Magazine Cultura

Il popolo di Maometto

Creato il 24 febbraio 2011 da Casarrubea

di

Giuseppe Casarrubea

Il popolo di Maometto

Ben Alì (a destra)

E’ arrivata improvvisa, silente, la rivolta che fa tremare il potere costituito in molti Paesi arabi. In Iran, Egitto, Tunisia, Yemen, Libia, Algeria, Bahrein. Qualcuno prevede che il prossimo turno sarà la volta dell’Arabia Saudita, una roccaforte della monarchia assoluta di stampo medievale. Sembra che con il tam tam di Facebook e il sottofondo dei tamburi indiani, come quelli che si vedono nei film western, si siano disotterrate nottetempo asce nascoste da secoli e che inveterate oppressioni abbiano rotto gli argini provocando tracimazioni a catena. Anzi, un vero e proprio terremoto. 

L’onda d’urto sembra avere  un solo nemico: la tirannide, i vertici del potere dittatoriale. Ma in questo processo di natura rivoluzionaria, non tutto è chiaro. Anzi, le ombre sono di più delle evidenze, se è vero che in tutti i casi che stiamo registrando, nessuno ha idea di cosa sarà il futuro. Il presente ci dice solo che l’uomo è un animale raro. Quando va al potere è capace di usarlo come  neanche le belve fanno a danno dei loro simili. E’ brutale, sanguinario e dimostra la vera natura del dominio su altri uomini. Lo stiamo vedendo in Libia dove si è scatenata una guerra civile senza precedenti.

I crimini ai quali stiamo assistendo ci ricordano quelli commessi dalla popolazione italiana al tempo della dominazione del 1911-1943, quando  circa 5000 libici furono confinati nelle isole di Ustica, Ponza, Favignana e Tremiti senza che se ne sapesse più nulla. Allora l’aviazione italiana bombardò a tappeto le città e i villaggi, fece uso di gas e di armi chimiche mortali; deportò nel 1932 in campi di concentramento, 100.000 libici dell’altopiano della Cirenaica nel deserto della Sirte  provocando la morte di 40.000 persone a causa della denutrizione, di malattie e  delle uccisioni indiscriminate. Le nostre truppe, inoltre, confiscarono i centri spirituali ed assistenziali, disseminarono il confine egizio-libico di mine, causando morti e mutilazioni. Per non parlare di migliaia di partigiani libici impiccati solo per aver difeso la loro terra dal dominio straniero.

 

Il popolo di Maometto

Rivolta in Libia

L’Italia non ha nessuna lezione da dare. A nessuno. Se oggi la vediamo attiva sul piano dell’iniziativa internazionale è solo per la paura di non reggere all’urto di un’ondata migratoria dalle proporzioni colossali. Ma ci chiediamo: in quanti hanno coltivato relazioni di amicizia con il folle rais africano? Pochi, forse, come Berlusconi gli hanno consentito di fare il bello e il cattivo tempo in casa nostra. Oggi ci troviamo di fronte a un popolo doppiamente martoriato: dalle tragedie della sua storia e da una guerra civile senza precedenti.

Ma lo scenario che abbiamo davanti è molto più vasto, come sappiamo. Il presidente iraniano, Mahmud Ahmadinejad, il 23 febbraio scorso ha ammonito, stando alle notizie della stampa,  il leader libico Muammar Gheddafi. Gli ha detto che deve «ascoltare le richieste del suo popolo», ed evitare di ricorrere alla violenza. Ahmadinejad ha aggiunto che «il mondo è alle soglie di grandi cambiamenti», e ha sottolineato, “il ruolo del dodicesimo Imam di cui gli Sciiti attendono il ritorno per portare la giustizia sulla Terra”. Certo la predica non viene da un pulpito credibile se è vero che dopo la sua rielezione nel 2009, i servizi di sicurezza hanno represso ogni forma di protesta e che l’opposizione iraniana non gode di grandi spazi di manovra. Fino ai morti registrati nelle manifestazioni di questi giorni.

Fra le cose che non si capiscono vi è, quindi, questa, tra le prime: la divaricazione di giudizio su ciò che sta accadendo tra un Paese come l’Iran e le rivolte del mondo arabo definite da Teheran un “risveglio islamico”. Egitto e Tunisia, dopo la caduta di Ben Alì e Mubarak, non lasciano trasparire un futuro certo di democrazia. La transizione per il momento è affidata ai militari, gli unici in grado di garantire, con la forza delle armi, il controllo politico e sociale di questi Paesi, dopo la rottura dei vecchi equilibri. La Libia segue a ruota, come in un effetto domino e con la variante che l’esercito è in gran parte ancora con Gheddafi.

