Magazine Famiglia

Il dito di Dio

Da Famigliacolori


Tutti in gruppo, guardando nella stessa direzione. George dalla Guinea guida tutti: con una profonda ispirazione inizia lentamente a camminare all’indietro. Tutto il gruppo lo segue, come un solo uomo. Poi George si ferma e con energia compie gesti, a volte brandendo una lancia invisibile. Tutti lo imitano. Si continua a camminare con passi lenti, finché Rosa inizia a leggere la poesia sul tempo: tutti girano la testa nella sua direzione. Il silenzio è assoluto, perché le parole sono vere.  Poi con la musica iniziamo a camminare velocemente, attorno a due amici che ci danno il tempo. Alterniamo con movimenti lenti. Uno, tre, venti persone fluttuano nell’aria, nuotano con movimenti larghi. Poi alcuni raccolgono oggetti: una teiera, un ombrellino cinese; narrano delle storie … Abdul prende in mano il candelabro e crea con le dita brune e affusolate lunghe candele: «nel mio paese non c’è luce».
Due persone affermano: «vi rendete conto di come ci si senta a stare attaccati a un’ancora, in attesa, impotenti?». Risponde Rosa: «Vorrei essere un’acquila». E tutti contemporaneamente gettiamo a terra i fogli di giornale che sono sulle sedie e afferriamo una sedia, facendola librare nell’aria. E poi ancora, dopo avere appoggiato per terra le nostre “aquile”, camminiamo rapidamente tra le sedie e ad ogni pausa della musica ci gettiamo esausti sulla sedia, ad occhi chiusi. Finché uno di noi ci sveglia a suono di tamburello («ecco Dio che crea l’uomo, commenta Rosa) e ci invita, come il pifferaio magico, a seguirlo e a ballare e cantare. Poi solleviamo i giornali da terra e buttiamo in aria immagini e parole, ci scambiamo le notizie senza parlare, in un vortice di carta e inchiostro. Ci nutriamo dell’energia che ci doniamo reciprocamente.
Ora tutto tace. Camminiamo all’indietro guardando negli occhi il nostro pubblico apparente. Ci fermiamo. Rosa: «ora guarda cosa c’è: lacrime, silenzio, benessere».
La nostra rappresentazione è finita. Gli applausi sono tutti per noi.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Oh mio dio!

    dio!

    Colpito da questo esercito di credenti che cristianamente fanno di tutto per finire nel loro inferno, sto leggendo  "Perché dobbiamo dirci cristiani" di ... Leggere il seguito

    Da  Pierrebarilli
    POLITICA, RELIGIONE, SOCIETÀ
  • Dio gatto

    Ho amici molto religiosi. Ho anche amici molto superstiziosi. Infine, ho molti amici molto vicentini. Queste tre categorie di miei amici hanno in comune due... Leggere il seguito

    Da  Parolecomplicate
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Dio non esiste

    L'eterno ritorno dell'uguale, più spesso detto soltanto eterno ritorno, in senso generale caratterizza tutte le ontologie circolari, come quella stoica, per... Leggere il seguito

    Da  Faith
    SOCIETÀ
  • § Dio non esiste §

    L'eterno ritorno dell'uguale, più spesso detto soltanto eterno ritorno, in senso generale caratterizza tutte le ontologie circolari, come quella stoica, per... Leggere il seguito

    Da  Faith
    SOCIETÀ
  • E se la facessimo finita con Dio?

    facessimo finita Dio?

    Craig Venter ha creato la cellula sintetica in laboratorio e subito i preti, nella persona di Zygmunt Zinowski, si sono affrettati a dire: “Non dobbiamo... Leggere il seguito

    Da  Dragor
    SOCIETÀ
  • Cosa rimarrà di dio

    Cosa rimarrà

    Per poter superare secoli bui, dove regnava la fame, la morte incomprensibile, la malattia, le pestilenza,il freddo ed ogni sorta di avvenimento vissuto con... Leggere il seguito

    Da  Spiritualrationality
    SOCIETÀ, SPIRITUALITÀ
  • Israele, il popolo di Dio…

    Israele, popolo Dio…

    Dopo la vergognosa aggressione dei soldati israeliani alle navi di Freedom Flotilla cariche di aiuti umanitari come medicinali, generi alimentari,... Leggere il seguito

    Da  Maxbunker
    ATTUALITÀ, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ

Magazines