Magazine Scienze

Il grande hot spot di giove

Creato il 08 marzo 2012 da Alessandrodecet
La famosa tempesta su Giove il risultato di una convezione atmosferica?
IL GRANDE HOT SPOT DI GIOVE
La macchia rossa di Giove si è protratta per più di 300 anni, almeno finché ci sono stati i telescopi sulla Terra in grado di vederla.
Il parere unanime è che si tratta di una tempesta ciclonica guidata da calore che sale dal basso.
Tuttavia, esattamente come si è formata e perché si è protratto per così a lungo rimane un mistero.
La forma ovale varia di dimensione, da circa 19.500 chilometri di lunghezza per oltre 39 mila chilometri, con una larghezza massima di circa 21.000 chilometri.
In confronto, la Terra è di 12.800 chilometri di diametro.
La velocità del vento lungo il suo perimetro è stata a 635 chilometri all'ora, due volte più veloce di un tornado terrestre.
Gli scienziati planetari non sono sicuri di quello che fa sì che il suo colore sia rosso.
In realtà, non sono sicuri perché i pianeti gassosi giganti presentino combinazioni di colori unici complessivi.
Gli strumenti ottici rivelano che Nettuno ha un colore verde, blu Urano, Saturno un giallo pallido, e Giove un aspetto rosso ruggine.
Un recente annuncio della European Southern Observatory (ESO) in Paranal, Cile, afferma che il loro Very Large Telescope (tra gli altri) ha rilevato variazioni nella mappa temperatura dello spot. Le osservazioni rivelano una regione più calda al centro, corrispondenti al colore rosso più profondo.
"Caldo" è un termine relativo in questo caso dal momento che la temperatura media della Grande Macchia Rossa di -160 gradi Celsius.
Gli investigatori ESO sostengono che le zone più calde del centro del vortice sono sufficienti per guidare la sua rotazione e per attivare a tale centro un rosso scuro rispetto al resto della macchia.
Di origine, sia il colore rosso dai cambiamenti chimici nell'atmosfera o la risalita di altri materiali dal basso, richiede ulteriori studi.
Dal punto di vista dell'Universo Elettrico i segni enigmatici di Giove, in particolare la Grande Macchia Rossa, potrebbero avere una del tutto diversa origine. Piuttosto che dal calore generato internamente e per convezione,la turbolenta atmosfera di Giove potrebbe ricevere la sua energia da una fonte esterna.
Ricerche scientifiche hanno osservato che "giganteschi tornado di plasma", o tubi di flusso, sono stati trovati a entrare nella magnetosfera della Terra dallo spazio.
I tubi di flusso sono stati scoperti dalla flotta di satelliti THEMIS, quando volavano attraverso le strutture altamente cariche.
Questi vortici ruotano a più di 1,5 milioni di chilometri all'ora generando oltre 100.000 ampere di flusso di corrente elettrica.
Forse ciò che gli astronomi dell'ESO stanno assistendo è l'afflusso di filamenti di plasma nell'ambiente di carica elettrica di Giove.
Nell'immagine che accompagna il loro comunicato stampa, alcuni punti luminosi circondano la macchia rossa.
IL GRANDE HOT SPOT DI GIOVE
Sotto il punto ve ne è un altro luminoso a forma di arco,indicativo di un aumento delle emissioni di radiazione infrarossa.
Le correnti di Birkeland ruotano l'una intorno all'altra,come tanti fili girano intorno ad un centro comune in coppia.
Dapprima, ci potrebbero essere 56 filamenti che si fondono in 28, quindi 14, e così via.
Come più flussi di corrente attraverso un circuito, il numero di filamenti si riduce, ma ciascuna coppia diventa più energica.
Nei casi in cui le correnti si intersecano si verifica un emissione di luce chiara con l'aumento della densità del plasma, rilasciando abbondanti radiazioni termiche (e altro).
Invece le nubi di gas caldo,probabilmente gigando a causa dei campi elettromagnetici esterni stanno influenzando l'atmosfera di Giove.
La Grande Macchia Rossa, così come altri vortici rotanti di Giove, potrebbe essere, dove le correnti Birkeland incidono sul pianeta gassoso.
Stephen Smith
Fonte:http://thunderbolts.info/tpod/00archive.htm

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :