Magazine Cultura

Il punto della situazione

Da Carlo Deffenu
IL PUNTO DELLA SITUAZIONE
Sono schiavo della mia mente. Lo sono da sempre... però, ultimamente, The Brain, inizia a prendersi un po' troppo spazio. Dopo mesi di scrittura mi sono fermato e ho cercato di capire cosa era davvero necessario per il mio benessere. Ho scritto un racconto per un contest e sono contento del risultato finale. Non amo scrivere racconti, e non amo farlo perché non ci riesco... le mie idee hanno bisogno di più spazio per evolversi; con i racconti ho sempre l'impressione di contenermi, limitarmi... Questa volta l'idea è arrivata: chiara, lucida, precisa. Ho scritto il racconto tenendo presente il limite di battute e, tagliando e pulendo, ho portato a casa il risultato.Io scrivo per immagini - non a caso, molti lettori, mi dicono che il mio stile è parecchio cinematografico - e quando VEDO una storia ho già fatto buona parte del lavoro. Mi tocca solo sedermi, con pazienza e volontà, per dare corpo alle mie visioni. Dopo giorni di letture (leggo moltissimo e Simenon è il mio compagno di viaggio preferito ultimamente), questa mattina, mi è nata un'idea... un'immagine... ci ho pensato e mi sono detto: ecco, sei proprio fuori di testa!In realtà, ho un progetto più complesso in stand by... ci penso da un po', devo solo trovare la spinta giusta per buttarmi dentro il vortice della storia. Ho paura di non farcela... di non avere la forza per affrontare l'impresa. L'idea nuova è più leggera, solare, positiva... forse più adatta al mio blocco emotivo.Scrivere è un salto nel vuoto... sei sicuro di sapere dove cadrai con il tuo paracadute e invece... dopo pochi metri di volo... tutto si confonde e si altera nella tua percezione degli eventi.Mi è stato chiesto di esprimere con una frase breve il mio pensiero su cosa è per me scrivere... ho risposto così...
IL PUNTO DELLA SITUAZIONE
E ci credo fermamente. La scrittura mi ha salvato dal vuoto, dalla depressione e dalla solitudine nera.Non tutti lo capiscono.Ci sono abituato.Ma se riesci a ridere, se riesci a piangere, se riesci a fermarti nel silenzio della notte con una parola che pulsa come un neon, se pensi ai personaggi come a delle persone vere, se desideri viaggiare... e con la fantasia ci riesci benissimo senza portarti dietro nessuna valigia, se in un foglio puoi essere quello che hai sempre desiderato diventare nei tuoi sogni di bambino, se con la penna puoi gridare quello che con nessuno ammetteresti mai... neanche con un sussurro... allora, forse, e ripeto... forse... qualcosa vive in te.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il punto della situazione.

    punto della situazione.

    Questo post forse è un po' insolito, ma voglio fare il punto della situazione delle mie letture. Ultimamente sono entrati nella mia luunga lista diversi libri,... Leggere il seguito

    Da  Marta
    CULTURA, LIBRI
  • Il punto estremo - Paolo Pajer

    punto estremo Paolo Pajer

    I ContenutiTre vite legate fra loro da un corso circolare del tempo.Un libro, scolpito pazientemente con una prosa quasi zen, che racconta della vita e della... Leggere il seguito

    Da  La Stamberga Dei Lettori
    CULTURA, LIBRI
  • Il punto della situazione

    punto della situazione

    Entro o meglio rientro in punta di piedi e mi vergogno di aver lasciato queste pagine senza di me per tutto questo tempo, dovrei pensare (egoisticamente) che... Leggere il seguito

    Da  Magnoliawp
    DIARIO PERSONALE, LIFESTYLE, PER LEI, TALENTI
  • facciamo il punto...

    facciamo punto...

    Come si sarà capito, il blog non è ancora operativo al cento per cento e non lo sarà ancora per le settimane a venire. Il titolare è infatti ancora molto preso... Leggere il seguito

    Da  Omar
    CULTURA
  • Torniamo a fare il punto

    Torniamo fare punto

    Lo so che la mia assenza della scorsa settimana vi ha turbati parecchio. Vorrei tranquillizzarvi dicendo che STO BENE. Si', la settimana scorsa ero ammalata ma... Leggere il seguito

    Da  Ele
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Punto

    Aprì gli occhi lentamente, ridestandosi con fatica da un sonno denso. Dov’era. Merda, si era addormentato sulla poltrona del salotto, la coperta sulle gambe,... Leggere il seguito

    Da  Pim
    CULTURA
  • Facciamo il punto sulle full skirt

    Facciamo punto sulle full skirt

    Trovarle non è stato facile, pareva che solo Rochas, l'Ulyana Sergeenko e Tibi le avessero messe in produzione al posto delle solite pencil, dei soliti pantalon... Leggere il seguito

    Da  Lazitellaacida
    LIFESTYLE, MODA E TREND, TALENTI

Dossier Paperblog