Magazine Psicologia

Il femminile, il cervello e la profezia dei Maya

Da Teatromoderno

Il femminile, il cervello e la profezia dei MayaTi piacerebbe avere 2 cervelli invece che 1?
Vuoi aggiungere alle tue facoltà anche un nuovo modo di pensare?
Voi essere veramente padrone della tua vita?
Vuoi vivere pienamente le emozioni invece che esserne schiavo?
In questo articolo ti svelo un modo assolutamente alla tua portata che aumenterà in modo sconfinato le tue capacità mentali.
Già perché sono capacità che noi tutti abbiamo e che tendiamo a non usare. Specialmente noi occidentali e in particolar modo i maschietti (esatto anch’io).
Stai per scoprire un modo semplice e pratico per farlo…
Ti anticipo che non centra nulla la meditazione (anche se chi medita, è agevolato in questo processo.)
…per svelarlo meglio ti racconto una storia. Una storia di cui molti stanno parlando di questi tempi: “La fine del mondo nel dicembre 2012!”.
Che storiaccia! Ne ho sentite dire di tutti i colori. Tra tutte queste fantasie ti racconto la mia fantasia – tranquilla/o poi torniamo al pratico. (se vuoi saltare questa parte di fantasia clicca qui)
Ovviamente non credo a un’apocalisse. Anzi sto scoprendo, navigando in internet come molti vogliono farci credere nell’apocalisse per pilotarci. (ti sto parlando di mie idee: non voglio che tu creda a questo, puoi fare le tue verifiche se vuoi, ma non è questo il punto della questione).
Allo stesso tempo devo ammettere che stiamo già attraversando un periodo di grandi tensioni e cambiamenti. Esatto un cambiamento è già in atto, ed è un cambiamento che si sta sempre più esasperando questo fa pensare a un’accelerazione a cui segue una decelerazione.
Il cambiamento è un’opportunità, allo stesso momento una vecchia parte di noi “muore”, forse era già morta ma in quel momento preciso ce ne rendiamo conto.
Spesso quando sogniamo che noi moriamo è proprio perché sta rinascendo un nuovo “noi”, dice la psicologia contemporanea.
Si parla molto della parola cinese “crisi” o “pericolo” che, per i cinesi significa anche opportunità o “punto cruciale” (come sottolinea questo articolo su Wikipedia).
Ebbene sì, credo che un cambiamento sia in atto: lo vedo!
La mia fantasia mi spinge a pensare che sia vera la profezia dei Maya. Quella vera però!!!
Quella cioè che dopo 5 mila anni (5.125 anni per la precisione) di dominio della forza maschile rappresentata da Kulkan, si sta sostituendo quella femminile.
Non solo ma questo è già avvenuto, sta già avvenendo, ben prima del dicembre 2012. Infatti, alcuni esperti della cultura Maya dicono che il ciclo critico è iniziato nel 1999 e ha raggiunto il suo apice nel maggio 2012.
Torniamo a osservare per un attimo la realtà: pensa ai tuoi nonni. E al potere che avevano le donne allora e che hanno adesso. In tutto il mondo! Anche da noi in Italia.
Non solo ma pensa a come anche noi maschietti, ci stiamo trasformando aumentando alcuni lati più femminili: collaboriamo di più in casa, ci occupiamo di più dei bambini, siamo meno restii a stare con i sentimenti e ad ammetterli.
Pensa ai tuoi genitori, specie a tuo padre, associali a: 1) Lavori domestici, 2) educazione dei figli (o con i bambini), 3) stare col pianto. Fallo anche con i tuoi i tuoi nonni, e poi confrontalo con una coppia di oggi: vedi com’è cambiato?
Fino a qui la mia fantasia adesso vediamo alle cose pratiche:
Aggiungere una possibilità alnostro modo di pensare e agire è possibile ed è scientifica!
Vale per tutti anche per le femminucce!
Possiamo usare di più quella che Daniel Goleman chiamerebbe: Intelligenza emotiva
Ecche è!??
Ci arrivo subito!
Si tratta di usare di più il nostro lato femminile di cui ormai ci stiamo dimenticando l’esistenza – Lo ripeto vale anche per le femminucce anche se essere donna aiuta di più, anzi dovrei dire “sentirsi donna” aiuta di più.
È dimostrato che il nostro cervello è diviso in due emisferi: quello destro e quello sinistro. E che le zone si attivano di più quando facciamo una serie di cose piuttosto che altre.
La parte sinistra del cervello si attiva quando usiamo elementi cognitivi ad esempio quando usiamo i numeri. I concetti, le parole, le strutture; quella destra si attiva quando siamo più nella fantasia, nei sentimenti, nella percezione, nella creatività.
Si è visto come i maschietti tendano a usare più l’emisfero sinistro, quello digitale-cognitivo e le femminucce più quello destroovvero quello analogico-emotivo. (Quando me lo hanno dato come scoperta scientifica mi è sembrata la scoperta dell’acqua calda)
Ovviamente è una generalizzazione: conosco molte donne molto “cerebrali” e molti uomini molto “emotivi” e anche queste sono generalizzazioni, perché in ciascuno convivono le due realtà.
Il punto è che ci siamo abituati a credere che la realtà sia solo nella nostra testa, nel nostro cervello o ci identifichiamo col pensiero (hai letto: Come uscire dal “Pensiero compulsivo”.o "Pippe mentali"? leggilo!)ed escludiamo il resto del corpo e tutte le percezioni che ne derivano.
Saremmo molto più ricchi se invece di escludere qualcosa lo includessimo (In questo articolo parlo di come possiamo allenarci a includere: Perché i “perché” non aiutano a capire perché )
Una donna è come la terra: sa essere molto accogliente.
Accogliere, includere, non sto dicendo che usare la parte cognitiva sia sbagliato: assolutamente! Dico solo che potremmo rivalutare e integrare anche tutta una parte, quella emotiva che ci siamo persi per strada! “Hai mai visto un uomo piangere?” cantava Battisti.
Ma lo dico anche alle donne, lo chiedo a te, che tu sia uomo o donna: “Quanto ti permetti di stare con i sentimenti?” “Quanto ti concedi di stare con sentimenti come il pianto, la tristezza, la paura, la rabbia?” “quanto riesci a stare accanto ad una persona che piange?” “è difficile vero?
Per me lo è. Ho studiato molto per accorgermene ed è un lavoro continuo quello di integrarlo nel quotidiano: basterebbe ascoltare (qui trovi un articolo sull’ascolto:La comunicazione nelle relazioni – l'Ascolto ) e stare con le cose così come sono (toh! Guarda: proprio ciò che impariamo con la meditazione! Come vedi tutto torna. Se vuoi leggi: La Meditazione: come iniziare?).
Lo ripeto: Ascoltare e stare con le cose così come sono (senza etichette).
Devo dire che Goleman nella sua "Intelligenza emotiva>, è lì che racchiudiamo molte delle nostre sensazioni, le blocchiamo prima che si trasformano in emozioni. Per poi magari agire di pancia senza sapere neanche che stiamo combinando e fare molte sciocchezze.
Usiamolo il nostro corpo! Usiamo la nostra pancia e usiamo il nostro cervello –non identifichiamoci con esso- Usiamolo non sostituiamo il cervello a noi! E non lasciamo solo all’inconscio i segnali che ci invia la nostra pancia! (ci sarebbe anche il cuore da usare, ma lasciamo stare per questa volta: rimaniamo focalizzati sull’obiettivo).
Come usare la pancia?Come usare il cervello? Per il cervello è utile non identificarci con i nostri pensieri (ti ricordo quest’articolo: Come uscire dal “Pensiero compulsivo”.o "Pippe mentali") Per la pancia vediamo come fare.
Immagina che la pancia, anzi le viscere (vale un po’ per tutto il corpo in realtà) siano un’antenna, che recepisce e ti ritrasmette dei segnali. Allenati a stare con quei segnali.

Una curiosità:
Una psicologa sessuologa, mi faceva presente che per prevenire ai bambini l'abuso su di loro, se vengono "invitati" a fare delle "strane coccole", di dare ascolto alle sensazioni provenienti dalla pancia. In questo modo possono monitorare la loro profonda volontà e regolarsi al meglio.


Un’altra curiosità:
In certe tradizioni spirituali la volontà (quella che ci spinge ad agire) è nella pancia.


Cosa sono questi segnali? Sensazioni, semplici sensazioni corporee: tensioni, formicolii, calore, contorsioni, qualsiasi sensazione.
Una volta accolti questi segnali, dopo esserci stati un po’ e averci familiarizzato, diventano emozioni, prova a descriverle.
Esatto descrivi sia quello che senti (sensazioni fisiche) che quello che provi (emozioni). Verbalizza, descrivi, di ad alta voce o metti per iscritto quello che senti, sia a livello fisico che emotivo. In questo modo stai integrando la sensazione-emozione (recepita dall’emisfero femminile) con la parte cognitiva (elaborata dalla parte maschile). In altre parole ne diventi consapevole. Integri i due emisferi cerebrali. Torni a essere padrone della tua vita.
È proprio la consapevolezza della sensazione a permettere all’emozione di manifestarsi.
Attenzione però: allenati a stare nella sensazione, stacci il più a lungo possibile. Quindi allenati a stare nell’emozione, qui stacci ancora più a lungo, altrimenti scatta l’etichetta cognitiva, il giudizio e ti sei di nuovo persa/o una parte di te (come descrivo nell’articolo: Perché i “perché” non aiutano a capire perché ).
Una volta colte le sensazioni, individuate le emozioni, emergono i sentimenti e i reali bisogni!
Lo ripeto: Quando stai con le tue sensazioni, fai emergere le emozioni; quando stai con le emozioni, fai emergere i sentimenti;quando stai coi sentimenti, fai emergere i tuoi reali bisogni;quando stai con i tuoi reali bisogni, vivi una vita intensa e “felice”.
È quello che è successo a un amico con cui sono uscito qualche sera fa. Era un autore e regista con cui avevo lavorato in passato, era una persona molto intelligente e sensibile ed era di molto sovrappeso.
Lo avevo perso di vista, ma si è iscritto alla mailing list di Felice Adesso, e dopo un po’ ci siamo rivisti.
Incredibile!! Era un altro! Magro: aveva perso 60 chili! Ed era sereno come mai lo avevo visto.
Gli ho chiesto come aveva fatto! Mi ha risposto, quasi banalmente: “ho meditato”, poi ha aggiunto “ho consapevolizzato cosa facevo col cibo in realtà, edho scoperto i miei veri bisogni”.
Esatto il mio amico aveva capito di cosa aveva realmente bisogno ed ha smesso di sostituirlo con qualcosa di diverso: il cibo.
Se non sei consapevole delle tue sensazioni, delle tue emozioni saranno loro a comandarti e sarai sempre insoddisfatta/o. Andrai a cercare soddisfazioni con qualcosa di diverso e, ovviamente non sazierai mai il tuo reale bisogno.
Ti senti spesso insoddisfatta/o? Cerca di capire cosa realmente può darti soddisfazione. Il mio amico lo ha fatto! Puoi farlo anche tu!
Io non sono ancora così bravo come lo è stato il mio amico, ma ci lavoro su. Sto scoprendo quanto basta già solo avere iniziato per avere una vita più appagante.
Sto sviluppando la mia intelligenza emotiva, sto sviluppando la mia parte femminile, mi sto allenando ad usare "tutto" il cervello, ad accogliere, sto partecipando al cambiamento che è in atto nel mondo!
Tu? Vuoi fare come il mio amico?
Ti ricordo che, se vuoi, puoi applicare questi strumenti pratici:
1.   Stai con le sensazioni del corpo! – osserva le viscere2.   Stai con le emozioni – osserva la pancia (e il cuore.)3.   Riconoscile e consapevolizzale integrando anche la parte cognitiva – dagli un nome.4.   Riconosci i tuoi reali bisogni5.   Vivi la tua vita fatta di tutti e due i cervelli anziché uno! Viva la donna che è in te!
Fai un passo alla volta: non è facile. Comincia con lo stare con le sensazioni, ovvero osserva e registra le sensazione che vengono da dentro la pancia. Gli altri passi verranno più naturali e comunque dopo.
Oppure dimentica tutto e semplicemente: medita!
Ti ricordo la meditazione guidata gratuita che trovi in alto a destra, ti basta mettere il nome e il tuo indirizzo email.
In quest’ articolo ho parlato anche di:Come uscire dal “Pensiero compulsivo”.o "Pippe mentali"Perché i “perché” non aiutano a capire perchéLa comunicazione nelle relazioni – l'AscoltoLa Meditazione: come iniziare?

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :