Magazine Astronomia

Il BAMBINO INTERIORE NELL'OROSCOPO

Da Colorefiore @AmoreeDintorni
Il BAMBINO INTERIORE  NELL'OROSCOPOIl bambino interiore che è in noi rappresenta nella sua forma più elementare, la forza motrice primordiale, quella che dà vita al nostro universo personale. È quella forza che ricerca le esperienze e il senso, quella che dà all'essere umano il desiderio di giocare, che dona capacità di gioire e talenti quali l'ispirazione e il senso della bellezza; è la parte di noi che ama e vuole essere amata, quella che è al di là del tempo, sempre giovane e fiduciosa nella vita stessa. E' il ricercatore, l'inventore, "il creatore" in noi, colui che vuole sapere come funzionano le cose e prenderne parte attiva per farle funzionare. Ci lascia vivere la dimensione di "flow": fluire ma nel contempo essere immersi in ciò che stiamo facendo. Il bambino interiore libero, vive attraverso l'intelligenza del suo cuore, è completamente integrato nel presente, è intuitivo e racchiuso in un mondo tutto suo, nel quale il tempo scorre a una velocità differente, secondo ritmi e regole proprie. Essere in contatto con il nostro bambino interiore significa perciò essere collegati con il suono primordiale della nostra anima. È un ritrovarsi di fronte alla fonte originaria della nostra vita, là dove proviamo una gioia profonda, poiché sappiamo con chiarezza ciò che veramente vogliamo e la forma che questo desiderio può prendere. Il nostro bambino interiore dunque, fonte originaria, primordiale, conosce il vero motivo dello scopo della nostra vita, è perciò il fondamento, la base del nostro essere.
Esso si divide in due poli differenti:il bambino interiore libero, che attraverso la gioia, l'amore e la completezza è in grado di farci accedere alla nostra fonte interiore.il bambino interiore ferito, che vive il presente filtrandolo attraverso esperienze passate fatte di limitazioni, rifiuti e umiliazioni.
Durante la nostra infanzia, il periodo in cui siamo completamente aperti e plasmabili, viviamo questo nostro bambino interiore e siamo così in diretto contatto con la fonte primordiale della nostra vita. Quello che viviamo nei nostri primi anni, ci permette di sviluppare una motivazione che ci riempie di una forza immensa, di desiderio e di una profonda volontà d'intraprendenza per la realizzazione di mete ben precise. In questo periodo, non siamo ancora in grado di pensare coscientemente, ancora non analizziamo razionalizzando nel modo in cui saremo poi in grado di fare più tardi, quando le nostre capacità intellettuali si manifesteranno e svilupperemo la facoltà di contemplare sia noi stessi che gli altri, con un certo distacco. Nell'infanzia ci identifichiamo completamente con le nostre vicissitudini ed è per questo che da adulti, dove questo non accade più in tal modo, non siamo poi in grado di riconoscere questo motivo ancestrale. Esso giace in una regione oltre e prima del pensiero, e già in esperienze che faremo poco più tardi durante infanzia, avremo la percezione che questo non appartiene più alla nostra propria storia personale. Ci apparirà come un qualcosa a parte che appartiene "al mondo" e così che percepiremo il mondo: un qualcosa diviso da noi. La domanda che ne consegue è la seguente: Cosa voglio veramente dal profondo del mio cuore? Domanda che possiamo ribaltare anche nel modo seguente: "Cosa vuole il mio bambino interiore?"
Gli oggetti dei nostri desideri sono in realtà le cose sulle quali dirigiamo e cristallizziamo i nostri bisogni. Non siamo (ancora) in grado di formularli nella loro essenza, ma li identifichiamo con persone e cose che rappresentano ciò che ci sta a cuore. È per questo che dovremmo chiederci, se per esempio il nostro desiderio è quello di avere una barca o un altro tipo di mezzo: "Cos'è che voglio veramente?" "Qual'è la sensazione che credo di riuscire a vivere possedendo questa cosa? Cosa rappresenta il successo che voglio raggiungere? A cosa servono la farmacia, lo studio o la casa che mi voglio costruire?"Cos'altro si nasconde dietro, oltre al fatto che ci si deve guadagnare da vivere o avere comunque un luogo in cui vivere? Inoltre: "Qual'è il legame tra la mia nostalgia e la persona ben precisa che desidero avere come partner?" Qual'è il bisogno profondo che spero di riuscire a compensare?" Sono i rapporti di coppia in modo particolare a soffrire spesso del fatto che, inconsciamente, ci si aspetta dall'altro di compensare mancanze e deficit passati e di "salvarci". È così che ogni desiderio, ma nello stesso modo anche tutto ciò che rifiutiamo, può rimetterci in contatto con la spinta ancestrale di base e riportarci alla nostra essenza.Il BAMBINO INTERIORE  NELL'OROSCOPO
Il bambino interiore feritoIn tutti noi vive anche una parte nella quale vengono memorizzate esperienze che hanno a che fare con la paura, il rifiuto, l'inadeguatezza, l'assenza, la mancanza, l'impotenza, l'umiliazione, la mortificazione, la frustrazione e la delusione. I genitori che trasmettono, attraverso il loro comportamento, sensazioni di questo genere al loro bambino hanno già vissuto nella propria anima ferite del genere, e rivivendole le compensano, riproponendo atteggiamenti simili a quelli che avevano vissuto nel rapporto con i loro genitori. Spesso di questo non ne sono assolutamente consapevoli e nemmeno di ciò che sono gli effetti che si ripercuotono sul figlio. Non sono in grado di capire il mondo del bambino, poiché quello che essi allora provarono, pensarono e vissero è caduto nell'oblio.E' già una gran fortuna avere una madre o un padre "abbastanza buoni". Nonostante questo, determinate tematiche familiari continuano ad essere trasmesse di generazione in generazione e non saranno nemmeno i genitori "abbastanza buoni" o un contesto sociale ideale a impedirci poi di fare esperienze che ci cacciano dal paradiso" e che definiranno il nostro percorso di vita. Un'immagine chiara di un esempio del genere possiamo ricavarla osservando la vita del Buddha, il quale, nonostante fosse estremamente protetto (dalla famiglia), entrò in contatto con la sofferenza del mondo, avendo così la possibilità di realizzare ciò che possiamo definire il suo destino. E' importante infatti considerare che Buddha avrebbe anche avuto la possibilità di "chiudere gli occhi" davanti a quello che aveva visto e ritornare alla sua vita agiata di tutti i giorni. Ma vi fu qualcosa in lui che lo fece decidere di andare per una sua strada ben precisa e di fare ciò che corrispondeva all'impulso più profondo della sua anima.È quello che ci ha ferito e impaurito, quello che per noi è diventata un'esperienza chiave da lasciar segni, che ci porta a porre il nostro bambino interiore "il creatore", di fronte a compiti che lo stimolano a diventare attivo. Osservando bene, possiamo notare che i bambini sono in grado di sviluppare soluzioni strategiche ottimali per le situazioni nelle quali si ritrovano. Questo vale sia in relazione agli aspetti positivi che a quelli negativi della loro vita. Essi manifestano le qualità che hanno già innate, le sperimentano, e quello che funziona lo usano, riponendo quello che non serve. Possiamo dire che nel loro mondo infantile riscuotono notevoli successi. Anche successivamente, nel corso della vita, il nostro bambino interiore adotterà le stesse strategie, modificandole però leggermente.
Perché da adulti si ha molto meno successo che da bambini usando le stesse strategie?Una ragione fondamentale è che si è poco addestrati a trovare il collegamento tra il bambino interiore e l'adulto interiore. Specialmente là dove ci sentiamo feriti o traumatizzati, tendiamo a fermarci a livello emozionale, arrestandoci nel passato. Il bambino interiormente ferito non prende parte al processo di crescita globale. A differenza del bambino interiore libero, inteso come il bambino che mantiene il suo potenziale primordiale creativo e contemporaneamente si prepara giorno per giorno a crescere e diventare adulto, l'attenzione e l'energia del bambino interiore ferito ruoterà sempre intorno alle stesse esperienze. Sembra quasi una stregoneria, quando nella vita adulta le situazioni si continuano a ripetere anche se di volta in volta con personaggi e situazioni sempre nuove. È il bambino interiore ferito, quello che rimette in scena ciò che è rimasto in sospeso e che non è riuscito a gestire prima, rivivendo lo stesso dolore, ma crescendo contemporaneamente. Ogni nuova rimessa in scena offre la possibilità di trovare delle soluzioni migliori di quelle adottate fino a quel momento. Ciò che è riposto nella remota oscurità delle nostre esperienze, può essere dimenticato, ma non ignorato. Anche da adulti si riproporrà nuovamente, spesso sotto forme nuove, diverse e mimetizzato così bene, che a volte riusciamo a riconoscerlo solo in un secondo momento. Il percorso verso la libertà interiore e della realizzazione del sé, passa perciò inevitabilmente attraverso quello del bambino interiore ferito.
