Magazine

Il Lechy

Creato il 12 gennaio 2012 da Aletheelf @AleTheElf
lechyPer gli slavi ogni bosco ha il suo Lechy (da "less", foresta). Questo personaggio compare in molte leggende popolari. Vive nel cuore delle foreste; pur sembrando un essere umano, la sua pelle è azzurra ,come il sangue, e gli occhi sono sporgenti; la barba è lunga, come i capelli verdi, le sopracciglia sono folte; all'estremità delle gambe lunghe, i piedi assomigliano agli artigli di un rapace. Il Lechy non ha ombra e muta continuamente statura: nano al limitare del bosco, dove può celarsi sotto una foglia; nel mezzo di una foresta di alberi la sua testa può raggiungere invece quelli più alti. Cura il suo regno, e quando un cacciatore si avvicina al suo territorio, il Lechy lo fa perdere riportandolo sempre allo stesso punto. Spesso questa creatura è bonaria e quasi sempre lascia andare la sua vittima. Per far uscire il Lechy dagli alberi (il più delle volte betulle), si tagliano questi ultimi, si dispongono in cerchio e si evoca lo spirito, il quale appare sotto forma umana, pronto a realizzare qualsiasi desiderio, purchè gli si doni l'anima. I Lechy devono abbandonare ogni anno le foreste, quando gli alberi iniziano a perdere le foglie. Ma è solo una morte temporanea, perchè rinasceranno con le nuove foglie. I Lechy in quel periodo sono colpiti dalla rabbia, ed è consigliabile non incontrarli nel mese di ottobre. Li si può sentire, mentre percorrono il bosco, emettere sogghigni, fischi ed imitare singhiozzi umani.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il Cardamomo

    Cardamomo

    Si ritiene che il cardamomo aumenti sia l'appetito sessuale che quello alimentare. Spezia di origini orientali trova un largo utilizzo in cucina, ma anche come... Leggere il seguito

    Da  Anginapectoris
    CUCINA, EROTISMO, SESSUALITÀ
  • Il maniaco

    maniaco

    Il maniaco di Iannozzi Giuseppe L’altro giorno son passato davanti alla Santa, sì proprio davanti alla Santa R*** dei miracoli impossibili, e m’ha sorriso; son... Leggere il seguito

    Da  Iannozzigiuseppe
    CULTURA
  • Il tacchino.

    C'era un tempo in cui il mangiare era un oggetto del desiderio, una cosa di cui si raccontava in termini favolistici rispetto alle ristrettezze di un presente... Leggere il seguito

    Da  Enricobo2
    CULTURA, VIAGGI
  • Il poeta

    poeta

    C'erain lei quella stupida idea di voler scrivere. Sempre e comunque.Potevaignorare il suo istinto, ma non voleva. Sarebbe stato come decideredi non respirare,... Leggere il seguito

    Da  Giulietta88
    TALENTI
  • Il truffacuori

    truffacuori

    Un film di Pascal Chaumeil. Con Romain Duris, Vanessa Paradis, Julie Ferrier, François Damiens, Helena Noguerra. Titolo originale L’arnacoeur. Commedia, durata... Leggere il seguito

    Da  Mriitan
    PASSIONE MOTORI, DA CLASSIFICARE
  • Il licenziamento

    Licenziare è più facile, ma l’unico licenziamento utile per il Paese è sempre rimandato. Il sì dei sindacati sarebbe scontato, anche se lo sciopero di oggi dell... Leggere il seguito

    Da  Faustodesiderio
    ATTUALITÀ, OPINIONI, POLITICA, SOCIETÀ
  • Il ricercato

    ricercato

    [...] Il suo tempo è passato e la sua battaglia è stata ereditata da uomini come Khaled, che cominciò a combattere molto dopo che il vecchio aveva smesso. Khale... Leggere il seguito

    Da  Marco4pres
    CULTURA, SOCIETÀ