Magazine Africa

Il mare di sabbia della Namibia

Creato il 05 giugno 2014 da Cafeafrica @cafeafrica_blog
Sono gli spiriti trasformati in polvere, che scalpitano per il dolore e scuotono ogni granello per farsi udire dai vivi. È la voce dei defunti rimasti intrappolati sulla costa degli Scheletri, che viene dalle dune e si trasforma in un rombo e sale assieme al vento, trasportando le anime in una breve illusione di libertà, in un infinito peregrinare nel deserto.
Lo zoccolo arriva a poggiarsi con decisione in cima all’alta duna rossa, il capo fiero dei due scettri lunghi e appuntiti posati sulla testa e che bucherebbero le nuvole, se solo ce ne fossero. L’orice ha indossato la sua maschera di potere, gli segna il muso di nero e gli copre lo sguardo rendendolo imperscrutabile. È il re e guardiano delle anime, cui la morte ha donato i segreti della vita nel deserto, lasciandolo solo tra le sabbie accese.
La Luna è più grande in mezzo al vuoto e sadica osserva i nuovi esseri partoriti sulla costa, venuti dal mare. Giacciono spaventati in attesa della mammella, senza vedere che attorno si aggira nervosamente lo sciacallo ammantato di una gualdrappa scura, che approfitta dei favori della Luna spettatrice. L’odore si fa più nauseabondo, l’angoscia cresce, sale l’urlo di migliaia di otarie, fratelli, padri e sorelle piangenti ad implorare inutile pietà.
Il vapore frattanto condensa, diventando un velo bianco posato come dono caritatevole dalla madre divina, che cerca così di offrire un po’ di ristoro agli spiriti vagabondi della sabbia. Sotto la velata protezione, il crepitare delle dune si placa e la luce bianca della terribile Luna si ovatta, lasciando i pochi esseri venire allo scoperto strisciando, saltando e rotolando.
Una ruota di carro sprofonda per metà nella sabbia, poco oltre le costole di buoi vigorosi. Tentano di raggiungere l’est, superando il deserto, sfuggendo dal mare gelido e rabbioso, che ha distrutto un così solido vascello. La grande acqua sotto gli occhi non può lenire l’arsura e le dune nel Namib sono senza fine e di continuo spostate dagli spiriti inquieti.
La grande antilope infine giunge, riflettendo la luce notturna col suo manto chiaro, toglie la regale maschera e posa il suo sguardo nero sui naufraghi e le bestie. Gli spiriti sono sopiti, ma in ascolto attendono nuova polvere.
Sulla costa degli Scheletri la morte comanda e la vita tutt’attorno le si inchina, eppure continua fingendosi assente.
Alessandra Laricchia
Namibia_ocean_otarie

Otarie a Cape Cross – Namibia


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Windhoek (Namibia) /Doverosa restituzione da parte della Germania

    Windhoek (Namibia) /Doverosa restituzione parte della Germania

    Trentacinque teschi e tre scheletri di donne e uomini di etnia Herero e Numa deportati in Germania all’inizio del XX secolo sono stati accolti a Windhoek con un... Leggere il seguito

    Da  Marianna06
    AFRICA, SOCIETÀ, SOLIDARIETÀ
  • Namibia /Si piange la morte di un eroe : il coraggioso Kuaima Riruako

    Namibia piange morte eroe coraggioso Kuaima Riruako

    E’ deceduto all’età di 79 anni dopo una lunga malattia Kuaima Riruako, capo dell’etnia Herero, eroe nella lotta contro i coloni tedeschi. La sua battaglia annos... Leggere il seguito

    Da  Marianna06
    AFRICA, SOCIETÀ, SOLIDARIETÀ
  • Il nonno

    nonno

    Sebbene avessi firmato contro,alla fine l'ho guardato.Una curiosità innata che mi fa andare sempre un passettino più avanti di quel che credevo,unita ad una... Leggere il seguito

    Da  Chandy
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Il Presidente

    Presidente

    Ultimi articoli A scuola di berlusconismo: immagini dal segretissimo video-messaggio didattico di fine anno di Silvio Berlusconi poi censurato (da P come Prodi ... Leggere il seguito

    Da  Rosebudgiornalismo
    ATTUALITÀ, CULTURA, SOCIETÀ
  • Il Lungo Il Corto e Il Pacioccone

    Credo questa sia una delle Canzoni per Bambini più mitiche di tutti i tempi. Per il suo ritmo, per la sua innata allegria e per un testo semplice e lineare che... Leggere il seguito

    Da  Rexvonkostia
    SOCIETÀ, TALENTI
  • Il viaggio

    viaggio

    Secondo Lin Yu Tang, il mondo moderno (e lui scriveva nel 1936) ha perso la possibilità di viaggiare, proprio per il fatto che ha reso ciò più facile ed alla... Leggere il seguito

    Da  Enricobo2
    CULTURA, VIAGGI
  • Il lorenzaccio

    Pensavamo fosse la rottamazione ed, invece, è tutta una rappresentazione: la “scemeggiata” dei giovani rampanti, il cui livello di carineria è inversamente... Leggere il seguito

    Da  Conflittiestrategie
    POLITICA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA