Magazine Cinema

Il quarto tipo

Da Eraserhead
Il quarto tipoSulla scia del mockumentary contemporaneo reindirizzata dal duo Myrick-Sánchez (ehi, però non bisogna dimenticarsi cos’è stato Cannibal Holocaust nell’80), un aitante regista americano di nome Olatunde Osunsanmi propone (propina, magari) la sua variazione sul tema utilizzando l’escamotage degli alieni.
L’aspetto più fastidioso, irritante quanto una bolla di varicella, è la pedante contrapposizione tra realtà e finzione. Purtroppo veniamo già messi in guardia dalla Jovovich ancora prima che il film inizi: “tutto quello state per vedere è basato su documenti reali”, e subito dopo l’attrice aggiunge una frase pessima, ma veramente pessima: “alla fine sarete voi a decidere se crederci o meno”. Ah beh Milla, su quello puoi starne certa, tuttavia nella visione di un “finto documentario” l’ultima cosa che vorrei vedere è il continuo evidenziare dell’elemento che dovrebbe convincermi: il reale.
Le terrificanti schermate frazionate che affiancano fiction e materiale “autentico”, oltre a sottovalutare le capacità cognitive dello spettatore – abbiamo capito quali sono le intenzione fin da subito, perché continuare stucchevolmente a ripetere? –, rappresentano il tentativo di caricare più del bisogno il concetto di realtà, tentando di convincere chi guarda della bontà delle immagini. È una narrazione sbilanciata, imparziale, che da buona tradizione americana si fa gridata, sbraitata, enfatizzata suscitando di conseguenza quell’incredulità che è l’effetto inverso che vorrebbe originare.
E non manca una certa superficialità nella trattazione della materia con la baggianata del sumero.
Poteva andare peggio solo se a Osunsanmi fosse venuta l’idea di mostrare i presunti alieni in tutta la loro bellezza, almeno questo ce l’ha risparmiato.
È un peccato perché a parer mio l’argomento extraterrestri ha enormi potenzialità nel campo del fantastico e non. Ahimè non ho ancora visto un film che getti uno sguardo interessato (e NON interessante, capisco di chiedere troppo) sulle abductions, bisogna accontentarsi di produzioni che vivono più sul marketing che sui loro contenuti. Di cui non v’è traccia.
E comunque un vero alieno ne Il quarto tipo c’è. Non sono i gufi, o g-ufi per meglio dire, bensì la dottoressa Abigayl Tyler, discendente diretta degli e.t. di Communion (1989), garantito.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • A Milano il 9 giugno arriva il Machinima Film Festival

    Milano giugno arriva Machinima Film Festival

    La locandina del Machinima Film Festival Il 9 giugno arriva per la prima volta in Italia “The Sims Machinima Film Festival”, la rassegna internazionale sul... Leggere il seguito

    Da  B-Blog: Il Mondo In 35 Mm
    CINEMA, CULTURA, EVENTI, FESTIVAL, VIDEOGIOCHI
  • Il profeta

    profeta

    regia di Jacques Audiard recensione di Nickoftime del 12-6-2009La scelta di ambientare una storia all’interno del carcere dove il protagonista (Malik) viene... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA, FILM DRAMMATICO
  • Il velo dipinto

    velo dipinto

    “Il velo dipinto” è strappato, sfibrato…Ne fuoriesce un’immagine chiara, nitida e dolce: l’amore si ricongiunge nel suo essere amore, lontano dal libro di... Leggere il seguito

    Da  Ludacri87
    CINEMA, CULTURA
  • “Water – Il coraggio d’amare”

    “Water coraggio d’amare”

    2005: Water di Deepa Mehta Candidato all’Oscar 2007 come miglior film straniero, vincitore del Toronto International Film Festival, patrocinato da Amnesty... Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • Il rifugio

    rifugio

    Anche Il rifugio conferma, nel bene e nel male, la cifra cinematografica degli ultimi film di Ozon, soprattutto se si pensa a Ricky (2009) e 8 donne e un mister... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • “Il dubbio” (1961)

    dubbio” (1961)

    1961: The Naked Edge di Michael Anderson Uno dei più riusciti «gialli» degli anni 60, impreziosito dalla presenza di due massime star. Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • Il senso di Draquila

    Ieri con un blitz a Marcianise sono andata a vedere Draquila, perchè, considerando che ormai è uscito da 2 settimane, mi è venuto in mente che forse non... Leggere il seguito

    Da  Faith
    CINEMA, CULTURA, SOCIETÀ