Magazine Cultura

Il padre pio dei Monti

Creato il 19 febbraio 2012 da Albertocapece

Il padre pio dei MontiMarchionne si è fatto crescere la barbetta: forse perché così sembra più umano e meno volgarmente grassoccio o forse perché il pelo sullo stomaco era tanto che doveva trovare un qualche sfogo all’esterno. Fatto sta che il restyling è coinciso con l’omaggio che i vari membri del governo hanno ritenuto di dovergli rendere, come se fosse un padre pio del capitalismo. E del resto i miracoli parlano chiaro: il crollo della Fiat sul mercato europeo, l’esclusione da Pomigliano di qualsiasi operaio che avesse avuto a che fare con la Cgil, il totale fallimento della 500 in Usa, i guai in Brasile, ne fanno davvero un motivo di ispirazione per curatori fallimentari del Paese.

Adesso giunge la notizia che il J.D. Power, istituto di ricerca indipendente e bibbia dei consumatori americani, mette la Chrysler e i suoi marchi (Jeep e Dodge) all’ultimo posto per affidabilità fra tutti i modelli venduti negli Usa. Insomma la cura di Padre Marchionne è stata finanziaria e d’immagine, ma non si è riverberata sul prodotto che continua ad avere le stigmate della pessima qualità.

E’ tutt’altro che sorprendente: spessissimo si riscontra una certa correlazione tra livello di salario e di tutele e la qualità  di prodotto, sia nella realtà che nella percezione del consumatore. Nel campo dell’automobile, forse a causa della complessità del settore, questo rapporto è particolarmente evidente: i gruppi di maggior successo nei vari segmenti di mercato sono quelli tedeschi, giapponesi e coreani dove i livelli di retribuzione e/o di welfare sono particolarmente alti.

Sarebbe qualcosa da indagare a fondo perché potrebbe dirci qualcosa di realmente importante sulla società e sui modi di produzione, invece di perder tempo a costruire modelli economici e finanziari astratti e di nessun valore euristico. Ma probabilmente esiste anche una correlazione tra  il valore intrinseco dei guru e quello dei loro seguaci: personaggi mediocri diventano le stelle comete dei mediocri perché è mediocre, misera la loro idea di società. Peccato che non esista ancora un J.D, Power per i governi.  Allora si che Chrysler sarebbe tutta italiana.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il compagno Monti

    compagno Monti

    Devo fare ammenda: ho sempre detto che le manovre del governo Monti oltre ad essere imposte dall’esterno, erano la quintessenza dell’iniquità e della volgarità... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Monti ed il "Rigor Mortis"

    Monti "Rigor Mortis"

    A..Mazzoleni arte-foto digitaleCon buona pace dei pochi irriducibili filomontiani, ciechi ad oltranza, le critiche di economisti di fama mondiale tra cui due... Leggere il seguito

    Da  Controcorrente
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il bugiardologo che vien dai dai monti

    bugiardologo vien monti

    Bugia, falsità, falso, fandonia, favola, frottola, finzione, messinscena, panzana, simulazione, bubbola, fola, invenzione, palla, cazzata, balla, mendacio,... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Monti, il suonatore di Sachs

    Monti, suonatore Sachs

    “Non c’è alcun conflitto di interessi e lo vedrete nei fatti”. Also sprach Passera e così parlò pure Monti : “Non ci sono conflitti di interesse nella mia... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Monti e il Bilderberg Group

    Monti Bilderberg Group

    Ci siamo ormai abituati a definire quello di Monti un governo tecnico. E tutti da nove mesi ripetiamo la stessa cosa. Poco ci interessa la sottigliezza di... Leggere il seguito

    Da  Casarrubea
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il buon cristiano Monti

    buon cristiano Monti

    Stamattina abbiamo appreso che la produzione industriale ha avuto un drammatico crollo, assieme ovviamente a quello del Pil. Ma per fortuna il Wall Street... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il governo Monti

    Le dimissioni di B. (se fossero vere) potrebbero essere la fine di un inizio (la famosa rivoluzione liberale) oppure l'inizio della fine (se questa situazione d... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ

Magazines