Magazine Arte

Il diario di un grande pittore

Creato il 17 gennaio 2011 da Walter_fano @walterfano

Il diario di un grande pittore."Allora caro zio, verrete a vivere con noi?". All'invito del giovane nipote l'uomo rispose con un forte abbraccio. "Sarai come un figlio", esclamò. "Vi terrò come un padre" rispose il ragazzo. Queste reciproche manifestazioni d'affetto, in una splendida giornata di sole a Venezia, venivano poi annotate durante la notte in un quaderno alla fioca luce di una candela. Un quaderno che non era un diario qualunque, ma il libro dei conti e delle confidenze di Lorenzo Lotto: uno dei più grandi, e meno compresi, artisti del Cinquecento. Di carattere difficile, forse arrendevole con troppa facilità, Lorenzo Lotto si trovò a dividere la scena artistica del suo tempo con personalità del calibro di Tiziano e del Bellini. Un confronto non impari, ma nella quale la personalità fragile del Lotto non riuscì a competere.
La convivenza con il giovane nipote Mario veniva vissuta dal pittore con l'animo sulla difensiva e una meticolosità dettate da un carattere costellato di nostalgie e amarezze. Ma anche da un paterna bontà. "Voglio che mi considerino davvero come un padre" egli pensava commosso nel momento in cui, con i pochi soldi messi da parte grazie alle sempre più rade commissioni pittoriche acquistava piccoli regali alla famiglia, soprattutto per le bambine. Chissà quanta tenerezza deve aver provato Lorenzo quando sui banchi del mercato di Rialto sceglieva scarpe e vestitini per la piccola Lauretta.
Qualche volta a cena capitava qualche amico, non molti per la verità, il più assiduo era il Sansovino. Alla sera, Lorenzo annotava tutto sul proprio quaderno, silenzioso e fedele compagno delle sue confidenze. Qualche anno dopo Lorenzo decise che era ormai giunto il momento di togliere il disturbo e si trasferì prima a Treviso, presso un amico, poi partì per le Marche, la terra che più volte in passato l'aveva accolto e gli aveva fornito occasioni di lavoro. Ma neanche lì riuscì a trovare committenti interessati alla sua arte.
Stanco e provato, egli decise, nell'agosto del 1550, di stabilirsi definitivamente a Loreto e di prendere i voti. Nel suo quaderno scrisse: "Per non andarmi avolgendo più in mia vecchiaia ho voluto quetar la vita in questo Santo locho". Lì si spegnerà l'8 settembre del 1554.
Oltre alle straordinarie, e troppo tardi rivalutate, opere d'arte sparse nelle collezioni di tutto il mondo, Lorenzo Lotto ci ha lasciato il proprio quaderno: un documento che rappresenta la grande umanità di questo sfortunato e incompreso artista
English version
Version française
(Fonti: D. Mazzetto - P. Zampetti)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il coniglio di Chardin

    coniglio Chardin

    Jean Siméon Chardin è un pittore francese del Settecento non molto conosciuto in Italia; recentemente l’ho “scoperto” a Ferrara, dove una mostra monografica ne... Leggere il seguito

    Da  Viadellebelledonne
    ARTE, CULTURA, PITTURA
  • Il cartaio di Martano

    cartaio Martano

    No, non vi preoccupate, non si tratta di un nuovo film, né di uno di quei tanti libri noir ambientati in Puglia. Voglio raccontarvi la storia di un artista... Leggere il seguito

    Da  Cultura Salentina
    ARTE, CULTURA, PITTURA
  • Vermeer, il mago della luce

    Vermeer, mago della luce

    Della vita di Vermeer si conosce o poco:  pochi sono i documenti ufficiali e nei commenti di altri artisti. La data di nascita parrebbe essere il 31 ottobre... Leggere il seguito

    Da  Rimmel
    ARTE, CULTURA, PITTURA
  • Il giorno del bucato: il dipinto

    giorno bucato: dipinto

    Un annetto fa avevo scritto diversi post riguardanti il bucato casalingo, come era fatto nelle tinozze o nei trogoli di paese, quali fossero i saponi o gli... Leggere il seguito

    Da  Mauser
    ARTE, CULTURA, PITTURA
  • Thomas Kinkade: il pittore dei paesaggi incantati

    Thomas Kinkade: pittore paesaggi incantati

    Ho deciso di iniziare il post con un suo dipinto perché credo che si capisca da esso molto di più di quanto si capirebbe dal mio solo tentativo di descrizione.... Leggere il seguito

    Da  Mrsfrancis
    ARTE, CULTURA, PITTURA
  • Lo strano caso di Charles Deas, il pittore dimenticato

    strano caso Charles Deas, pittore dimenticato

    Charles Deas (Philadelphia, 1818 - New York 1867)- Gruppo di SiouxAmon Carter Museum - Fort Worth, TexasCharles Deas era un pittore dal talento straordinario e... Leggere il seguito

    Da  Rebiolca
    ARTE, CULTURA, PITTURA
  • Il Furioso Tintoretto

    Furioso Tintoretto

    Tintoretto - Venezia 1518 – 1594 - L’ultimo grande pittore del Rinascimento. Accumulò capolavori e soprannomi. Di suo sembrava facesse Robusti, ma era... Leggere il seguito

    Da  Aljo
    ARTE, CULTURA