Magazine Cultura

Il cappellaio matto

Creato il 22 giugno 2010 da Ragno21

IL CAPPELLAIO MATTOIl Cappellaio Matto (Mad Hatter) è un personaggio inventato da Lewis Carroll apparso per la prima volta nel 1865 in Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie e che ricompare con il nome di Hatta in Attraverso lo Specchio e quel che Alice vi trovò (1871). Come per tutti i suoi personaggi, Carroll non ne dà una precisa descrizione fisica, ma si sofferma più sul comportamento del personaggio e sul suo modo di relazionarsi con Alice. Il personaggio nasce dall’antico detto inglese “Essere matti come un cappellaio” (Mad as a hatter) che derivava dall’usanza di utilizzare il mercurio nella lavorazione dei cappelli, sostanza che aveva effetti rovinosi sulla salute mentale degli artigiani cappellai. La leggenda vuole inoltre che Carroll si sia ispirato a tale Theophilius Carter, estroso inventore di orologi bizzarri, che usava portare un cilindro in testa. Dal canto suo, John Tenniel per disegnarlo si ispirò a Benjamin Disraeli, che aveva già caricaturizzato in una delle sue scenette.

The Mad Hatter (Hatter Mad) is a character invented by Lewis Carroll first appeared in 1865 in Alice’s Adventures in Wonderland and reappears with the name of Hatta in Through the Looking Glass and what Alice Found There (1871 ). As with all his characters, Carroll does not give a precise description of person, but focuses more on the behavior of the character and his way of interacting with Alice. The character that comes from the old English “Being mad as a hatter” (Mad as a Hatter), which stemmed from the custom of using mercury in the manufacture of hats, a substance that had devastating effects on mental health of the artisans hatters. Legend has it that Carroll was inspired by this Theophilius Carter, creator of whimsical watches whimsical, he used to wear a cylinder head. For his part, John Tenniel was inspired to draw it to Benjamin Disraeli, who had caricatured in one of his skits.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Esse matti come un cappellaio

    Esse matti come cappellaio

    Conseguenze e malattie dalla vita di un cappellaio Oltre ad essere un lavoro difficile dove si richiedeva grande maestria, quella del cappellaio era anche una... Leggere il seguito

    Da  Mauser
    CULTURA, CURIOSITÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Il cappellaio

    cappellaio

    Ispirata dal trailer di Alice in Wonderland che ho visto venerdì scorso al cinema, ecco che mi accingo ad andare a rimpinguare le fila delle professioni del... Leggere il seguito

    Da  Mauser
    CULTURA, CURIOSITÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Il Jazz

    Jazz

    Il jazz è caratterizzato dalla preminenza dell'interprete sul compositore e da un forte ricorso all'improvvisa- zione e dall'uso delle blue note.Nasce come... Leggere il seguito

    Da  Robertocassandro
    CULTURA, JAZZ / BLUES, MUSICA
  • Il Matto dei tarocchi – Luciana Ruffa

    Matto tarocchi Luciana Ruffa

    “E’ possibile assumere la scrittura come forma di terapia?In altre parole: è possibile vincere – o per lo meno combattere- una logorante condizione depressiva... Leggere il seguito

    Da  Viadellebelledonne
    CULTURA
  • Il bene e il male

    bene male

    Da popolo a popolo, da epoca ad epoca, le idee di bene e di male si sono cambiate in tal misura da essere arrivate spesso addirittura a contraddirsi. Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Il babirussa

    babirussa

    Carissima Tania, una cosa che mi ha fatto molto ridere nell’ultima tua cartolina, è la tua affermazione di sapere che io ci tengo che mi si facciano gli auguri... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA
  • Il potere…

    potere…

    Ho fatto questo mio mestiere proprio come una missione religiosa, se vuoi, non cedendo a trappole facili. La più facile, te ne volevo parlare da tempo, è il... Leggere il seguito

    Da  Maurizio Lorenzi
    CULTURA