Magazine Diario personale

"Il cuore della Chiesa non è dove si progetta, si amministra, si governa, ma è dove si prega"

Da Sunwand

Oggi, sala Nervi, penultima udienza generale del pontificato di Benedetto XVI.
fonte: Ansa
"Ho sentito quasi fisicamente in questi giorni per me non facili l'amore" che mi portate. "Continuate a pregare per me, per la chiesa per il futuro papa, il signore ci guiderà". Così, parlando a braccio, il Papa ha concluso un breve discorso prima dell'udienza, in cui ha ricordato che lascerà il pontificato.
..."Come sapete, ho deciso di rinunciare al ministero che il Signore mi ha affidato il 19 aprile 2005", ha affermato Benedetto XVI all'inizio dell'udienza generale, subito interrotto dall'applauso dei presenti. "Ho fatto questo - ha proseguito - in piena libertà per il bene della Chiesa, dopo aver pregato a lungo ed aver esaminato davanti a Dio la mia coscienza, ben consapevole della gravità di tale atto, ma altrettanto consapevole di non essere più in grado di svolgere il ministero petrino con quella forza che esso richiede". "Mi sostiene e mi illumina - ha detto ancora il Papa - la certezza che la Chiesa è di Cristo, il Quale non le farà mai mancare la sua guida e la sua cura". "Ringrazio tutti - ha aggiunto - per l'amore con cui mi avete accompagnato. Continuate a pregare per il Papa e per la Chiesa"...."Convertirsi significa non chiudersi nella ricerca del proprio successo, del proprio prestigio della propria posizione, ma far sì che ogni giorno, nelle piccole cose" la "verità" e l'amore "diventino la cosa più importante, grazie". Con queste parole il Papa ha concluso la sua catechesi in udienza generale.
Giovanna Chirri
Il Papa che ha rinunciato, primo dopo secoli, non è fuggito, né davanti a strane manovre né davanti alle responsabilità, spiega l'Osservatore romano, ricordando che da teologo, vescovo, cardinale e Papa Joseph Ratzinger ha sempre agito "controcorrente" e per annunciare Gesù alle persone. "Ha preso questa decisione - ha sottolineato dal canto suo il portavoce vaticano Federico Lombardi - con umiltà, coraggio e saggezza nel valutare la propria situazione davanti a Dio, questo è uno dei messaggi del suo gesto che è parlante non solo per la Chiesa, ma per ogni persona".
fonte: Osservatore RomanoVie nuoveLa migliore e più trasparente comprensione della Chiesa di Benedetto  XVI avviene nel momento di massimo stupore e sconcerto dei più: quando il Papa ha deciso di lasciare il pontificato e ritirarsi a pregare. La sua ponderata e libera decisione — come accade per tutte quelle che aprono vie nuove nella storia — oggetto di attenzione e commenti appassionati e vari nel mondo intero, sigilla la coerenza tra dottrina e pratica cristiana dell’attuale Pontefice. La Chiesa di Benedetto XVI è una Chiesa della fede cristiana. Non fede generica né astratta o ideologica, ma in una persona concreta e storica, Gesù di Nazaret, che si decide di seguire liberamente. Egli resta la sintesi perfetta dell’amore di Dio per l’uomo che i credenti devono tradurre nell’amore reale, concreto per il prossimo. Questa direttrice spiega Ratzinger nella sua continuità di pensiero e azione: come teologo, vescovo, cardinale e Papa.È stato una sorpresa alla sua elezione quando ispirandosi al padre del monachesimo in occidente, scelse il nome di Benedetto per rilanciare l’attualità della sua regola di vita incentrata sul principio che nulla deve essere anteposto a Cristo. Da Papa, Ratzinger ha sempre diffuso e incoraggiato questa regola come riferimento primario di ogni cristiano a ogni livello di responsabilità. E alla luce di questa norma egli si era definito da subito dopo l’elezione un umile operaio nella vigna del Signore.Benedetto XVI sorprese ancora con la sua prima enciclica dedicata all’amore di Dio, considerato con l’amore per il prossimo il distintivo di quanti credono al vangelo.Tante altre sono state le sorprese dell’agire controcorrente di questo Pontefice fino all’ultima: uscire di scena con sconcertante dignità e naturalezza, cosciente che la barca di Pietro è guidata anzitutto dallo Spirito di Dio. Da maestro della fede è così passato a testimone della credibilità delle promesse di Dio al quale merita dedicare la vita intera.L’eredità di Benedetto XVI è grande già ora. Ma decantata nel tempo, apparirà ancora più preziosa e compresa di quanto non lo sia stata finora. Cercare di spiegarla buttandola nel mezzo di oscure manovre da cui difendersi, sarebbe far torto alla trasparenza intellettuale del Papa. Come non coglie il segnale alto del suo gesto chi pensa alla sua rinuncia come a un’evasione dalla responsabilità.I momenti difficili della Chiesa che non sono mancati neppure nei suoi otto anni di pontificato, li ha affrontati e superati con pieno affidamento a Dio e avviando a soluzione questioni annose ricevute in eredità.La rinuncia di Benedetto XVI avviene nell’Anno della fede e nel cinquantesimo anniversario dell’inizio del concilio Vaticano II. Non è una casuale coincidenza, ma un segno dei tempi, che il Pontefice ha letto per il bene della Chiesa. Joseph Ratzinger, da giovane teologo ha dato molto alla riuscita del concilio contribuendo a elaborare importanti testi della storica assise. In seguito si è adoperato in ogni modo per ricomporre i conflitti accesi intorno all’interpretazione dell’evento conciliare, prospettando da Papa la via della riforma della Chiesa. Il concilio non ha inteso cambiare la fede cristiana ma ripensarla in un linguaggio aggiornato e comprensibile nel mondo di oggi. Papa Benedetto lo ha fatto con tolleranza, semplicità e coerenza ricorrendo perfino alle tecniche di comunicazione più innovative pur di annunciare Gesù Cristo a tutti — si pensi al Cortile dei gentili — e in particolare alle nuove generazioni. Ha avuto a cuore il futuro della fede cristiana sulla terra e per questo ha creduto necessario fare un passo che cambierà molte cose.c.d.c.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La chiesa di Sardi

    chiesa Sardi

    L'esame di questa chiesa, alla luce dello schema da me proposto, offre diversi spunti che senza difficoltà potremmo chiamare conferme. Leggere il seguito

    Da  Gio65
    TALENTI
  • La chiesa di Laodicea

    chiesa Laodicea

    Passiamo ora all'esame della chiesa di Laodicea, non prima però di aver raccomandato a coloro che si sono imbattuti per la prima volta in questo blog di... Leggere il seguito

    Da  Gio65
    TALENTI
  • La chiesa di Filadelfia

    chiesa Filadelfia

    sinceramente presenta qualche difficoltà qualora volessimo applicare lo schema illustrato in E' possibile una nuova chiave di lettura di Apocalisse? Leggere il seguito

    Da  Gio65
    TALENTI
  • Viagra romana chiesa

    Viagra romana chiesa

    Che succederà in Italia dopo le prossime elezioni riguardo le adozioni di minori? Mi sa niente, visto che hanno tutti la bocca piena solo di gay: adozione e... Leggere il seguito

    Da  Blindsight
    ATTUALITÀ, DIARIO PERSONALE
  • Papi, Chiesa e Fede

    Papi, Chiesa Fede

    Da laica (agnostica), non ho molta simpatia per la Chiesa: ormai rappresenta di tutto e di più, anche sotto il profilo economico e finanziario. Leggere il seguito

    Da  Loredana V.
    OPINIONI, TALENTI
  • Il giorno in cui si ballò in chiesa e in prigione

    giorno ballò chiesa prigione

    Che festa! Un gruppo di splendide danzatrici, la Dholrhythms Dance Company, musica indiana e un sacco di gente che ballava nella cattedrale. Leggere il seguito

    Da  Silviapare
    ATTUALITÀ, PER LEI, SOCIETÀ, TALENTI
  • Chiesa della Consolata

    Chiesa della Consolata

    Torino, photo taken from the bell tower of the Church of the Consolata. In the blue: the dome of the churchTorino, foto scattata dal campanile della Chiesa dell... Leggere il seguito

    Da  Ikol22
    FOTOGRAFIA, LIFESTYLE, TALENTI