E’ solo merito dei giovani e di Facebook? O dietro ci sono spinte non meglio identificate?  Ben Alì (al potere dal 1987), il secondo presidente della Repubblica tunisina dopo Bourghiba, sarà stato pure un lazzarone. Ma è stato anche un presidente vicino all’occidente europeo. L’economia del suo Paese per competitività nel mondo africano si è classificata al primo posto secondo il Forum mondiale dell’economia. Ma dal punto di vista della salvaguardia dei diritti umani il suo governo è stato dittatoriale e corrotto. Va bene dunque che sia finito tra i clamori della folla.

 

Il popolo di Maometto

Sadat

Diverso è il caso di Mubarak in quanto questi, se da un lato si era espresso contro la guerra in Iraq (2003) imposta dagli Usa e dalla Gran Bretagna, ha anche avuto un particolare ruolo all’interno del mondo islamico. Ha riconosciuto la religione dei cristiano-coopti, sanando il conflitto aperto dal suo predecessore Sadat, che ne aveva esiliato i capi religiosi. Forse Mubarak non ha tenuto in debito conto la storia del suo predecessore. Da un lato ha salvato il prestigio degli egiziani con la guerra del Kippur contro Israele, ha lavato l’onta della sconfitta del 1967 e recuperato buona parte del Sinai, fino al risultato della pace di Camp David. Dall’altro, però, ha adottato le maniere forti contro le organizzazioni musulmane e imposto il suo potere autoritario. Non ha fatto la fine di Sadat, ma è come se l’avesse fatta rimanendo vivo.

Nonostante il quadro sia ancora confuso  è legittimo avanzare un dubbio. Che dietro questo Quarantotto africano non integralista che si batte per la democrazia, ci sia un vero movente: il controllo delle risorse energetiche. Le democrazie occidentali tratterebbero meglio, infatti, con democrazie reali costruite sul loro modello, che non con capi  dispotici e speculatori che hanno fatto del loro potere delle dittature. E, come si sa, tra due litiganti il terzo gode.  Se si eccettua il ruolo che può svolgere in tutta questa vicenda l’integralismo islamico,  cosa che non è affatto da escludere, l’enigma sta nel capire chi è il terzo. Ma, forse, non è necessario fare molta fatica per venirne a capo. Lo sapremo presto.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il salice

    salice

    Io crebbi in un silenzio arabescato,in un'ariosa stanza del nuovo secolo.Non mi era cara la voce dell'uomoma comprendevo quella del vento.Amavo la lappola e... Leggere il seguito

    Da  Linda
    CULTURA, POESIE
  • Maometto

    Maometto

    H. Bobzin, Maometto, Einaudi, Torino 2002 Tra le tante letture sulla vita del Profeta, anche questa ci può stare. Della collana di cui ho parlato qualche... Leggere il seguito

    Da  Jolandaguardi
    CULTURA, LIBRI
  • Il Finimondo

    foglia di gran fico La signora Baiocchi abita al terzo piano. Sale le scale piano, con le buste della spesa che pesano e il respiro un po’ affannoso. Leggere il seguito

    Da  Hydepank
    SOCIETÀ
  • Il nemico

    nemico

    La campagna elettorale passa anche da questo: la esclamazioni di vittimismo da parte di esponenti del PDL o di suoi giornalisti. Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Il buono, il brutto e il cattivo

    buono, brutto cattivo

    Il brutto Allo scadere del primo decennio del nuovo millennio, il panorama politico italiano sta subendo una decisa operazione di restyling, qualcosa di simile ... Leggere il seguito

    Da  Tnepd
    POLITICA, SATIRA, SOCIETÀ
  • Il Matrimonio .

    Matrimonio

    L'argomento matrimonio è stato affrontato da ogni punto di vista: di lei, di lui, del papà , della mamma, delle damigelle, degli invitati, del cane, del gatto... Leggere il seguito

    Da  Junerossblog
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • Taglia da parte di un imam pakistano su una donna , aasia bibi, condannata per...

    Taglia parte imam pakistano donna aasia bibi, condannata sentito dire blasfemia contro maometto

    Le figlie di Il timore per la sicurezza del Aasia Bibi, donna cristiana condannata a morte secondo le leggi sulla blasfemia pakistana, Dopo che un predicatore... Leggere il seguito

    Da  Madyur
    SOCIETÀ