Magazine Società

Il costo di una pipì

Creato il 16 giugno 2011 da Andresilver @VivereaOrecchio
Il costo di una pipìMi capita sempre più spesso di trovarmi di fronte a facce sbalordite e irrisioni fastidiose quando, parlando di consumo di acqua pro-capite, dichiaro che ogni persona consuma in media giornalmente 250 litri d'acqua e che quindi un nucleo familiare medio di 4 persone ne consuma 1.000 litri al giorno. Probabilmente queste facce sorprese e questi sorrisetti maligni sono determinati dal fatto che la nostra mentalità di consumo è legata solo ed esclusivamente al consumo diretto, ovvero quello che vediamo e gestiamo.
Ovvio è, infatti, che nessuno di noi beve 250 litri d'acqua giornalieri (il consumo di acqua per bere equivale all'1% del consumo giornaliero di acqua) o che non ne utilizza altrettanti per lavarsi e cucinare ma, tralasciando il principio di acqua virtuale (che ho già trattato piuttosto ampiamente in questo post), uno dei consumi apparentemente meno influenti ma soprattutto sottovalutati da molti consumatori è lo scarico del wc.
Già, perché oltre il 30% dei consumi domestici sono dovuti allo sciacquone: avete capito bene, ogni volta che viene azionato, infatti, vengono consumati in media circa 12 litri d’acqua potabile.
Purtroppo questa quantità d'acqua, soprattutto nei sistemi wc di vecchio stampo dotati di unico pulsante, viene spesso sprecata e la maggior parte delle volte non risulta necessaria.
Calcoli alla mano, considerando una media di 5 scarichi al giorno, si arriva a un totale di 60 litri di acqua giornalieri e ad un ammontare complessivo di 21.900 litri di acqua consumata in un anno. Proprio così, per smaltire i nostri bisogni, ognuno di noi utilizza in media 60 litri di acqua potabile al giorno; una quantità esorbitante ed eccessiva per questa funzione.
Il costo di una pipìAl di là del fattore economico, che risulta comunque importante, la considerazione a mio avviso da fare è soprattutto dal punto di vista etico: l'emergenza idrica in cui stiamo vivendo e in cui siamo immersi, che non ha colpito ancora pienamente il nostro paese anche a causa dell'abbondanza dell'oro blu in Italia, sarà sempre più evidente ma è ancora più evidente che, se il consumo pro capite ideale di ogni essere umano di acqua potabile è di 2 litri al giorno, nel mondo, un miliardo e 400 milioni di persone non hanno accesso all’acqua potabile.
L'acqua, infatti, è destinata a rivestire un’importanza sempre più rilevante nei rapporti tra gli Stati, con il rischio di dare origine a violenti conflitti.
In Africa la disponibilità di acqua potabile, reti fognarie e servizi igienici è ancora molto lontana da uno standard accettabile, soprattutto nelle aree rurali, dove meno del 60% della popolazione dispone di acqua potabile e meno della metà di servizi igienici. In Papua Nuova Guinea il 70% della popolazione non ha accesso all'acqua, in Zambia la percentuale è del 73% e in Burkina Faso sale al 78%. Un cittadino nordamericano utilizza 1.700 metri cubi di acqua all’anno; la media in Africa è di 250 metri cubi all’anno. La Commissione mondiale per l’acqua indica in 40 litri al giorno a persona la quantità minima per soddisfare i bisogni essenziali. Con circa 40 litri noi italiani facciamo la doccia, per gli altri rappresenta l’acqua di intere settimane.
Il costo di una pipìSono tristi dati ma la situazione è questa. Come possiamo agire nel nostro piccolo? Cosa possiamo fare, per esempio, per ridurre questo consumo spropositato di acqua di scarico, che è solo uno dei tanti consumi eccessivi ma che sicuramente è uno dei meno utili per ognuno di noi?
Per evitare sprechi inutili, si può dotare lo scarico del WC con sistemi a quantità differenziata, da regolare a seconda delle esigenze, oppure ancora, senza cambiare l'impianto del wc, si possono utilizzare soluzioni alternative come un flussometro o un riduttore/economizzatore, entrambi alternative pratiche, economiche e di facile installazione.
Il costo di una pipìSi calcola, infatti, che i wc predisposti al doppio scarico abbattano il consumo di acqua da 12 (valore medio) a 2,5 litri con un risparmio di 9,5 litri che moltiplicati per il numero medio giornaliero di utilizzi (5 scarichi al giorno) permettono di risparmiare all'incirca 17.337 litri di acqua, sottolineiamo potabile, in un anno.
Il costo di un riduttore/economizzatore si aggira intorno ai 10 euro e può essere installato con un minimo di manualità anche da un utente medio inesperto senza l'ausilio di un idraulico. E' sufficiente appenderlo al tubo che controlla l'uscita dell'acqua come illustrato dalla foto e, agendo come peso, permette di dosare meglio lo scarico.
Spesso e volentieri molte persone con cui parlo e discuto si chiedono in che modo possono fare qualcosa dal punto di vista etico e sociale nel proprio quotidiano, per lasciare un'impronta meno evidente con i propri consumi sul nostro pianeta. L'ipocrisia moderna ci ha portato in una situazione in cui si fanno battaglie e slogan per un mondo migliore ma troppo spesso non si sollevano problemi come quello idrico con soluzioni dirette come quelle indicate, che rappresentano piccole correzioni e gesti che ognuno di noi può adottare e compiere.
Nel mondo, un miliardo e 400 milioni di persone del pianeta non hanno accesso all’acqua potabile e 800 milioni di persone al mondo non hanno un rubinetto in casa. Con una soluzione domestica come un riduttore del costo di 10 euro, ognuno di noi può consumare 17.000 litri di acqua in meno all'anno.
Senza ombra di dubbio, tutto ciò non servirà a risolvere il problema dell'acqua del mondo o a togliere la sete ai cittadini della Nuova Guinea o della Zambia che sono e saranno purtroppo costretti a subire logiche di multinazionali crudeli ed assassine, ma è pur sempre uno dei piccoli e tanti gesti che possiamo abbracciare per una decrescita felice.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il Condor

