Magazine Talenti

Il canto a pagina 105.

Da Arturo Robertazzi - @artnite @ArtNite
  • Categoria Cuore
  • Categoria Cervello

Il 17 novembre 1991 le forze croate in difesa di Vukovar, ormai alla fame, ormai esauste, si arrendono.

Molti civili che hanno trascorso le ultime settimane sottoterra, mangiando cibo in scatola in freddissime cantine, raccolti in una lunga colonna di uomini senza speranza, lasciano la città verso Vinkovci portando con sè qualunque oggetto riescano a trasportare. Tra cadaveri e essere umani quasi morti, tra macerie e carcasse di animali, marcia vittoriosa l’Armata Popolare e, nelle strade ventose, proprio dopo l’Hotel 1960, si raccoglie un gruppo di temibili Cetnici. I paramilitari dalla barba lunga cantano in coro:

Slobodan, Slobodan, portaci l’insalata ché ci sarà carne, ci sarà carne: oggi macelleremo i croati!

( Slobodane, Slobodane, šalji nam salate, biće mesa, biće mesa, klaćemo Hrvate! )

È un brano tradotto (liberamente) da “Croatia: a Nation Forged in War“, l’opera di Marcus Tanner, inviato dell’Independent all’epoca delle guerre Jugoslave. Un saggio fondamentale che ripercorre le vicende belliche in cui la Croazia si è ritrovata durante lo scorrere dei secoli. E si parla di Turchi, dei fascisti italiani e dei nazisti tedeschi, degli Ustascia, e si parla, infine, delle guerre degli anni ’90.

“Perché proprio la Croazia?”

Alla domanda, Marcus Tanner risponde così: “Mi sono sempre interessato di Paesi con identità multiple. La Croazia è una di questi: la sua storia intrecciata con quella di Venezia, Austria, Turchia.  Ho cominciato quando la guerra tra Croazia e Serbia era ancora in atto. Quel conflitto mi ha scioccato.”

A me, invece, ha scioccato il canto documentato da Marcus Tanner, il canto dei paramilitari all’entrata di Vukovar, città appena caduta.

Quel canto, e il suo orrore, lo ritrovate in ZAGREB, a pag. 105.

Potrebbe interessarti anche:

  • 13 giugno 2011

    Fast Food, Slow Genocide.

    "Cosa ti hanno fatto esattamente?" "Hanno distrutto tutto ciò che avevo dentro." ... Luci gialle di neon, microfoni accesi, le testimoni parlano. "Hanno fatto quello che volevano. Uno di l...
  • 6 giugno 2011

    Boris Pahor, le farfalle e i capelli impomatati.

    “Cosa ho fatto io per essere odiato.” Queste le parole di Boris Pahor a Più Libri Più Liberi 2010. Parlava di fascismo, Boris Pahor, di Trieste e delle sue storie di confine. Boris Pahor è qu...
  • 30 maggio 2011

    Hanno arrestato Ratko Mladić!

    "Nel nome della Repubblica Serba annuncio che oggi abbiamo arrestato Ratko Mladić", queste le parole di Tadić, attuale presidente serbo, sull'arresto del criminale di guerra più ricercato d'Europa, M...
  • 23 maggio 2011

    La guerra accanto – L’Europeo.

    Nei giorni del Salone del Libro si era sparsa la voce di un'uscita dell'Europeo sulle guerre della ex Jugoslavia. Ma io, preso com'ero dalla presentazione di Zagreb, me lo sono lasciato sfuggire. Un p...

Lascia un Commento

Fare clic per cancellare la replica.

Nome (obbligatorio)

Mail (che non verrà pubblicata) (obbligatorio)

Sito web

Commento


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il brigatista

    brigatista

    Ogni tanto ne sentivo parlare,a volte leggevo qualcosa ma lo scorso anno ne conobbi uno,uno dei volontari che fanno parte delle Brigate di lavoro che da tutto i... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • IL problema!

    problema!

    Dopo LA scelta, anzi prima, IL problema!Forse certe persone, bha, Davide nello specifico, ma anche molti (inclusa la vecchia Zobeide) che forse non commentano m... Leggere il seguito

    Da  Sorellajc
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • il ritorno

    “Fosca, è per quel manifesto. Non potremmo fare i titoli più grandi, no ecco, non così grandi, non so come dire: il carattere... Leggere il seguito

    Da  Foscasensi
    LIBRI, TALENTI
  • Il film.

    Categoria Cuore C’è il protagonista e l’antagonista; c’è il colpo di scena. C’è il plot, la fotografia, le scene tagliate; c’è la colonna sonora. Leggere il seguito

    Da  Arturo Robertazzi - @artnite
    TALENTI
  • Il mattino

    Il settimo racconto breve: Il mattino.Buona lettura. Quando apre gli occhi, senza bisogno della sveglia, trova due cose ad attenderlo.La prima è il buio. Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, TALENTI
  • il mughetto

    mughetto

    “Secondo il linguaggio dei fiori, il mughetto è simbolo della felicità ritrovata, della serenità dopo i travagli. Questo perché, secondo la leggenda, il fiore... Leggere il seguito

    Da  Saraconlacca
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Il bastone

    bastone

    Lui l’ha aspettata dentro, seduto davanti all’altare. Accanto a se ha il suo bastone, l’unico rimasto ora che lei non lo potrà più essere. Leggere il seguito

    Da  Parolesemplici
    TALENTI