Non è questione di "rimasticare" e rielaborare in continuazione esperienze passate per rimettere in discussione il nostro bambino interiore ferito. Si tratta qui più che altro di un processo creativo, nel quale abbiamo la possibilità di riconoscere il filo conduttore della nostra vita per quello che è: un vecchio pezzo teatrale artefatto e scritto da noi stessi in momenti cruciali e poi mantenuto in vita. Un pezzo che di volta in volta ci rimettiamo a recitare.
Così come il nostro bambino interiore ferito, anche il nostro bambino interiore libero rimette in scena le sue esperienze. Questo offre il vantaggio di adottare modelli di comportamento già esercitati e sperimentati. Quando questo succede, è il bambino interiore ferito che sta cercando una possibilità di svilupparsi, superando e lasciando dietro di sé esperienze dolorose e trovando nuove forme più adatte e modelli di comportamento più utili. In questa maniera riesce a liberarsi dal passato smettendo di tentare inutilmente di cercare di colmare vecchi bisogni e desideri con persone che entrano a far parte della sua vita presente. È un passo importante quello di riuscire a interpretare le esperienze in un modo nuovo, vederle sotto una luce diversa e trovare perciò altre visioni e possibilità di nuovi punti di vista. Più siamo in grado di riuscire a smettere di identificarci con il nostro passato o, detto in altre parole, ricavare la nostra identità presente da ciò che abbiamo vissuto in passato, più "spazieremo" e le nostre possibilità aumenteranno. Di conseguenza aumenterà anche la nostra capacità di gioire e di diventare quella persona che in fondo siamo già nella nostra essenza, nell'essenza di quel bambino interiore che ha tutto il potenziale in sé.Il BAMBINO INTERIORE  NELL'OROSCOPO
Esperienze del bambino interiore ferito e le sue corrispondenze astrologiche
Luna / Plutone(Vale per Scorpione all'IC, Plutone al quadrato con l'IC, Plutone in 4a casa, Luna in aspetto a Plutone, Plutone in aspetto al Signore dominante della 4a casa, Plutone in aspetto ai pianeti in 4a casa, Luna in Scorpione)
   controllo, sottomissione   ricatto emotivo, mettere sotto pressione, lamentarsi o accusarsi, castigare usando mutismo   pretendere delle prestazioni, avanzare richieste, avere aspettative   esercitare potere attraverso paura, sofferenza, sensi di colpa, rinunce   ricatti affettivi   forzare, esigere prestazioni impossibili   denigrare, sminuire, limitare e esprimere moralismo   ignorare   mancanza di umorismo    Luna / Urano(Vale per Acquario all'IC, Urano al quadrato con l'IC, Urano in 4a casa, Luna in aspetto a Urano, Urano in aspetto al Signore dominante della 4a casa, Urano in aspetto ai pianeti in 4° casa, Luna in Acquario)
   comportamento iperprotettivo e iper-apprensivo   mettere esageratamente in evidenza le qualità del bambino   sorpassare limiti, violazioni   disorientare attraverso un comportamento irrazionale, smarrimento, contraddizione, mancanza   di direzione, confusione   svolgere un ruolo di mediatore e "tamponare"   avere un atteggiamento pieno di speranza: il bambino come simbolo della speranza   freddezza emotiva (il pezzo di ghiaccio), castigare attraverso un'improvvisa mancanza di contatto affettivo"...L'Amore circonda coloro che ne sono posseduti,il bambino sempre segretamente tradito,promettendolo al futuro, non suo".
Luna / Nettuno(Vale per Pesci all'IC, Nettuno quadrato all'IC, Nettuno in 4a casa, Luna in aspetto a Nettuno, Nettuno in aspetto al Signore dominante della 4a casa, Nettuno in aspetto ai pianeti in 4a casa, Luna in Pesci)
   abbandono   disinteresse, dimenticanza, disattenzione   confusione, mancanza di chiarezza, disorientamento   perdita   mancanza di controllo, paura   mancanza dell'autorevolezza di uno dei genitori
Luna / Saturno(Vale per Capricorno all'IC, Saturno al quadrato all'IC, Saturno in 4a casa, Luna in aspetto a Saturno, Saturno in aspetto al Signore dominante della 4a casa, Saturno in aspetto ai pianeti in 4a casa, Luna nel Capricorno)
   regole severe e proibizioni, ristrettezze   giustizia "in generale per tutti", che però non corrisponde a giustizia per il bambino   distanza, freddezza, repulsione   stress da iperresponsabilità negli anni giovanili   ambizioni e paure sociali "si deve"   rifiuto e negazione della particolarità del bambino   depressione, serietà esagerata
Tratto dal libro:Brigitte Hamann:Il BAMBINO INTERIORE  NELL'OROSCOPO

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog