Magazine Società

il paraocchi

Creato il 14 gennaio 2012 da Plus1gmt

Ero in macchina, al posto di guida, ed ero in uno di quei momenti in cui tra te e il mezzo che stai conducendo non c’è separazione, l’auto è il prolungamento del tuo corpo e non solo. Il cervello passa in rassegna gli scaffali meno accessibili in una sorta di inventario esistenziale simile a quello che fanno i negozi di abbigliamento dopo le feste, prima di partire coi saldi. La trance era favorita dal buio del tardo pomeriggio, il velo di nebbia fuori e l’anomalo silenzio all’interno dell’abitacolo, malgrado fossimo al completo, mia moglie al mio fianco e la bambina che si era addormentata sui sedili dietro. L’oggetto della riflessione era una banalità come la casualità degli eventi, io che da quel posto remoto che sono i vicoli del centro storico del capoluogo ligure ora sto attraversando il rhodense con un paio di snickers appena comprate per mia figlia nel bagagliaio e sei bottiglie di vetro da riempire con l’acqua del sindaco. E allora ho stretto un po’ gli occhi per ridurre la visibilità laterale e scoprire l’effetto che farebbe essere qui, da solo, se le cose fossero andate diversamente. Senza mia moglie seduta sul sedile alla mia destra e, di conseguenza, nessuno appisolato in quelli posteriori. Ed è stato il panico, giuro. Mi sono immediatamente voltato di lato per assicurarmi che fosse tutto come speravo, e per fortuna era ancora lì. Ti va se compriamo un po’ di carne per cena? le ho chiesto, quindi ci siamo presi per mano, per poco però, il semaforo alla fine del rettilineo era diventato giallo e dovevo scalare per fermarmi.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il G20 e la Turchia

    Turchia

    Stavo leggendo la dichiarazione finale del summit del G20 di Cannes; e in fondo in fondo, al paragrafo 94 su 95, ho finalmente scoperto qualcosa di rilevante:... Leggere il seguito

    Da  Istanbulavrupa
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Il coraggio, la dignità

    coraggio, dignità

    Giorni di silenzio sono il minimo che dobbiamo concedere a ciò che segue il disastro. Genova si allaga, di nuovo, ancora, e stavolta l'acqua porta con sé delle... Leggere il seguito

    Da  Alesan
    SOCIETÀ
  • Il tenerello 2: la vendetta

    Carissimi...Il tenerello che è in me e che vive con la stessa trepidante attesa di un bambino che sta aspettando l'uscita del suo fumetto preferito o che non... Leggere il seguito

    Da  Vpostulato
    ATTUALITÀ, POLITICA, SOCIETÀ
  • Il risveglio il giorno dopo la Rivoluzione

    risveglio giorno dopo Rivoluzione

    Chissà che delusione per quanti avevano in buona fede pensato che una volta uscito di scena Silvio Berlusconi tutto si sarebbe risolto, magari con qualche... Leggere il seguito

    Da  Dagored
    SOCIETÀ
  • La montagna e il topolino

    montagna topolino

    La commissione Giovannini stabilisce che i nostri parlamentari hanno gli stipendi più alti d'Europa.Ma i parlamentari non ci stanno a passare come... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Il dito e la luna

    dito luna

    Baltasar Garzòn Baltasar Garzòn è un giudice spagnolo molto famoso in tutto il mondo; si ricorda, di lui, per esempio, di aver incriminato il dittatore cileno... Leggere il seguito

    Da  Maltecoron77
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Non datele il la

    datele

    Licia Satirico per il SimplicissimusNon ama essere chiamata “la” Fornero: il ministro del Lavoro e delle pari opportunità odia l’articolo determinativo... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine