Magazine Politica

I piccoli Goebels del bunker di Kiev si ridimensionano, di Max Bonelli

Creato il 24 gennaio 2015 da Conflittiestrategie

Scritto da: Giuseppe Germinario

I piccoli Goebels del bunker di Kiev si ridimensionano. La settimana passata si e´guadagnata un piccolo posto nelle pagine di storia della Russia. A partire dal 13 gennaio i consueti bombardamenti ucraini che annunciavano l´alba come ogni giorno negli ultimi due mesi presero un andamento continuo e di vero martellamento della citta´ di Donetsk. Dopo un paio di giorni di proteste le forze di DNR(repubblica di Donetsk) dopo un acceso incontro tra il comandante delle forze ucraine all´aeroporto e il presidente di DNR Zakarcenko sfociato quasi nella rissa fisica, si preannunciava l´attacco finale al nuovo terminale posizione strategica difesa fino a quel momento da un misto di elementi della 93 brigata, Pravy Sektor e mercenari polacco americani . I reparti di punta di Dnr prendono il terminale tra la notte del 16 e del 17 ed iniziano la pulizia dagli ulltimi difensori. Gli Ucraini che tutti ritenevano in procinto di un attacco devastante anche a causa dei roboanti proclami di "Porkoshenko" e dei suoi accoliti, vanno in panico ed incominciano oltre al disumano bombardamento indiscriminato delle principali citta´ del fronte (Donetsk e Gorloka), una serie di attacchi in cui solo il primo e´ abbastanza ben congegnato. In questo primo tentativo due colonne corazzate una con direttrice ovest-sudest dal villaggio di Peski e l´altra da Avdeka con direttrice nord-sudovest, provano a tagliare la circonvallazione dell´aeroporto per isolarei reparti di DNR all´interno dell´aeroporto dal resto della citta´. La colonna di Peski viene respinta ma quella di Andreivka passa il ponte di Putilovka HYPERLINK "https://www.youtube.com/watch?v=Z7sNDr2Sxr0&x-yt-ts=1421914688&x-yt-cl=84503534″https://www.youtube.com/watch?v=Z7sNDr2Sxr0&x-yt-ts=1421914688&x-yt-cl=84503534 con 5 carri armati e blindati e sorprende 3 carri di DNR a fare rifornimento di munizioni, la battaglia sembra volgere a favore degli Ucraini che distruggono i 3 carri ma sopraggiungono i rinforzi del battaglione Somalia del comandante Givi. Gli specialisti anticarro ed il sacrificio del ponte che viene distrutto per impedire i rinforzi decide le sorti della punta di lancia ucraina. Tutti gli altri 5 successivi attacchi all´aerea dell´aeroporto sono contrassegnati da disfatta completa degli "Ukrop=finocchio" come vengono denominati dai secessionisti (un soprannome non proprio politically correct nei confronti degl omosessuali ma siamo nella terra dei cosacchi cosa pretendete, peggio di un omosessuale c´e´ solo la categoria degli astemi). Le perdite saranno superiori ai 500 morti con la cattura del comendante della 93 brigata numero Oleg Mikats numero3°nella lista elettorale alle elezioni parlamentari per PravySektor. Tutto questo viene passato in silenzio dai principali quotidiani italiani di centro sinistra, la troika mediatica del potere Repubblica,Corriere e La Stampa. In quei giorni parlano solo dell´eccidio di Volnovaka che poi risultera´ frutto di una attivazione non voluta di un campo minato ucraino posto in maniera incosciente troppo vicino al posto di blocco.Solo a Gorloka a causa dei bombardamenti che prendono inizio dal 13 fino ad oggi si contano quasi 300 morti tra i civili, ma questo nel silenzio assoluto della nostra stampa che evidentemente risponde a ben altri doveri rispetto a quelli informativi. Dopo l´annuncio di Poroshenko dell´offensiva si aspettavano la caduta della capitale o perlomeno di Gorloka ed invece arriva la notizia che DNR come un bravo pugile dopo la difesa passa all´uno due in contrattacco e conquista Peski dove arriva a preparare l´assalto ad Avdeka. In quel momento inizia lo shock internazionale, in primis gli Americani che si ritrovano che i loro "Advisor" non riescono a rendere questi bravi ragazzi dalla svastica facile una armata vincente e si accorgono che anche quando provano a far vedere come si fa, la mortalita´tra gli yankee e´ alta. I russi (quelli di DNR si definiscono tali e dicono con orgoglio che in Donbass i russi ci sono da 4 secoli) non solo sparano bene ma hanno tattiche innovative e soprattutto hanno una missilistica antiaerea di tutto rispetto che riesce ad azzerare l´aerounatica ucraina..Abituati dalla seconda guerra mondiale ad usare bombe al fosforo od al naplan per fare il lavoro sporco e poi si mandano i marines a fare un lavoro di pulizia, non e´ facile inventarsi nuove tattiche al di fuori di questi schemi. Per farla breve l´amministrazione Obama si rende conto che sul terreno loro i "cosacchi"sono una brutta bestia e grandi alternative dopo aver dissanguato economicamente gli europei in dissennate sanzioni non ne hanno. All´ultimo G7 beccano un no a nuove sanzioni sia dalla Merkel che dal fido alleato nipponico. La nostrana troika mediatica di piccoli Goebels, si rinchiudono in un mutismo rassegnato fin quando il 21 la pagina facebook del battaglione nazista Azov(quello che ha per simbolo la runa del lupo portata dalla triste divisione ss Ucraina Galizia) ammette che l´aeroporto e´caduto. Repubblica si sveglia dal torpore e fa un servizio sulle rovine dello scalo "Ci sono voluti mesi per ottenere l'autorizzazione per entrare nell'aeroporto di Donetsk, mesi di contatti e di mediazioni.Ci siamo entrati dalla parte delle milizie filorusse. La stampa occidentale li chiama i "separatisti" o "ribelli". Loro, invece, si sentono i "difensori" della loro terra, della loro identità. L'identità di una popolazione che si sente russa." Hanno tirato la volata ai nazisti per un anno che si sono macchiati dei peggiori crimini in europa dalla fine della seconda guerra mondiale ed adesso che Zio Tom rimane perplesso sul da fare..si ricordano dell´informazione giornalistica....Trovano anche il tempo di parlare dell´ultima strage al quartiere Leninsky 13 vite falciate su un filobuss di lavoratori da una salva di mortai da 81 che un gruppo di sabotatori ucraini ha tirato su uno dei quartieri fino ad allora tra i piu´ tranquilli e quindi piu´attivo durante le ore del giorno. Anche il Corriere della Sera s´illumina sulla via di Damasco e ricomincia a riportare le notizie, "l´aeroporto in mano ai secessionisti,i ribelli guadagnano porzioni di territorio" oppure" HYPERLINK "http://www.corriere.it/esteri/15_gennaio_23/ucraina-putin-accusa-kiev-lanciata-grande-operazione-militare-8e38e512-a2f9-11e4-9709-8a33da129a5e.shtml" Putin ha precisato che l'Ucraina non ha risposto a una proposta da lui fatta, tramite lettera, a Poroshenko, di cessate il fuoco e anche di ritiro dell'artiglieria pesante da entrambe le parti, ma il lato ucraino ha respinto il piano e non ha proposto nulla." Il padrone Obama non sa dove indirizzare il cavallo e la cavalcatura prosegue per la strada che conosce ..quella dell´informazione di base. Solo La Stampa grazie alla Zafesova continua sul sentiero della "disinformazia" "i giorni di silenzio dei cannoni a dicembre sono già finiti, sostituiti da una pioggia di missili e decine di scontri." Gli abitanti di Gorloka e dei quartieri Nord di Donetsk hanno visto solo le pareti dei rifugi anche nel mese di dicembre in media un paio di civili morti al giorno costava il silenzio dei cannoni ucraini. Ma nel suo partito preso si lancia in pezzi esilaranti "La guerra è tornata, e la caduta dell'aeroporto di Donetsk, del quale dopo 240 giorni di assedio restano solo rovine, difese fino all'ultimo da militari e volontati ucraini che si sono guadagnati dai loro nemici il soprannome di "cyborg". In realta´ il soprannome era ben altro ma lasciamo stare.. ma presa dalla disperazione della situazione militare si abbassa in onanismi politici dove la Russia sta scaricando un Donbass in mano a dei pericolosi esaltati. In realta´ la situazione militare per Kiev sta precipitando nei prossimi giorni si preparera un mega calderone a Debaltzevo che forse puo´ portare ad una svolta militare con conseguenze politiche per il potere ucraino devastanti. Tra i secessionisti il grido e´ solo uno"Davai ,k pabede Avanti fino alla vittoria". Max Bonelli


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog