Magazine Formazione / Istruzione

Il motore del business? la famiglia!

Da Alessandro Vella @alevella

IMG_1164Quando si riesce a fare un ottimo lavoro unendo famiglia e business in un’unica essenza, non ce n’è per nessuno!

Questa è una delle caratteristiche di noi italiani che forse abbiamo dimenticato inseguendo il sogno americano del business stellare. Apprendere è togliere ciò che non serve, ma, nella frenesia di crescita abbiamo culturalmente lasciato per strada il valore dell’essere insieme.

La maggior parte delle PMI (Piccole Medie Imprese) italiane ha al suo interno componenti della famiglia (totalmente o in parte): genitori, moglie o marito, partner, figli, cugini, zii, e così via.

Aver perso di vista quanto la famiglia è importante per noi (ci siamo lasciati smembrare dal consumismo e dal finto “non ho tempo per…”), ci ha portato ad applicare tecniche a “stelle e strisce” senza riadattarle al nostro modo di essere (famiglia) e fare.

Senza parlare della difficoltà di distinguere e bilanciare i ruoli famigliari con quelli aziendali. Il lavoro sulla parte comportamentale e relazionale qui fa veramente la differenza: le differenze caratteriali possono essere un punto di scontro (e rottura), oppure una complementarità di forze. Per dirla a modo mio: 1+1 può fare 0,5 (nel primo caso) oppure 5 (nel secondo).

I passi da mettere in campo per far sì che la famiglia sia il motore del business (e non il freno a mano) sono:

  1. aver chiara l’importanza della famiglia nello schema culturale del business italiano
  2. comprenderne i meccanismi (di potenziamento ed autosabotaggio)
  3. saper gestire le differenze comportamentali come valore aggiunto (e non come contrasti)
  4. saper bilanciare famiglia e lavoro per far crescere entrambi insieme (piuttosto che generare le tipiche situazioni in cui le due aree si cannibalizzano).

I test che abbiamo elaborato aiutano a fotografare i seguenti aspetti:

  • Mother Board (MB) – bilanciamento aree vita e lavoro
  • Mother Board Aziendale (MB-A) – bilanciamento aree aziendali
  • Creative Operating System (COS) – tratti comportamentali (di successo ed autosabotanti)

Aver chiara la scena di partenza è sicuramente la prima cosa da fare, per poi elaborare un piano d’azione fondato su dati oggettivi e misurazione dei risultati raggiunti.

Ti consiglio di leggere l’articolo di Dan “BUSINESS FAMILY ENGINE– L’elemento centrale del successo imprenditoriale e i 3 comandamenti per realizzarlo (lezione 1 di 5)

Se hai domande sulla tua scena attuale, vuoi avere info su come fare i test, vuoi sapere come approfondire gli argomenti di BusinessComportamentale e BusinessLifeBalance, CONTATTAMI QUI.



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog