Magazine Cultura

"Il nostro caro angelo": un'inno alla libertà religiosa

Creato il 31 ottobre 2010 da Natale Zappalà
a cura di Natale Zappalà
La fossa del leone
è ancora realtà
uscirne è impossibile per noi
è uno slogan falsità
Il nostro caro angelo
si ciba di radici e poi
lui dorme nei cespugli sotto gli alberi
ma schiavo non sarà mai
Gli specchi per le allodole
inutilmente a terra balenano ormai
come prostitute che nella notte vendono
un gaio un cesto d'amore che amor non è mai
Paura e alienazione
e non quello che dici tu
le rughe han troppi secoli oramai
truccarle non si può più
il nostro caro angelo
è giovane lo sai
le reti il volo aperto gli precludono
ma non rinuncia mai
cattedrali oscurano
le bianche ali bianche non sembran più
Ma le nostre aspirazioni il buio filtrano
traccianti luminose gli additano il blu
Il nostro caro angelo”, titolo del brano e dell'album del 1973, costituisce probabilmente uno dei pezzi più sofisticati, testualmente e musicalmente, del duo Mogol-Battisti.L'apparente ermeticità del testo viene spiegata dallo stesso paroliere nel corso di un'intervista rilasciata a Claudio Bernieri (1978):<< Il nostro caro angelo è un discorso contro la Chiesa! L'hai sentita? Il nostro caro angelo è l'ideale. Effettivamente è un testo un po' difficile, però è autentico. Guarda che è semplicissimo, te lo posso spiegare in tre parole: voglio dire che l'ideale dell'uomo è distrutto man mano che si vive, perché è chiaro che chi vive con le ali viene ferito. Allora si mettono i remi in barca e si comincia a fare il discorso del compromesso; qui c'è proprio il tentativo di difendere questo ideale, le ali bianche non servono più. L'uomo condannato da questa Chiesa, visto come un peccatore, oscura sempre di più: è un discorso contro la Chiesa fatto con mezzo milione di copie, è un discorso sociale, assolutamente>>.Alla luce della spiegazione di Mogol, l'ascolto de Il nostro caro angelo acquista molto più significato e fascino, la lettura del testo si arrichisce di nuove riflessioni.Notiamo come, specie nei versi finali (le reti il volo aperto gli precludono/ma non rinuncia mai/ cattedrali oscurano/ le bianche ali bianche non sembran più/ ma le nostre aspirazioni il buio filtrano/traccianti luminose gli additano il blu) venga impiegato il consueto linguaggio salvifico, espresso attravarso l'opposizione di luce ed ombra, adoperato durante i sermoni, ma con una prospettiva, se così può definirsi, “rovesciata”. Naturalmente, si tratta di un'interpretazione soggettiva, per amore di scientificità precisiamo che non è assolutamente detto che quelle che seguono equivalgano alle reali intenzioni scrittorie dell'autore.L'ideale dell'essere umano, allegoria della LUCE mogoliana, una libertà etica coerente e consapevole, viene OSCURATA dal BUIO delle CATTEDRALI, dalle RUGHE vecchie di TROPPI SECOLI, dal dogmatismo e dal ritualismo prettamente ecclesiastico.Eppure, le NOSTRE ASPIRAZIONI rimangono talvolta in grado di FILTRARE IL BUIO, di emergere al di là della cortina incancrenita delle costrizioni religiose.Sono i sentieri svavillanti di verità, le TRACCIANTI LUMINOSE, ad indicare (ADDITARE) il cammino da seguire per arrivare al BLU, metafora della felicità, il cui corrispondente semantico nell'accezione cristiana è il concetto di beatitudine.Lasciamo ora spazio a questo splendido pezzo, in una versione sperimentale dal vivo.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • 12 - Il Country Rock

    Country Rock

    Grateful DeadUn gruppo che ha fatto storia, che è diventato nel bene e nel male simbolo di uno stile di vita, che ha coniugato musica e letteratura... Leggere il seguito

    Da  Robertocassandro
    CULTURA, JAZZ / BLUES, MUSICA
  • Il Concerto per Demetrio Stratos

    Concerto Demetrio Stratos

    Il Concerto per Demetrio Arena Civica, Milano, 14 giugno 1979 Non fu solo la fame si esibizioni live (una fame da lupi, in quegli ultimi ’70) a spingere 40. Leggere il seguito

    Da  Athos Enrile
    CULTURA, MUSICA
  • Se il vicino non gradisce il Violino

    vicino gradisce Violino

    Ecco una storia che sembra arrivare direttamente da quei film degli anni 50 e che invece è accaduta alla fine degli anni 90 alla Barona. Protagonista un... Leggere il seguito

    Da  Violinistinet
    CULTURA, CURIOSITÀ, MUSICA
  • Il tempo del canto

    Allora, comincio con una premessa. Mi è sempre piaciuto cantare. Cantavo nei miei vent’anni con gli amici, accompagnandomi con una chitarra che strimpellavo. Leggere il seguito

    Da  Stregazelda
    CULTURA, MUSICA
  • Il discorso dei re

    discorso

    è San Valentino ma chissenefregaè la settimana del Festival di Sanremo ma arichissenefregaci sono stati i Grammy e un poco cefrega visto che il premio per il... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CULTURA, MUSICA
  • Il Festival

    Festival

    Sono anni che non guardo il Festival di Sanremo, ma ogni volta che mi avvicino a un televisore in questa stagione dell’anno vedo immagini di repertorio che... Leggere il seguito

    Da  Sogniebisogni
    CULTURA, MEDIA E COMUNICAZIONE, MUSICA, PROGRAMMI TV, TELEVISIONE
  • Il sesso e la musica

    La musica, regina e signora delle arti, combinazione di suoni che esprimono sentimenti, idee, stati d’animo passeggeri e profondi, capace di arrivare a noi... Leggere il seguito

    Da  Witzbalinka
    CULTURA, MUSICA

Magazines