Magazine Diario personale

I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)

Da Madhouse @serenamadhouse
il titolo di questo post è liberamente ispirato al libro "I ventitre giorni della città di Alba" diBeppe Fenoglio (Einaudi)
  domenica 30 giugno 2013

I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)

il libro che mi sono portata in viaggio, un dettaglio della mia maglietta comprata il 25 aprile e il castello di grinzane nel mio braccialetto teschiato!!!

Rieccomi a raccontarvi dell'ultimo finesettimana di questo giugno, è domenica mattina, abbiamo fatto tardissimo alla Mekka Chopper dove suonavano i Golden Shower, però abbiamo dormito benissimo, che silenzio da Mammanella, a pochi chilometri da Alba e soprattutto... che colazione colossaleCredo che il dolce alle nocciole che la padrona di casa a preprato per noi e il rotolo (che inizia con un ripieno di marmellata e finisce con uno di golosa crema alle nocciole) resterà negli annali della mia golosaggine! Ma andiamo avanti...(AH! la signora del B&B mi ha regalato anche le nocciole dei suoi noccioleti, tostate da lei e raccolte dal marito!!e ci da una preziosissima dritta: a pochi minuti c'è EATALY, il supermercato di qualità di Luca Montersino e noi... CI PRECIPITIAMO!)
I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)

I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)
 Per me questo posto è una sorta di Paradiso Terrestre, non ci uscirei più, abbiamo fatto un super shopping (un golosissimo super shopping), e ho lasciato il cuore su un libro sulla Resistenza Albese che, prima o poi, spero di ritrovare...
I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)
 ITALY IS EATALY è una delle poche realtà imprenditoriali italiane vincenti, presto pare che aprirà anche a Firenze, intanto c'è anche l'e-shop: EATALY 
I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)
 Ci accompagna il paesaggio langhigiano mentre ci rimettiamo in moto, salutiamo Alba e i suoi dintorni con la speranza di tornare presto, per percorrere con più calma le vie dei racconti fenogliani e i luoghi che furono teatro di episodi importanti della nostra storia recente.Ricordo che Alba fu Repubblica Partigiana, in breve i fatti storici da wikipedia.
La Repubblica partigiana di Alba fu un'entità politicamente autonoma che ebbe esistenza breve (dal 10 ottobre al 2 novembre 1944) ad Alba, nell'Italia settentrionale e che si inserisce nelle cosiddette repubbliche partigiane, di cui la prima fu la Repubblica del Corniolo.La Repubblica fu chiamata così per ricordare quella istituita da Napoleone dal 1796 al 1801 in Piemonte.Sorta come presidio di resistenza locale contro il fascismo durante la seconda guerra mondiale, il 10 ottobre 1944 il 1º Gruppo Divisioni Alpine comandato da Enrico Martini "Mauri", occupa la città in pratica senza combattere. Le Brigate Garibaldi e le Brigate Giustizia e Libertà, si aggregano successivamente e nel momento del contrattacco delle forze nazifasciste partecipano alla battaglia per la difesa, che risultò inutile.


« Alba la presero in duemila il 10 ottobre
e la persero in duecento il 2 novembre
dell'anno 1944 »(Beppe Fenoglio, I ventitré giorni della città di Alba)
 La nostra prossima meta sarà il paese di MANGO, il paese de IL PARTIGIANO JOHNNY e UNA QUESTIONE PRIVATA. Ma soprattutto, come diceva Calamandrei,  uno dei luoghi dove è nata la nostra Costituzione.
I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)
 
I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)
 (...) lo assegnò comandante in seconda del presidio di Mango (…) Dalla finestra del comando Johnny potè scorgere tutto il suo destinato paese, sfumante le sue case e compattante la sua tetraggine nell’ora del vespro, alto ed arroccato a nord ed ovest, i due punti cardinali dove stavano i fascisti di Alba e Asti.
Beppe Fenoglio
da "
Il partigiano Johnny"


I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)
I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)

Mango paese e  parco letterario, silenzioso e deserto, inizia a fare caldo, il Monumento ai caduti della Seconda Guerra Mondiale e Guerra di Liberazione, il castello di Mango (che è anche un ristorante in cui noi NON andremo per mancanza di fondi, hem!) e il palazzo del Municipio, sventola il tricolore...Iniziamo il percorso...
I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)
I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)



Le sei erano appena battute al campanile di Mango. Con la testa fra i pugni, Milton sedeva sulla panca di pietra davanti all’osteria.
Beppe Fenoglio
da "Una questione privata"


I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)


I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)



Entrarono in Mango nel canuto alto mattino (...) Procedettero al cuore del paese, fra grasse, vivide iscrizioni fasciste in vernice nera, incredibilmente ricca e fresca e moderna sui vecchi muri salnitrosi. Qualche donna da una finestra o da un’altana guardò e scansò il loro risguardo con aria di disgrazia.
Deviarono all’osteria, che era stato il loro locale d’ogni giorno, e la sala di rapporto e di udienza di Nord nei buoni tempi, ed aveva ospitato tanti partigiani quanti nessun similare locale sulle colline. Ora il locale appariva violato e saccheggiato, con il piancito profondamente maculato e solcato, come calpestato da uomini armati con tacchi corrosivi, gli scaffali dei vini ghignavano per la rapina delle bottiglie, la vasta e bassa cucina era muta e gelata in quell’ora prossima al mezzogiorno.
Beppe Fenoglio
da "Il partigiano Johnny"


I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)




Milton partì di lì e si fermò non prima dell’ arco al principio del paese. Guardò lungo in direzione di Benevello e Roddino. La nebbia si era sollevata dappertutto, in basso non ne restava che qualche francobollo appiccicato sulla fronte nera delle colline. La pioggia cadeva sottile e regolare, senza disturbare minimamente la visibilità. Torse la testa dall’altra parte e guardò in profondo verso Alba. Il cielo sulla città era più cupo che altrove, decisamente violetto, segno di una pioggia molto più violenta.
Beppe Fenoglio
da "Una questione privata"


I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)


E poi cammina, cammina per le deserte vie di Mango, tra suggestioni e ricordi di romanzi e racconti letti ci accorgiamo di avere una certa fame, occhiamo una trattoria al centro Sportivo di Mango... Posto molto bello e dove abbiamo mangiato bene, ma andiamo con ordine...
I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)
Che dire dei grissini?!? mai mangiati di così buoni come in questi giorni piemontesi, questi poi del circolo sportivo erano lunghissimi, ottimo anche il pane e la pasta fritta che ci hanno servito con buonissimi salumi e frittatine, e poi il vitello tonnato, buono anche quello, anche s eio non mangio il pesce, così me ne hanno portato una porzione con la maionese (fatta in casa e buonissima anche quella, così come la carne) e poi... mentre stavo già pensando a come sopravvivere a quel pranzo che si preannunciava lunghissimo, è arrivato il cameriere con una pirofila di carne battuta, "urrà!".. volevo scappare! Alla fine questa volta è toccata anche a me, che dire?! la carne è buona (e siccome mio zio e mio cugino sono   macellai e anche allevatori di mucche piemontesi, un po' me ne intendo!), servita con limone, ma lo trovo un piatto a cui si potrebbe tranquillamente rincunciare, ecco, questione di gusti e di punti di vista, oltretutto l'ho digerita il giorno dopo, GASP!E poi due primi, tagliolini ai funghi e tordelli al ragù (in realtà piccoli come tordellini), che sinceramente non erano un granché e c'era il burro che a me non piace molto... Ma comunque abbiamo mangiato come sfondati (almeno per i nostri canoni di Toscani)E poi siamo ripartiti, evitando questa volta l'autostrada, abbiamo fatto una strada panoramica molto bella dove, finalmente, abbiamo incontrato di nuovo qualche bosco, un po' di alberi! Fa piacere visto che le Langhe devono aver subito un drammatico disboscamento.. 

I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)

Sulla via del ritorno a casa (che sarà ancora luuunga, incontriamo la casa natale di Cesare Pavese a san Benedetto Belbo (che vergogna: non ho mai letto nulla di Pavese, sob) e un paese col nome del mio nonno..Terzo!


I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)

Boschi finalmente! è un castello Rocca Grimalda e una mostra di costumi folkloristici..

Ci fermiamo un po' a Rocca Grimalda, bel paese con una bella terrazza panoramica, un castello (è ristorante e B&B)e una interessante mostra sui costumi di vari carnevali italiani e no, i più interessanti (e inquetanti!) sono quelli sardi e quelli rumeni...Ma ci sono altri due motivi per cui siamo stati contenti di esserci fermati qui: gli anziani (era davvero tanto che non vedevo delle eprsone così anziane) che girottolano per il paese e che siamo stati molto contenti di salutare ricambiati e una frase di Cesare Pavese in cui ritrovo perfettamente il mio significato di paese, anche s epurtroppo il mio si è un po' "spaesato", ma tornarci è sempre bello...
I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)

I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)
I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)

Bella vista e... si vede anche l'autostrada, be'..prima o poi dovremmo riprenderla ma intanto ci dirigiamo verso un altro castello (che purtroppo non sono riuscita a fotografare), il castello di Silvano... Arriviamo nel bel mezzo di una festa paesana e scopriamo che il Castello e il parco circostante, un tempo  visitabili e messi al servizio della cittadinanza, sono ora inaccessibili al pubblico e super recintati, da quando sono diventati di proprietà di un ex dirigente FIAT. Il bello è che un esponente del PDL locale (ma forse ha sbagliato "partito"?!) ha protestato contro questa proprietà privata, proprio loro che vogliono privatizzare tutto e ce l'hanno tanto col comunismo, be'forse eprchè non sanno neanche cos'è il comunismo!...beata ignoranza!!!e qui finisce la lunga e tediosa cronaca di questo viaggetto nelle Langhe che ci ès ervito davvero per staccare la spina dall'insolito e faticoso tran-tran delle ultime settimane (soprattutto per il mio Lui)e ora....quello che abbiamo comprato da EATALY!!!

I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)

..dimenticavo.. le nocciole che mi ha regalato la proprietaria del B&B

I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)

I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)

I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)

I due giorni della città di Alba (capitolo secondo)

il braccialetto che mi hanno regalato alla bancarella dove il mio Lui ha preso una camicia vintage made in Honolulu al MekkaChopper



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog