Magazine Società

Il buon comportamento, e il buon carattere devono essere dei valori

Creato il 17 febbraio 2013 da Giornalismo2012 @Giornalismo2012
aaaa

- Di Umar A. F.

Viviamo in tempi dove la nostra società cosiddetta ‘moderna’ tramite chi detiene gli strumenti mediatici di informazione, veicola il messaggio che per avere successo in questo mondo, è normale fare leva sull’ignoranza o sviluppare la cafonaggine, la volgarità, l’impudicizia, l’immoralità, l’egoismo più sfrenato, la violenza, la prepotenza, il menefreghismo, ecc.

Con questi ‘comportamenti’ si avrà successo, fama e ricchezza economica.

Ogni antica Tradizione, Occidentale e Orientale, ha stimolato invece l’uomo a sviluppare, come comportamento, ciò che ha di più ‘nobile ed elevato’ dentro di se, “le famose virtù”.
I modelli da imitare erano gli “Eroi” senza macchia che combattevano il male. I Cavalieri della Tavola Rotonda alla ricerca del Gral (la Conoscenza).

Nella nostra Religione Abramica, i modelli da imitare erano i vari Profeti, Noè, Abramo, Mosè, Gesù e il Profeta Muhammad, la pace sia su tutti loro.

Dice Dio l’Altissimo, il nostro Creatore:

? «E in verità di un’immensa grandezza e’ il tuo carattere [O Muhammad].» (Corano 68:4).

? «In verità nell’Inviato di Allàh [Muhammad] vi è per voi un eccellente modello» (Corano 33,21)

La parte più spirituale dell’Islam, il lavoro sul perfezionamento del proprio carattere e comportamento, sul realizzare la ‘nobiltà del carattere’ è un opera fondamentale e principale.

Generosità di cuore, un comportamento cavalleresco, la grandezza d’animo, l’eccellenza o la nobiltà del carattere e del comportamento.

Cosi si trasmette che al momento della Rivelazione del seguente versetto coranico: «Pratica il perdono! Invita al Bene! Allontanati dagli ignoranti». (Corano VII, 199), l’Angelo Jibril (Gabriele) sia venuto a trovare il Profeta e gli abbia detto: «Oh Muhammad, ti ho portato l’eccellenza del comportamento (..) che consiste nel fatto che tu perdoni a colui che è stato ingiusto verso di te; che tu dia a colui che è stato ingiusto verso di te; che tu dia a colui che ti rifiuta il suo dono; che tu renda visita a colui che si è sviato; che tu ti allontani da colui che dimostra incomprensione verso di te, e che tu pratichi il bene nei confronti di colui che agisce male verso di te».

Dare all’amicizia i diritti che le spettano e avere verso lei il comportamento di pulizia che le conviene, consiste nell’avere la deferenza verso colui che è al di sopra di te (spiritualmente), vivere nell’intesa e nell’armonia con i tuoi pari ed essere il compagno amorevole, compassionevole e clemente di quelli che sono sotto di te.

Vuol dire anche essere il compagno dei tuoi genitori restandogli sottomesso e obbediente, quello dei tuoi figli per compassione e interesse nella loro educazione, quello d tua moglie per la finezza e il trattamento che le conviene, quello dei tuoi parenti per un comportamento di benevolenza e generosità, quello dei tuoi fratelli (in Dio) per un amicizia sincera cercando di amarli sempre di più, quello dei vicini evitando loro ogni noia, quello dell’uomo comune attraverso un comportamento fine e accogliente, quello dei poveri rispettando i loro diritti sacri e riconoscendo i loro valori, quello dei ricchi affermando la tua indipendenza di fronte a loro, quello dei Sapienti (in Religione) accettando gli orientamenti che ti danno, quello dei Santi con la tua umiltà, la tua sottomissione e il fatto di non denigrarli mai.

Nei momenti liberi bisogna evitare la compagnia dei pretestuosi e degli innovatori e di quelli che appaiono sotto l’aspetto di asceti al solo scopo di avere discepoli e sfruttarli.

Bisogna inoltre evidenziare che il buon comportamento parte più da un «movimento del cuore» che da regole o convenzioni sociali, perciò ha a che fare più con «l’amore» che con il razionale.

Disse Abu Hafs: «Il buon comportamento consiste soprattutto nell’agire con rettitudine e nel non esigere dagli altri di fare altrettanto».

Dice Ibn Arabi : colui che pratica il buon comportamento non può avere nemici perché: «fa ciò che gli tocca fare e si sottrae da ciò che è in diritto di aspettare (dagli altri)».

Secondo Abu Hafs è colui la cui azione è gratuita poiché è fatta soltanto per Dio, nel solo desiderio di essere conforme alla Verità e non in quello di raccogliere i frutti dell’azione degli uomini. Non rientra in un gioco di scambi, poiché è puro atto di adorazione.

Consiste nella distruzione degli idoli, e l’idolo di ciascun uomo è il suo proprio “ego”.

Il servizio di colui che pratica il buon comportamento, la preferenza che dà all’altro su se stesso, è precisamente “un servizio d’amore”.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il Castello

    Castello

    Quest’estate non avevo previsto vacanze, non secondo i piani, ma poi ho finito per concedermi tre giorni nella Liguria che amo tanto. Sono stato a Riomaggiore. Leggere il seguito

    Da  Paz83
    SOCIETÀ
  • Il campanello

    campanello

    Ieri sera è suonato il campanello di casa con un doppio trillo esattamente come faceva babbo quando, quasi ogni sera, veniva a farsi la chiacchierata con me e... Leggere il seguito

    Da  Laperonza
    SOCIETÀ
  • Il veto

    veto

    A buon intenditore poche parole “Lo stesso no che proibisce, tuttavia, può anche intravedere uno sbocco positivo a lungo termine. Infatti, quella che inizia com... Leggere il seguito

    Da  Tnepd
    SOCIETÀ
  • Il paradosso

    Il paradosso è sotto gli occhi.L'Ilva di Taranto non può chiudere, nonostante l'inquinamento e le malattie che provoca, perché la sua fine costerebbe a noi 8... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Il cavaliere oscuro. Il ritorno

    cavaliere oscuro. ritorno

    Inizio a delineare quello che è lo stile dei film di Nolan.Innanzitutto credo che i suoi film vadano rivisti più di una volta.Non per ricercare significati... Leggere il seguito

    Da  Tanci86
    SOCIETÀ
  • Il putinismo

    putinismo

    IL PUTINISMO Ciò che è successo in Russia a proposito delle “Pussy Riot” condannate a due anni di carcere per vandalismo e istigazione all’odio religioso, fa... Leggere il seguito

    Da  Speradisole
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Il Rotolometro

    Rotolometro

    In ritardo ma si farà. Sta per vedere la luce il nuovo redditometro. Nella giornata di ieri, mister 600mila euro annui, al secolo Attilio Befera, ha... Leggere il seguito

    Da  Giusva
    SOCIETÀ