    Condor

    Di Umberto Bossi si puo’ dire di tutto e difficilmente si mancherebbe il bersaglio perche’ il Condor di Cassano Magnago, checche’ ne dicano i suoi miopi... Leggere il seguito

    Da  Tnepd
    SOCIETÀ
  • Il letargo.

    La giustizia come mezzo la libertà come fine.Non è una ossessione. E non è odio.È vergogna e senso di impotenza.Non è invidia e non è alterigia. Leggere il seguito

    Da  Danilo Baccarani
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Il vizietto

    vizietto

    Les Demoiselles d'Avignon di P. Picasso Non ne volevo parlare perché questa storia mi ha fatto veramente venire la nausea. Anche le riunioni di lavoro si... Leggere il seguito

    Da  Leragazze
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI, SOCIETÀ
  • Il pompiere

    Quando si parla di esami e di scene apocalittiche associate, non dico di averle viste tutte ma quantomeno penso che nella mia carriera scolastica e universitari... Leggere il seguito

    Da  Piesio
    SOCIETÀ
  • Il Feltrino

    Feltrino

    Nicola Porro, un suo giornalista, aveva detto che (Belfagor) Sallusti sarebbe rimasto per sempre il numero due di Feltri. E invece è diventato il direttore, il... Leggere il seguito

    Da  Pierotieni
    SOCIETÀ
  • Il digestivo!

    digestivo!

    "Cosa c'entrano i valori?"“Meno male che in passato non abbiamo seguito i tuoi consigli guidati dai valori, altrimenti oggi non avremmo 17 consiglieri!”... Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Il Caimano

    Il furore profetico di Nanni Moretti. Fantapolitica? Leggere il seguito

    Da  Pim
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine