Magazine Cultura

Il dipinto di Arcadio

Da Fiaba


Giovedì 12 Luglio 2012 00:02 Scritto da Franco Farina

dipinto-arcadio
Arcadio era molto contento del dipinto fatto sulla parete. L’affresco rappresentava un bosco primaverile, ed era così bello che sembrava vero.

Per terra le foglie del vecchio autunno e i germogli verdi appena spuntati, e sui rami c’erano le foglie nuove, di un verde lucente.

Mentre riponeva pennelli colori e tavolozze, Arcadio guardava soddisfatto il suo affresco: la luce della fine del giorno lo illuminava, penetrando dalle finestre opposte della stanza.

Nella casa del Granduca si stava organizzando per la cena e l’ indomani l’opera finita sarebbe stata presentata al Granduca in persona.

Arcadio pensava, e pensando al Granduca gli venne in mente anche la figlia del Granduca, Melissa, e ciò in effetti era il pensiero che lo assillava;  più volte aveva fatto gli occhi dolci a Melissa senza ottenere risposta.

Quando lui lavorava all’affresco, lei, di sovente veniva, accompagnata da ancelle, e stava lì ad osservarlo lavorare, ma mai gli aveva rivolto parola, nonostante le occhiate di Arcadio fossero eloquenti.

Melissa aveva un volto molto dolce, due occhi brillanti di luce e lineamenti aggraziati.

La campana della cena suonava, richiamando le persone al pasto serale.

Assorto in questi pensieri, Arcadio non stava più riordinando, ma il suo sguardo era incantato e perso nel vuoto.

Non aveva fame e voleva trovare un modo per portare Melissa con sé, prima di lasciare i poderi del Granduca, altrimenti, di lì a poco, sarebbe andata sposa ad un principe di un podere vicino.

Pensava e ripensava e fu preso da un strano sonno, da un torpore . . .

Si distese ed ebbe uno strano sogno: si alzava ed andava a conoscere nei sotterranei un “Essere delle mura”.

Quest’ Essere  non aveva corpo ma poteva essere sentito e udito. Sognò che discuteva con l’Essere la soluzione  per stare insieme a Melissa: c’era una soluzione, e la soluzione era. . .

L’Essere delle mura era anche un buon burlone. Arcadio si svegliò di soprassalto, come se avesse avuto un “Idea geniale”. Raccolse tutti i pennelli, e colori e riordinò. Felice ed allegro aspettò l’ indomani.

Il mattino seguente ebbe luogo l’apertura della sala del convitto per la presentazione del nuovo affresco, ed il Granduca, la Duchessa e Melissa accoglievano gli ospiti, tra i quali c’era il principe “Ergot”, a cui era stata promessa Melissa.

Quando tutti gli ospiti furono arrivati, prima del banchetto, il Granduca e la Duchessa presentarono l’affresco ed il pittore Arcadio, autore di quella meraviglia primaverile.

D’un tratto fu come del vento prendesse a spirare dall’affresco; il vento usciva dalla parete e le foglie stormivano.

Nel vedere ciò, stupita Melissa si avvicinò ed entrò nel bosco dipinto, dove già Arcadio l’aspettava.

I presenti sbalorditi non ebbero parole nel vedere tal cosa.

Il principe Ergot si buttò verso il bosco affrescato per impedire che Melissa seguisse il pittore, ma prese solo una grossa capocciata contro il muro.

Il Granduca, a tastoni, cercava di entrare; ma nessuno aveva capito che quello era il mondo evocato da Arcadio e Melissa, che era il loro Universo e  un nuovo mondo si era creato.

Arcadio prese Melissa per mano e l’accompagnò in una radura vicino. Era un nuovo giorno per loro: finalmente si trovavano nel loro mondo. Si sedettero nella radura ed iniziarono a parlare e a scambiarsi dei baci.

Ad un tratto intorno a loro sentirono echeggiare uno strano vento caldo, era l’Essere delle mura che li salutava.

Arcadio lo ringraziò e in mano  si ritrovò un pezzo di corteccia portato dal vento ove era scritto:

”I tuoi desideri possono diventare realtà”.

Arcadio e Melissa sorrisero.

Terminata il 3 Marzo 1987



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il Romanticismo

    Romanticismo

    "Romantica" è la ragazza che conserva viole secche nel diario, "romantico" il giovanotto chiomato e pensoso, "romantiche" le canzoni sospirose; così, nella... Leggere il seguito

    Da  Lory663
    LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI, RACCONTI, TALENTI
  • Il Cavaliere Oscuro - Il ritorno

    Cavaliere Oscuro ritorno

    Otto anni. Tanti è passato da quando Batman si è assunto la responsabilità della morte di Harvey Dent ed è scomparso. Gotham si è ripresa e la criminalità è ai... Leggere il seguito

    Da  Flavio
    CINEMA, CULTURA, FUMETTI, LIBRI
  • Il Louvre

    Louvre

    Nel mondo ci sono tantissimi musei interessanti (tra gli altri il British Museum di Londra, Il Metropolitan e il MoMA di New York, il Prado di Madrid, il... Leggere il seguito

    Da  Ant
    ARTE, CULTURA, LIBRI, MUSICA, TALENTI
  • Il dono

    dono

    Qualche giorno fa mi è stato segnalato un libro del quale potete trovare il primo capitolo in rete: "Il dono" di Ted Gup. Sulla copertina viene dichiarato... Leggere il seguito

    Da  Marcodallavalle
    CULTURA, LIBRI
  • Il ControFestival

    Per la gioia dell’Italia che ama la musica, tra poco comincerà di nuovo il Festival Di Sanremo, condotto dal giovane Gianni Morandi con Rocco Papaleo ed una... Leggere il seguito

    Da  Videosmusic
    CULTURA, MUSICA
  • Il Dubbio

    Dubbio

    Stavo improntando tutta la rece sul fatto di come "il Dubbio" abbia un esagerato impianto teatrale quando scopro, appena 5 minuti prima di mettermi a scrivere,... Leggere il seguito

    Da  Giuseppe Armellini
    CINEMA, CULTURA
  • Il castello

    castello

    IL CASTELLO"A Giacì, ma 'ndove m'hai portata?""eh Augù.. e t'ho portata a vede' n'anteprima che sembra èsse 'na cosa importante..""importante? ma in 'sto posto... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA