Magazine Cinema

Il cinema con il cappello. Borsalino e altre storie.

Creato il 06 aprile 2011 da Soloparolesparse

Si è da poco conclusa a Milano una mostra che avrei voluto vedere e mi sono perso.
Ve ne parlo lo stesso perchè tra i curatori c’è un caro amico e perchè ho avuto modo di leggere il catalogo della mostra ed è davvero notevole.
Così in realtà vi parlo del catalogo più che della mostra.

Sto naturalmente parlando de Il cinema con il cappello. Borsalino e altre storie.

Il cinema con il cappello. Borsalino e altre storie.

Innegabile che il cappello abbia avuto (e ancora ha) tanta parte nella storia del cinema, e da questo assunto parte l’idea di realizzare la mostra.
Innegabile anche che Borsalino sia il marchio simbolo del cappello nel mondo e soprattutto al cinema, forse l’unico marchio riconoscibile dalla grande massa.

La Borsalino, che è l’organizzatrice della mostra, ha però voluto dedicarla al cappello a tutto tondo e non limitarla al proprio marchio.

Così si va dai cappeli dei Blues Brothers, a quelli di M, il mostro di Dussendorf, alla bombetta di Arancia Meccanica, a quelle di Stanlio e Ollio, ai cappelli indimenticabili di Audrey Hepburn, di Marcello Mastroianni, di Federico Fellini e centinaia di altri.

Il catalogo ha una struttura davvero notevole e mischia pagine tradizionali a pagine in acetato a fotografie lucide, variando tagli e dimensioni.
Spero che dal video che trovate in fondo si capisca qualcosa di più di questo aspetto davvero interessante della pubblicazione.

Ma naturalemente sono interessanti anche i saggi che si trovano in questo mare di materiale fotografico.

Si parte con Gianni Canova che fa notare l’importanza del berretto di Elephant Man, unico segno distintivo del mostruoso personaggio.
Interessante anche il traslare il cappello a persnaggio di cui ci parla Marco Belpoliti.
E immancabile il rapporto tra cappello ed erotismo secondo Francesco Alò.
E vi segnalo anche le “Quindici tese di semotica del cappello” buttate giù da Stefano Bartezzaghi.

Non manca poi ovviamente il saggio (la firma è di Elisa Fulco) sul cappello Borsalino e soprattutto sull’omonimo film di Jacques Deray e sul suo valore a livello di marketing.

E chiudo segnalandovi le splendide tavole di Gianluigi Toccafondo.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il Decameron

    Decameron

    1971, Pier Paolo Pasolini.Eccomi al primo film della "Trilogia della vita" di Pasolini, impresa impegnativa per me ma ci provo, perlomeno a godermeli e... Leggere il seguito

    Da  Robydick
    CINEMA, CULTURA
  • Il debito

    debito

    John Madden è un regista inglese di scuola teatrale divenuto famoso per interposta persona, avendo diretto Gwyneth Paltrow nel celeberrimo "Shakespeare In Love"... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA
  • il cuoppushi

    cuoppushi

    Scendi a comprare le medicine e una voce ti chiama da dentro una pescheria."dotto' volete favorire?".intanto mi so girato perche' mica avevo capito che il... Leggere il seguito

    Da  Cielosopramilano
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il giardiniere

    giardiniere

    Franco viveva al quarto piano di un palazzone, nella periferia " bella" della sua grande città. Non che ci si vivesse male, lì: vita tranquilla, rispettabile e... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Il Festival

    Festival

    Con sessantuno edizioni a quest’anno, Sanremo può essere considerato il Festival per eccellenza. Odiato da molti, atteso da pochi altri, continua a far... Leggere il seguito

    Da  Frankezze
    CULTURA, MEDIA E COMUNICAZIONE, MUSICA, PROGRAMMI TV, TELEVISIONE
  • Il fio

    Dammi spazio di vita, dammi, o Giove, molti anni, questo con la faccia normale e tranquilla, questo solo tu preghi di ottenere anche quando sei pallido in volto... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA
  • Il trasparente

    trasparente

    Uno che finge, come un commediante, che finge una parte, poniamo di re, mentre è un povero straccione. Che c’è di male in questo? Niente. Dovere! Professione!... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA