Magazine Attualità

Il Mistikeis

Creato il 09 maggio 2014 da Webmonster @mariomonfrecola

«Mario, c’è un mistikeis nel tuo skill-set. Fasati con gli altri per un upgrade del tool JS e fissa il bug. Poi uplodda il file col tuo know-now e postati un reminder per il briefing via call».

Non riporto un brandello di conversazione tra me ed un esponente della tribù dei Pashtun afghani del Pakistan occidentale ma una frequente richiesta che giunge da qualche mio collega d’ufficio. Perché l’informatico parla per acronimi ed i termini inglesi spopolano, peggio quando italianizzati oppure pronunciati in contesti inopportuni.

Il Mistikeis

Aggiungo un ulteriore aggravio: ogni lavoro presenta il suo gergo linguistico ma la tecnologia è il regno dei termini globalizzati.

Clic, touch, download, app, mouse, whatsapp,chat, tweet, share e like sono comprensibili nel remoto villaggio della regione del Pashtunistan e nei moderni uffici del Freedom Tower di New York. E poi, durante una conversazione è più fico «ho acquistato un nuovo hard disk dallo shop on-line con PayPal» oppure «ho comprato una memoria di massa in Rete ed ho pagato con la carta di credito»?

Il sottoscritto preferisce esprimersi in italiano, evitare di storpiare le parole, dribblare le sigle ed utilizzare i paroloni stranieri se necessario e nei modi (e tempi) giusti. Non è patriottismo sfrenato, purismo assoluto o chiusura alla inevitabile evoluzione della lingua di Dante bensì preferisco la bellezza della semplicità al pacchiano, l’immediatezza al prolisso, la linearità all’ambiguità. Perché l’uso dei vocaboli anglosassoni alla moda crea conversazioni fumose e – se mal pronunciati – si rischia la figuraccia, proprio come indossare un vestito kitsch ricco di colori appariscenti e sgargianti alla festa di beneficenza della parrocchia.

Dopotutto, (anche) il modo di esprimersi è una questione di stile e chi ha gusto evita imbarazzanti mistikeis.

MMo



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il risolutore

    risolutore

    Se si vive nei pressi di una linea ferroviaria, presto non si “sentirà” più se passa un treno. La ripetizione dello stimolo causa insensibilità. Leggere il seguito

    Da  Bernardrieux
    INFORMAZIONE REGIONALE, POLITICA, POLITICA ITALIA
  • Il rimpastino

    rimpastino

    Non ha nemmeno festeggiato il compleanno il governo di larghe intese.La maggioranza che l'appoggia è già cambiata, con lo sfilamento tattico di Forza Italia e l... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Il Lungo Il Corto e Il Pacioccone

    Credo questa sia una delle Canzoni per Bambini più mitiche di tutti i tempi. Per il suo ritmo, per la sua innata allegria e per un testo semplice e lineare che... Leggere il seguito

    Da  Rexvonkostia
    SOCIETÀ, TALENTI
  • Il concorso

    concorso

    “Marco Alcina?! Ma di chi cazzo è Marco Alcina?”. Il professore Lucio Guidoni strabuzzò gli occhi e strinse i denti in un ghigno rabbioso. Leggere il seguito

    Da  Domenico11
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Il comunista

    comunista

    Dal titolo evocativo, altisonante per certi versi, in ogni caso specifico, diretto, “Il comunista”, di Guido Morselli fu pubblicato nel 1976, benché fosse... Leggere il seguito

    Da  Bernardrieux
    INFORMAZIONE REGIONALE, POLITICA, POLITICA ITALIA
  • il mentalista

    Massimo aveva preso un pacco di soldi dall’assicurazione per via dell’incidente in moto. L’aveva tirato sotto un’auto in una rotonda, quando di rotonde in Itali... Leggere il seguito

    Da  Plus1gmt
    SOCIETÀ
  • Il Pappo

    Pappo

    Voglio raccontarvi un aneddoto, relativamente recente della mia vita: nel 2011 vennero sdoganati in Valsangone, 31 ragazzi e ragazze africani, provenienti... Leggere il seguito

    Da  Fernando
    CULTURA, SOCIETÀ