Magazine Cultura

Il cinipede del castagno

Creato il 18 giugno 2011 da Spaziokultura

 Si è tenuto presso la sala consiliare un importante convegno sul “Cinipede del castagno”. L’incontro è stato organizzato da Sergio Rocca e Francesco Citriniti, rispettivamente assessore all’agricoltura e al turismo. A relazionare è intervenuto Francesco Santopolo, esperto in biodiversità, che ha spiegato come il meglio conosciuto “verme cinese”, diminuisce la produzione di frutti, tuttavia non porta alla morte dell’albero. Il tema è stato particolarmente interessante tanto che i rappresentanti di paesi limitrofi hanno voluto essere presenti e in qualche occasione anche dire la loro. E’ indubbio infatti che di questa nostra terra il castagno è stato per tanto tempo un’indiscutibile risorsa ed è un peccato che oggi versa in queste condizioni. L’esperto ha inoltre inteso sottolineare come oltre alle ricadute economiche, un castagno malato significa che è a rischio uno dei nostri principali simboli. Il cinipede fu provocato dagli innesti di varietà giapponesi su piante europee, innesti che però risultavano già contaminate. Il verme così è passato di regione in regione. Quando il cinipede compare sull’albero ormai il castagno è attaccato. Si è parlato anche di possibili soluzioni a cominciare dal parassitoide “Torymus sinesi” che avrebbe la capacità di mangiare questo verme, purtroppo però sia il reperimento sia l’eventuale all’allevamento del Torymus significano perdita di ulteriore tempo. Francesco Santopolo ha così evidenziato la necessità dell’endoterapia: iniezione di una sostanza nell’albero. A Pentone tuttavia non ci si è limitati a discutere, ma è già stata segnalata la presenza del cinipede all’ufficio regionale competente. Non si perda altro tempo dunque altrimenti il rischio è di perdere il castagno.
    da http://www.infooggi.it/

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il caimano

    caimano

    Ugo Bertotti © copyright. Una vignetta satirica di Ugo Bertotti. Per approfondimenti sull’artista e illustratore Ugo Bertotti vedi le dediche animate ispirate... Leggere il seguito

    Da  Geometriefluideblog
    ARTE, CULTURA
  • Il truffacuori

    truffacuori

    Tua figlia è infelice ma non lo ammetterà mai? Tua sorella sta con uno poco di buono? Tua cugina è sistematicamente tradita? Poco male ci pensa, beate loro, Ale... Leggere il seguito

    Da  Filmdifio
    CINEMA, COMMEDIA, CULTURA
  • Il Festival

    Festival

    Con sessantuno edizioni a quest’anno, Sanremo può essere considerato il Festival per eccellenza. Odiato da molti, atteso da pochi altri, continua a far... Leggere il seguito

    Da  Frankezze
    CULTURA, MEDIA E COMUNICAZIONE, MUSICA, PROGRAMMI TV, TELEVISIONE
  • Il fio

    Dammi spazio di vita, dammi, o Giove, molti anni, questo con la faccia normale e tranquilla, questo solo tu preghi di ottenere anche quando sei pallido in volto... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA
  • Il grinta

    grinta

    Il nuovo caplavoro dei fratelli Coen non è come si può pensare il remake dello storico filom con John Wayne ma bensì la seconda trasposizione su pellicola del... Leggere il seguito

    Da  Mokujanji
    ANIMAZIONE, CINEMA, CULTURA
  • Il Grinta

    Grinta

    Il Western è sempre stato il genere in assoluto più impermeabile a vere o presunte opere di rinnovamento. Il canone linguistico del cinema western, con il suo... Leggere il seguito

    Da  Pickpocket83
    CINEMA, CULTURA, WESTERN
  • Il trasparente

    trasparente

    Uno che finge, come un commediante, che finge una parte, poniamo di re, mentre è un povero straccione. Che c’è di male in questo? Niente. Dovere! Professione!... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA

Dossier Paperblog

Magazine