Magazine Cultura

Il medagliatore

Creato il 25 marzo 2012 da Albertocapece

Il medagliatoreIl cinquantesimo soldato è morto in Afganistan e sarà certamente una medaglia. La patria è sempre generosa di patacche quanto avara di ragioni e di cuore, paga la sua cattiva coscienza con un nastrino e un pezzo di metallo che sono il salario del’ipocrisia. Anche Antonio D’Amico ha ricevuto una medaglia per il lavoro direttamente assegnata da Napolitano. E’ morto nel 2002  nella fabbrica Fiat di Pomigliano d’Arco, investito da un muletto guidato da un precario senza patentino, senza formazione, con il carrello strapieno di lamiere oltre il consentito. Entrambi vittime del talebano Marchionne che pretendeva e pretende ritmi incredibili, pena la chiusura.

Quella medaglia è l’unica cosa rimasta perché dopo una prima condanna, la Fiat è ricorsa in appello chiedendo l’annullamento del processo, assistita  in questo nobile intento dal presidente dell’ordine degli avvocati della Campania. E il gioco è risultato facile: tra un un rinvio e l’altro dopo dieci anni il reato è stato prescritto. Troppa differenza di fuoco tra i talebani liberisti e un operaio.

Ma chi ha concesso a suo tempo la medaglia, ora fa capire che la filosofia Marchionne è quella giusta è che anzi sarebbe ora di finirla con i troppi contenziosi sul lavoro, alcuni dei quali rischiano persino di non finire nel mucchio delle prescrizioni. E naturalmente è ora di finirla con l’articolo 18. Fosse per me la restituirei con alcune indicazioni precise sul luogo dove conservarla perché le onorificenze sono fuse nell’ipocrisia se poi si favoriscono le condizioni che costringono tristemente ad assegnarle.

E per fortuna che si tratta del custode della Costituzione e del suo articolo fondativo :  L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. Ma forse quel custode è esagerato, forse è soltanto ‘o guardaporte


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il becolino

    becolino

    Giorgio Caproni, Il seme del piangere, 1952-1958 in Tutte le poesie, Garzanti, Milano 1999 Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il sorcio

    A Bruno Vespa«La città formicolava di gente, ma molte persone non avevano da dormire e da mangiare. Spesso si trovavano dei morti sconosciuti lungo le scarpate... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il tornaconto

    tornaconto

    Quando vedo certe pubblicità piazzate in bella vista su certi giornali (on line) mi sembra ci sia qualcosa che non torna; ma forse sono soltanto io che non... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il Negativo

    Negativo

    Nell'affrontare tematiche spinose e delicate come la vera utilità del Collegio d'Europa, c'è sempre, a riequilibrare il dibattito verso il basso, la figura del... Leggere il seguito

    Da  Fra
    CULTURA, ITALIANI NEL MONDO, SOCIETÀ
  • Il collezionista

    collezionista

    *Ho qualche soldo messo da parte. Una vita di lavoro. In fondo, ho fatto tanti sacrifici, soprattutto per gli amici (degli amici). I soldi, insomma, me lo sono... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il poeta

    poeta

    [Unknown, Man Ray agendas and related materials, ca. 1926. The Getty Research Institute, Los Angeles.]Si bùccina che viva dando ad altrila procura, la delega o... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il progresso

    progresso

    "Non si persegue il progresso per costruire belle fabbriche ma per fare belle persone. A che serve il progresso se fa poveri, schiavi, morti? Il capitalismo... Leggere il seguito

    Da  Cavaliereoscurodelweb
    CULTURA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazines