME AZIENDA BIOSHAPE, ROVINARE POPOLO PAESE, TANZANIA, SOLO SUOI INTERESSI

    La Bioshape, azienda olandese, è in bancarotta dopo aver dilapidato 7 milioni di euro in un progetto di biocarburanti in Tanzania che non è mai decollato. Leggere il seguito

    Da  Madyur
    ECOLOGIA E AMBIENTE, SOCIETÀ
  • Cose dell’altro paese

    Questo fine settimana è tornato in Italia per qualche giorno il nostro amico che studia musica a Rotterdam. In teoria il piatto forte doveva essere composto... Leggere il seguito

    Da  Paz83
    SOCIETÀ
  • Potenzialmente un gran paese

    Potenzialmente gran paese

    Al mondo ci sono moltissime nazioni che potenzialmente sono grandi. Potenzialmente perchè hanno di sicuro una serie notevole di requisiti per essere luoghi... Leggere il seguito

    Da  Andrea
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine