Magazine Società

Il paradosso

Creato il 07 settembre 2012 da Funicelli

Il paradosso è sotto gli occhi.
L'Ilva di Taranto non può chiudere, nonostante l'inquinamento e le malattie che provoca, perché la sua fine costerebbe a noi 8 miliardi. Anche per importare l'acciaio dall'estero.
Ma nel frattempo Alcoa puòchiudere, perché la politica ha lasciato mano libera agli americani che preferiscono chiudere e costringere l'Italia ad importare alluminio, piuttosto che favorire la concorrenza (la Klesh,multinazionale Svizzera, e la Glencore).
Serve un rilancio delle imprese, eppure mi sembra si faccia un po' poco per tenere in vita quelle esistenti.
Serve affrontare il problema della disoccupazione, eppure in questi giorni leggo dei primi licenziamenti“per motivi economici”, fatti grazie alla legge Fornero.
Legge che, spiega il ministro, darà effetti nel futuro (la fase 2?), perché ora siamo in fase recessiva. E allora, mi chiedo io, quale era l'urgenza di farla così in fretta, e così male? Solo perché serviva al premier per non andare ai tavoli europei con le mani vuote? Non è un po' cinico questo?
Serve una politica industriale che indichi dove mettere i soldi, su che industrie puntare. Che non assista silente alla fine delle industrie Fiat in Italia.
Che risolva il problema energetico (un bel gap per le nostre imprese, assieme a corruzione e burocrazia, altro che articolo 18). Eppure si leggono solo proclami, proposte, slogan.
Il senatore Marino vede bene Passera tra di loro, altri lo vedrebbero bene a dare una risposta politica ai problemi dell'industria.
Perché magari non si deve difendere il posto di lavoro in sé, ma il lavoro e la dignità delle persone sì.
La mossa della BCE di Draghi ha fatto abbassare lo spread e ha dato effetti positivi alle borse. Ma rimangono le stime pessimiste dell'OCSE sul pil italiano, le statistiche su aziende che hanno presentato i libro in tribunale.
Come a dire che c'è una bella differenza tra economia reale e spread. Sull'economia c'è ancora molto da fare, e non è solo compito delle parti sociali.
Così come esiste una bella differenza tra il dire le cose e poi farle.
Vedi il caso delle società concessionarie delle slot machine (“Anche i tecnici si inchinano alle slot machine” di Ferruccio Sansa, linkato qui): un giro da 45 miliardi, mentre le loro concessioni gratuite sono scadute. Uno dei re del settore è addirittura latitante all'estero.
Ma certo, è più facile prendersela con quella nostra abitudine al posto fisso.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il medagliatore

    medagliatore

    Il cinquantesimo soldato è morto in Afganistan e sarà certamente una medaglia. La patria è sempre generosa di patacche quanto avara di ragioni e di cuore, paga... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il Percofante

    Percofante

    Percofante è un orrido uccello mutante, un abominio figlio di un gabbiano, una cornacchia e un elefante di passaggio. Un uccello enorme che barrisce e che ha... Leggere il seguito

    Da  Punzy
    SOCIETÀ
  • Il collezionista

    collezionista

    *Ho qualche soldo messo da parte. Una vita di lavoro. In fondo, ho fatto tanti sacrifici, soprattutto per gli amici (degli amici). I soldi, insomma, me lo sono... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • il book

    La colpa è mia perché non sapevo che Naomi Campbell fosse anche una scrittrice e tra me pensavo che si trattasse di un caso di omonimia, chissà come è... Leggere il seguito

    Da  Plus1gmt
    SOCIETÀ
  • Il filo

    Chissà se Günther Grass scriveva già poesie ai tempi in cui vestiva l’uniforme delle Waffen-SS, chissà se anche allora, come oggi, aveva tanto a cuore la pace... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • Il sommerso

    sommerso

    La storia di uno sconosciuto morto per la colpa di voler essere un cittadino. La vicenda di un uomo ben raccontata da Monica Zapelli (Un uomo onesto, Sperling... Leggere il seguito

    Da  Lundici
    LIBRI, SOCIETÀ
  • Il cuore

    E’ il sole che ci scalda quello che non tramonta mai perchè  sappiamo tornerà a risorgere che ci tiene vivi… E’  l’acqua  che ci nutre quella che riteniamo un... Leggere il seguito

    Da  Dallomoantonella
    CULTURA, SOCIETÀ