Magazine Cultura

Il misterioso zodiaco di Dendera

Creato il 01 luglio 2012 da Kimayra @Chimayra

Il misterioso zodiaco di Dendera

Lo Zodiaco di Dendera

Uno dei tesori più antichi e famosi custoditi nel Museo del Louvre a Parigi è lo Zodiaco di Dendera, antico di 2060 anni. Fu tolto da una cappella dedicata ad Osiride nel Tempio di Hathor a Dendera nel 1820 e spedito a Parigi. Lo Zodiaco è stato ricavato in bassorilievo ed è stato oggetto di dispute feroci, che sono andate oltre la scienza, nella Francia napoleonica prima ed in quella della Restaurazione poi.
Anche oggi lo Zodiaco di Dendera continua a provocare reazioni contrastanti. E' considerato la prima rappresentazione storica delle dodici costellazioni dello zodiaco classico, anche se gli egittologi insistono che si tratta di una rappresentazione astratta, senza alcun riferimento all'attuale zodiaco astrologico, si tratterebbe, piuttosto, della rappresentazione astronomica del cielo così come la vedevano gli Egizi del 50 d.C.
Lo Zodiaco di Dendera è stato ricavato da una lastra di arenaria posta sul soffitto del Tempio di Hathor ed Iside a Dendera. Qui si celebravano i misteri della resurrezione di Osiride. Lo Zodiaco mostra la volta del cielo, rappresentato come un disco, sorretta da quattro figure femminili assistite da divinità con la testa di falco. Attorno al disco, 36 decani simboleggiano i 360 giorni dell'anno egizio. Le costellazioni rappresentate sono grosso modo quelle che conosciamo oggi: l'ariete, il toro, lo scorpione e il capricorno sono del tutto simili ai segni zodiacali moderni. Altri segni, invece, sono rappresentati con un'iconografia tipicamente egiziana, come l'acquario, rappresentato come Hapy, il dio della piena del Nilo.

Il misterioso zodiaco di Dendera

Tempio di Hathor a Dendera

Nello Zodiaco di Dendera sono rappresentati anche i pianeti conosciuti dagli antichi Egizi: Venere è dietro il segno dell'acquario, Giove è vicino al segno del cancro, Marte è posto sopra al segno del capricorno.
Nel 1802 l'artista, scrittore ed archeologo Vivant Denon, in seguito nominato primo direttore del Louvre, visitò Dendera e vide lo Zodiaco. Tornato in Francia, pubblicò le sue riproduzioni del soffitto. Immediatamente alcuni ricercatori sostennero che si trattava di un'opera antica di diverse migliaia di anni, che dimostrava come Greci e Romani fossero dei neofiti, se confrontati con gli Egizi. Affermazioni piuttosto audaci se si pensa che è questo il periodo in cui si riteneva, secondo una cronologia ricavata dalla Bibbia, che il mondo non era più antico di 4000 anni. I conservatori, all'opposto, ritenevano che lo Zodiaco era databile ad un'epoca molto più recente.
Nel 1820 il collezionista di antichità francese Sebastien Saulnier, con il permesso del governatore egiziano Mohamed Alì Pasha, decise di rimuovere lo Zodiaco di Dendera e di spedirlo in Francia. Così, muratori armati di seghe, martinetti e persino polvere da sparo, estrassero, in modo estremamente primitivo ed assolutamente non professionale, lo Zodiaco dal soffitto del tempio, lo caricarono su un'imbarcazione sul Nilo per poi farlo arrivare a Parigi. Nel 1822 il prezioso reperto fu installato nella Bibliotheque Nationale da Luigi XVIII, che lo aveva acquistato da Saulnier per una somma stratosferica.

Il misterioso zodiaco di Dendera

Dendera, capitelli hathorici

Durante la Rivoluzione Francese, lo Zodiaco di Dendera fu usato dagli intellettuali d'oltralpe per screditare la religione cristiana. Si aprì, pertanto, un furioso dibattito tra le opposte fazioni finché Jean-François Champollion, che era riuscito a trovare la chiave di lettura dei geroglifici grazie alla Stele di Rosetta, intervenne a risolvere il mistero dello Zodiaco. Champollion datò lo Zodiaco di Dendera al periodo della dominazione greco-romana dell'Egitto, intorno al I secolo a.C., confermando, con questo, quello che avevano sempre sostenuto i cristiani, vale a dire la relativa "giovinezza" della cultura egizia. Arrivò a questa datazione poiché era riuscito a decifrare i nomi degli imperatori romani Tiberio, Nerone, Claudio e Domiziano.
Joseph Fourier, che aveva esaminato lo Zodiaco nel 1800, lo aveva, invece, datato al 2500 a.C., basandosi sulla situazione astronomica che vi era rappresentata. Recenti studi hanno dato ragione, in parte, al Fourier: lo Zodiaco di Dendera riproduce abbastanza fedelmente gli zodiaci mesopotamici risalenti al III millennio a.C.
Il Tempio di Hathor, in cui si trovava lo Zodiaco, presenta un complesso problema di datazione. Gli ortodossi affermano che fu costruito ufficialmente in epoca romana, ma Auguste Mariette, alla metà del XIX secolo, scoprì fondazioni del tempio profonde ben 7 metri, mentre la quasi totalità dei templi egizi (Luxor, Karnak ed altri) è praticamente poggiata sulla superficie spianata del terreno. Queste fondazioni portano a credere che i lavori di epoca tolemaica siano consistiti nel restauro di un tempio preesistente e molto più antico.

Il misterioso zodiaco di Dendera

Dendera, particolare di uno zodiaco
posto in verticale nella sala ipostila

Nel 1975 François Daumas scoprì un'iscrizione sulla parete esterna ovest del naos del Tempio di Hathor a Dendera. Questa iscrizione attesta che la cerimonia di fondazione del tempio ("tendere la corda") avvenne il 14° giorno del mese di Epiphi del 27° anno di regno di Tolomeo XII Néos Dionysos Aulète (80-51 a.C.) e che i lavori si conclusero nel nono anno di Augusto. La costruzione iniziò, dunque, il 16 luglio del 54 a.C., giorno della levata elica di Sirio, ed i lavori di conclusero tra la fine di agosto del 21 a.C. e lo stesso periodo dell'anno successivo. Il tempio della nascita di Iside, edificato da Augusto su un precedente tempio tolemaico, costruito a sua volta su un tempio ancora precedente, e posto immediatamente a ridosso del tempio originale, ha lo stesso orientamento del Tempio di Hathor, pur se ruotato di poco rispetto al tempio più antico.Nel 1919 lo Zodiaco fu trasportato dalla Bibliothèque Nationale al Louvre, continuando a dividere gli studiosi sul significato di ciò che vi era rappresentato. Qualche anno fa Zahi Hawass chiese la restituzione all'Egitto, tra gli altri, dello Zodiaco di Dendera, arrivando ad interrompere qualsiasi rapporto di cooperazione con la Francia al netto rifiuto alla restituzione opposto da quest'ultima.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il perdono

    perdono

    Abbiamo un sogno del pianeta che non funziona e gli esseri umani soffrono diuna malattia mentale chiamata paura. I sintomi sono tutte le emozioni che cifanno... Leggere il seguito

    Da  Colorefiore
    ASTRONOMIA, CULTURA, PSICOLOGIA
  • Il cane, il gatto, il topo

    cane, gatto, topo

    C’era una volta una casa normale, abitata da gente normale, in cui vivevano un cane, un gatto e un topolino, solo che loro non erano del tutto normali, o... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Il Decameron

    Decameron

    Tra il 1348 e il 1353, Giovanni Boccaccio completò il “Decameron”. Una delle opere letterarie più note al mondo. Boccaccio non avrebbe mai immaginato di... Leggere il seguito

    Da  Annanihil
    CINEMA, CULTURA
  • Il dittatore

    Larry Charles Prima che Gheddafi incontrasse una meritata fine, “Il dittatore” di Sacha Baron Cohen avrebbe potuto interpretarlo lui - e sarebbe sembrato quasi... Leggere il seguito

    Da  Giorgioplacereani
    CINEMA, CULTURA
  • il matematico

    questa è la storia di alan turing, raccontata da quelli di radio 3, con tanto di narrazione e attori che recitano. riguarda la mela di apple. viene da questa... Leggere il seguito

    Da  Matteocarrera
    CULTURA
  • Il Restauro

    Restauro

    Avevo intenzione di scrivere un post su Superman, vecchio e nuovo, passando attraverso il fumetto e la “morte”. Perché Superman è il personaggio per ogni autore... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA
  • Il ragno

    ragno

    Domenica 02 Settembre 2012 20:01 Scritto da marco.ernst Quando lo vide il suo primo pensiero fu: “Che creatura schifosa! E per di più è enorme! Perché Dio ha... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI