Magazine Cultura

Il festival del buonismo. e dei bimbiminkia

Creato il 17 febbraio 2013 da Cannibal Kid
Condividi Sanremo 2013 è stato il Festival del Buonismo. Già si sapeva. Appena è stato annunciato il nome di Fabio Fazio come conduttore, si sapeva. ATTENZIONE però: c’è di peggio del Buonismo, per quanto quello di Fazio sia davvero fazioso, come buonismo. C’è la televisione volgare, urlata, leccaculo, schiava dei potenti, oltre ogni confine del trash e del buon gusto delle Barbare D’Urso. Quello è molto peggio. E poi c’è la televisione degli incompetenti, di quelli che non sanno quello che fanno, dei cantanti messi a fare i conduttori quando già come cantanti sono parecchio scarsi. Sì, mi riferisco alle ultime due edizioni “condotte” da Gianni coprofago Morandi. Se non altro, Fabio Fazio è un conduttore. Il conduttore buonista per eccellenza, ma almeno è un conduttore. Mentre come imitatore no. Non ce la può proprio fare. C’è di meglio, rispetto al festival fabiofazioso. O, se c’è di meglio. Però c’è ancora andata bene, perché c’è di ben peggio.

IL FESTIVAL DEL BUONISMO. E DEI BIMBIMINKIA

"Con questo ciuffo penso solo di essere l'Elvis Presley italiano,
però non mi sono montato la testa."

Discorso analogo per il vincitore Marco Mengoni e il trionfo della musica bimbominkia uscita fuori dai talent-show. Di sicuro c’è di meglio in giro, di molto meglio, anche se in questo Festival non c’è stato di molto meglio. Giusto gli Elii, o Malika Ayane o i Marta sui Tubi avrebbero meritato di più. Per quanto mi riguarda, però, c’è anche di peggio della musica bimbominkia, anche se molti non saranno d’accordo. Per me è peggio la musica finto jazz dei Raphael Gualazzi, o quella finto autoriale dei Daniele Silvestri e dei Simone Cristicchi, che come lettori di poesie sarebbero anche decenti, ma non sono cantanti. Non sanno cantare. Quelli usciti dai talent, per quanto la loro musica sia a livelli minimi e il loro target di riferimento siano le dodicenni, almeno un minimo di talent vocale ce l’hanno. Sebbene spesso sprecato in inutili e fastidiosi gorgoglii e rutti vocali. E di peggio c’è anche la musica dei vecchi rimba usciti da qualche polverosa soffitta, quella dei Toto Cutugno e degli Al Bano, cui in questo Festival è stato dato spazio giusto tra gli ospiti. Ed è già stato fin troppo.
Per quanto mi riguarda questo Sanremo 2013 è stato piuttosto loffio e spento. L’unica polemica c’è stata nella prima serata con il monologo di Maurizio Crozza, e pure in quel caso è stato colpa dell’invasione di un dichiarato berlusconiano, un intruso dalla tv delle Barbare D’Urso non certo richiesto da Fazio. Fazio di suo ha invece mantenuto tutto sui binari sicuri del politically correct. Persino Lucianina Littizzetto, cui comunque va il merito di aver vivacizzato un po’ il tutto, è stata parecchio buonina al suo posto, senza esagerare troppo. Un Festival sobrio, buono e buonista, in cui sono state dette cose giuste, in cui c’è stato spazio per il tema dell’omosessualità, spazio per le minoranze, spazio per i sordociechi. Purtroppo non per i muti. E i disabili? Pare che Fazio volesse ospitare anche Oscar Pistorius, ma era già in altre faccende affaccendato. È stato un Sanremo misurato, in cui persino il kitsch è stato tenuto abbastanza a bada. La scelta degli ospiti stranieri ad esempio ha evitato trashate assurde ed è stata più intelligente del solito, con Antony & the Johnsons, Asaf Avidan e Birdy che hanno rappresentato le voci più belle sentite all’Ariston. Certo, qualche ospite porello dovuto più che altro al gusto retrò di Fazio che non alle esigenze di fare un Festival low-cost come Rockfeller ce lo potevano risparmiare…
Ma passiamo ora alla tele-twitter-blogger-cronaca dell’ultima serata.
Festival di Sanremo, quinta e (grazie a Dio) ultima puntata
RECUPERA IL RACCONTO CANNIBALE DELLA PRIMA SERATA
RECUPERA IL RACCONTO CANNIBALE DELLA SECONDA SERATA
RECUPERA IL RACCONTO CANNIBALE DELLA TERZA SERATA
RECUPERA IL RACCONTO CANNIBALE DELLA QUARTA SERATA
Guest Twitter Nick Biussy ‏@NickBiussy Su, solo 5 ore e anche questo Festival è finito #sanemo2013
Raphael Gualazzi La tipa dello spot che fa “People Are People” dei Depeche Mode canta meglio di Raphael Gualazzi. Ma molto. Io non ce la faccio a sentirlo. Davvero. Se questa è musica jazz, i Modà sono i nuovi Radiohead e Giovanni Allevi è il nuovo Mozart. Voto 4-/10

IL FESTIVAL DEL BUONISMO. E DEI BIMBIMINKIA

Non avete capito gli Almamegretta? Tranquilli, a Italiansubs
stanno preparando i sottotitoli.

Almamegretta Tutti a dire che non si capisce cosa cantano. Io di film come Gomorra e Reality non c’ho capito mezzo parola, ma con gli Almamegretta non ho incontrato tutta questa difficoltà. Per carità, non sono più quelli di una volta, ma non mi dispiacciono. Per lo meno a livello musicale hanno proposto qualcosa di diverso dal solito pop neomelodico italiota. Voto 6+/10
Nella giuria di qualità apposta per la finale arriva anche Beppe Fiorello. A questo punto, io ho più fiducia nei bimbiminkia al televoto che nella giuria. Fabio Fazio invece lo tratta come se fosse il nuovo Robert De Niro. Ma perché?
Daniele Silvestri Come poesia non sarebbe nemmeno male, quella di Daniele Silvestri. Come canzone è una lagna infinita. Voto 5,5/10
Guest Twitters Netsuno Mikaga ‏@MateMar Ora ho capito: Silvestri cerca di accaparrarsi i voti dei non udenti #sanctusremus
Sanremo Chiuso ‏@sanremochiuso Proponiamo la castrazione chimica dei telespettatori che non si rendono conto della banalità di Daniele Silvestri.

IL FESTIVAL DEL BUONISMO. E DEI BIMBIMINKIA

Scatto prezioso: Kekko dei Modà immortalato
nell'unico momento della sua esibizione in cui non urla.

Modà L’urlo di Kekko. Più spaventoso dell’urlo di Munch. Ribattezzati dal Fatto quotidiano come i Negramaro del Pdl. Mica a torto. Il loro testo potrebbe essere stato scritto da Berlusconi e invece no, è tutta farina della mente di Kekko. A bruttiful mind. Voto 0/10
Guest Twitters Il Fatto Quotidiano ‏@fattoquotidiano I Modà sono i Negramaro del Pdl. @domeniconaso #Sanremo2013 #sanctusremus #CheSanremoCheFa
Antonio Pasolini ‏@AntonioPasolini No Luciana: non devi dire "cantano: i Modá" ma "sbraitano". #Sanremo2013
Come i Jalisse ‏@sanremoesanremo I Modà sono l'equivalente settentrionale dei neomelodici napoletani

IL FESTIVAL DEL BUONISMO. E DEI BIMBIMINKIA

Tra le due, la più figa è la Littizzetto.

Bianca Balti Stesso discorso fatto per Carla Bruni qualche serata or sono. Bianca Balti è figa, ma dove? Ha la faccia del Gollum piazzata sopra a un fisico da top-model. Il fisico va bene, ma la faccia rimane sempre quella del Gollum. A rappresentare la bellezza italiana avrebbero potuto scegliere quindi di meglio. Se invece hanno voluto rappresentare la bellezza della Terra di Mezzo, hanno fatto una scelta azzeccatissima.

IL FESTIVAL DEL BUONISMO. E DEI BIMBIMINKIA

Confermo quanto scritto sopra.

Guest Twitters Dio ‏@lddio Bianca Balti ha dei lampadari del Barocco appesi alle orecchie. #WR8Sanremo
Giovanna Gallo ‏@Gioska23 #BiancaBalti è una di quelle che definisci naif perchè darle della rincoglionita pare brutto #sanremo2013
Virginia Rutigliano ‏@Virginia_Ruti Non so se siano più gialli gli orecchini, i capelli o i suoi denti #SanRemo
Giuliano Dottori ‏@giulianodottori Repubblica.it scrive: "Bianca Balti seduce Sanremo". Forse due o tre pensionati arrapati.
Simone Cristicchi Quanto sei mediocre, Cristicchi? Talmente mediocre che darti un’insufficenza vorrebbe dire darti troppo peso. Voto 6/10

IL FESTIVAL DEL BUONISMO. E DEI BIMBIMINKIA

Victroya Grayson della serie tv Revenge

Maria Nazionale C’è chi punta sulla voce. Chi sulla bravura al piano. Chi sui testi impegnati. Maria Nazionale punta tutto sulle tette. O, so’ scelte di vita. E la sua scelta non è nemmeno malvagia. La regina del trash di Sanremo 2013 è lei, la MILF Nazionale. Lei e lo spot Coconuda con Anna Tatangelo. Voto 3/10
Guest Twitters Manfredi La Marca ‏@thepoisonous VICTORIA GRAYSON #sanremo2013
♣ Enrico ♣ ‏@Ri_Ghetto Ollellè,ollallà,faccela vedè,faccela toccà! #marianazionale
Crabiele ‏@Crabiele Maria NazioAnale

IL FESTIVAL DEL BUONISMO. E DEI BIMBIMINKIA

Il "Mi piace" NON l'ho aggiunto io.
A quanto pare, in rete c'è qualcuno più malato di me!

Annalisa Sono scattate le “Scintille” per codesta Annalisa. Fino a pochi giorni fa ignoravo la sua esistenza, ora invece mi piace. Non so che farci. Sono malato? Fortuna che da domani di tutta ‘sta massoneria di cantantucoli sanremesi non me ne fregherà più nulla. Voto 7/10
Guest Twitters Diecimila.me ‏@diecimilame Il fatto che Annalisa sia una gran gnocca non incide minimamente sul mio giudizio. È la nuova Ella Fitzgerald. #wr8sanremo #twittermometro
Enrico Magrelli ‏@enricomagrelli Annalisa somiglia vagamente a Emma Stone o, come al solito, non vedo più bene? #sanctuseremus
L'Ano Del Rey ‏@wotton14 Annalisa allo zecchino d'oro. #Sanremo2013

IL FESTIVAL DEL BUONISMO. E DEI BIMBIMINKIA

Ammetto che ci va un bel coraggio per presentarsi così a Sanremo.
Anzi, ci va un bel coraggio per presentarsi così anche al Carnevale.

Max Gazzè Max Gazzè punta al look shock. Sembra, o vorrebbe sembrare, un misto tra Marilyn Manson, Jack Sparrow e Morgan. Peccato che la sua canzone sia una filastrocchina circense degna del Pulcino Pio. Siamo arrivati a questo: il rock ai tempi di Fabio Fazio. Voto 5/10
Visto che Bianca Balti sembra troppo fatta per combinare qualcosa, come ospite-valletto arriva anche il rugbista Martin Castrogiovanni. Di lui non dirò nulla di male perché è grosso e mi fa paura. Non quanto la voce di Kekko dei Modà, però mi fa paura. In realtà comunque come sportivo volevano invitare Francesco Totti, ma era già troppo impegnato a suonarle alla Juve. Lo dico da tifoso della Juve.
Chiara Non mi dice niente. Il che è già qualcosa, considerati gli standard sanremesi. Mediocre mediocre mediocre. Medioman ha trovato una compagna: Mediogirl. Voto 6/10
Guest Twitter Netsuno Mikaga ‏@MateMar Può piazzarsi tra i primi 14 #Chiara #sanctusremus
Marta sui Tubi Non me ne frega un tubo se possono ancora essere conisiderati alternative o meno. Almeno sono stati una bella pausa dalle tante lagne sentite fino ad ora. Voto 7+/10

IL FESTIVAL DEL BUONISMO. E DEI BIMBIMINKIA

Dopo Max Manson, Malika Monroe.
O è il contrario?

Malika Ayane Stona un po’, ha un look da vorrei essere Marilyn Monroe ma non posso, eppure è tipo la mia preferita. Per ora. Per mancanza di concorrenza, più che per meriti suoi. Voto 7,5/10
Claudio Bisio La comicità ha raggiunto un nuovo punto basso, con Bisio a fare le battute sui personaggi Disney. Nella parte finale del suo infinito tristissimo monologo prova a tirare fuori la tematica politica, sprofondando sempre di più in banalità populiste e stereotipi assortiti. Oltre a predicozzi che impartiti da uno stipendiato da una vita da Mediaset lasciano il tempo che trovano. Innocuo e inutile. Fazio style.

IL FESTIVAL DEL BUONISMO. E DEI BIMBIMINKIA

Claudio Bisio mi ha prosciugato così tanto, a livello comico ma anche
spirituale, che non riesco più nemmeno a scrivere una didascalia decente.

Guest Twitters Alessandra Angeli ‏@AAtheMerciless Ma Martufello è un comico d'avanguardia in confronto a Bisio. @sanremochiuso
Cesare ‏@cesareportosalv Il mio vicino del piano di sotto è venuto a lamentarsi per il rumore delle palle che mi sono cadute. #bisio #Sanremo #Sanremo2013 #spamremo
Piercarmine Porcaro ‏@lossperdutos Il monologo di #bisio verrà usato dagli americani come tortura
David Di Tivoli ‏@David_IsayBlog E' la prima canzone per la quale non sento una risata tra il pubblico. #sanremo2013
Elio e le Storie Tese In mezzo a tanta noia, gli unici a creare scompiglio sono loro, questa sera in versione Elio e le Storie Obese. Voto 8/10
Marco Mengoni Non ho capito tutto questo entusiasmo bimbominkioso nei confronti del Mengoni ora. Perché ora? Marco Mengoni ha vinto X-Factor nel 2009, aveva già partecipato a Sanremo nel 2010, quando si era classificato terzo, e ora le sue fan della prima ora dovrebbero essere cresciute abbastanza da non dilapidare tutta la loro scheda telefonica per stare a votarlo al televoto. Il sospetto sempre più forte a questo punto è che evidentemente non piace solo alle bimbeminkia… Comunque non è troppo male. È un po’ come Fabio Fazio: c’è di meglio, ma c’è anche ben di peggio. Qualcuno ha detto la parola Modà? Voto 6,5/10
Simona Molinari con Peter Cincotti Pezzo simpa. Simpa almeno al confronto del monologo di Bisio. Voto 6+/10
Guest Twitter Sto_kastico ‏@stefanopicone Mentre voi tuittate #Cincotti se sta a piega' la #Molinari sul lavandino del bagno. #sapevatelo #Sanremo2013
IL FESTIVAL DEL BUONISMO. E DEI BIMBIMINKIA
Andrea Bocelli Oggi mi sento talmente contagiato dallo spirito fabiofazioso che voglio fare il buonista. Evito quindi battutacce di pessimo gusto sul sopravvalutatissimo Andrea Bocelli e sul suo (come no?) figlio Tori Amos, lasciando tutta la cattiveria ai guest twitters.
Spinoza Live ‏@LiveSpinoza Entra Andrea Bocelli. "Saluto il pubblico del Festivalbar!" [@LaiMassimiliano] #Sanremo2013
Luca Faenzi ‏@lucafaenzi Se ne è accorto Bocelli che il figlio è tunisino?
Gabriella Cantafio ‏@G_Cantafio Ma il figlio di Bocelli è il protagonista di The Millionaire? #spamremo #sanremo2013
azael ‏@azael Se ti chiami Amos e sei il figlio di Bocelli puoi scegliere tra due motivi diversi per drogarti #sanremo2013
David Di Tivoli ‏@David_IsayBlog Le canzoni di Bocelli e il monologo di Bisio sono originali alla stessa maniera. #sanremo2013
Ciccio Ratti ‏@CiccioRatti Fazio che dice a Bocelli "poi ci vediamo" è il vero vincitore di #sanremo2013
IL FESTIVAL DEL BUONISMO. E DEI BIMBIMINKIA
Birdy Ospite straniera: la sedicenne Birdy con “Skinny Love”, un pezzone di Bon Iver. Grandissima.
Guest Twitter Alessandro Raina ‏@GooodbyeLenin In due giorni a Sanremo si sentono pezzi di Anthony e Bon Iver. Menomale che c'è Al Bano, stavamo quasi per sembrare un paese normale.
Guest from Facebook Dariella Amari E così mia nonna forse sta ascoltando un pezzo di Bonnie..

Dopo 12 ore di programma, scatta il momento dei premi.
Premio della critica Mia Martini: Elio e le Storie Tese
Premio per l’arrangiamento: Elio e le Storie Tese e il maestro Beppe Vessicchio.
Quindi, l’annuncio dei 3 finalisti di Sanremo 2013, che sono… Elio e le Storie Tese. Modà. Marco Mengoni.
Guest Twitter Antonio Grizzuti ‏@AntonioGrzt #Berlusconi ha appena dichiarato: in caso di vittoria dei Moda' vi restituiremo i soldi degli SMS per il televoto #sanctusremus @FGoria
Chi pensate abbia vinto, alla fine della fiera? Prima di farvi illusioni e immaginarvi un triplete degli Elii, ricordatevi che siamo in Italia.
E il vincitore è…
Marco Mengoni
Le∞nardo ‏@MrL3O Un minuto di silenzio per tutte le bacheche di Facebook che si riempiranno della canzone di mengoni, con scritto: Brividiii #Sanremo13
Purtroppo ‏@purtroppo Sanremo l'ha vinto Mengoni, speriamo solo che adesso i bimbiminkia che lo hanno votato non facciano il carosello con le microcar!

Gli Elii sono arrivati secondi, proprio come nel 1996 con “La terra dei cachi”. Terzi i Modà. E il fatto che non abbiano vinto loro mi restituisce un po’ di fiducia negli italiani. Un briciolo.
Questa è la classifica completa del Festival di Sanremo 2013, tra televoto e giuria di qualità.

IL FESTIVAL DEL BUONISMO. E DEI BIMBIMINKIA

"Minchia, ho vinto X-Factor e Sanremo. Ora mi manca solo il trionfo
all'Isola dei Famosi e faccio il triplete del trash tv."

1. Marco Mengoni
2. Elio e le storie tese
3. Modà
4. Malika Ayane
5. Raphael Gualazzi
6. Daniele Silvestri
7. Max Gazzè
8. Chiara
9. Annalisa
10. Maria Nazionale
11. Simone Cristicchi
12. Marta sui tubi
13. Simona Molinari con Peter Cincotti
14. Almamegretta
Giusto per allungare un po’ la brodaglia di un post già parecchio lungo, proprio come ogni buona serata di Sanremo che si rispetti, ecco anche la mia top 10 cannibale di quello che personalmente mi è piaciuto di più di questo Sanremo 2013. Piaciuto? Diciamo quello che mi ha fatto meno schifo.

IL FESTIVAL DEL BUONISMO. E DEI BIMBIMINKIA

Tra i tre, la più figa è sempre la Littizzetto.

10. Luciana Littizzetto Il suo repertorio da casalinga disperata è sempre lo stesso, ma qualche risata ce l’ha regalata. Non male pure il suo monologo femminista. Lucianina non brava, ma bravina.
9. Il Cile L’unico gggiovane da tenere d’occhio. Con mezzo occhio.
8. Marta sui Tubi Non sono diventato un loro fan assoluto, non comincerò a farmi chiamare Marco sui Tubi, però sono tra quelli che mi sono dispiaciuti di meno.
7. Asaf Avidan Voce strana, particolare. Può piacere o non piacere, ma non chiamatelo il Marco Mengoni israeliano, per favore.
6. Birdy Giovincella inglese molto brava. Portarla sull’Ariston ha rappresentato però una terribile ingiustizia. Nei confronti dei nostri cantanti pseudo gggiovani. E pure nei confronti di quelli meno chovani.

IL FESTIVAL DEL BUONISMO. E DEI BIMBIMINKIA
 

Fabio Fazio buonista persino quando vede la figa: Bar Refaeli la guarda...
negli occhi!"

5. Bar Refaeli Fabio Fazio è buonista anche quando si parla di figa. Ha invitato Bianca Balti e Carla Bruni, due tipe che non sono certo delle bonazzone. Sono quel tipo di bellezza (?) buonista che non dà troppo fastidio alle altre donne. Per fortuna, all’Ariston è arrivata anche una topolona gigante vera e propria, Bar Refaeli. Com’è possibile? Secondo me non l’ha scelta Fazio.
4. Annalisa La Emma Stone di sto caz di Savona. Vince l’ambitissimo premio di bella del paese di Sanremo 2013.

IL FESTIVAL DEL BUONISMO. E DEI BIMBIMINKIA

Elio e le Storie Obese festeggiano con il premio cannibale.

3. Malika Ayane Canzone non fenomenale, look a essere gentili discutibile, eppure la sua voce è la più bella tra quella dei cantanti in gara. A yeah.
2. Antony & the Johnsons La voce migliore sentita sul palco dell’Ariston quest’anno. Forse nemmeno solo quest’anno.
1. Elio e le Storie Tese Degli alieni, anzi degli elieni. Estranei al Festival e alle altre canzoni, hanno fatto gara a parte e uno show a parte. Più interessante di quello del poco Fabolous Fabio Fazio. Sono loro i vincitori morali di questo Festival moralizzatore.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine