Magazine Cinema

Il ricatto ( 2013 )

Creato il 25 marzo 2014 da Bradipo
Il ricatto ( 2013 )Tom Selznick , grandissima promessa pianistica della musica classica , ritorna sulle scene dopo ben 5 anni di assenza volontaria dovuta alla figura barbina rimediata durante un esibizione mentre suonava un brano difficilissimo, La cinquette, composta dal suo maestro e mentore deceduto da poco.
In una serata organizzata dalla moglie, famosa attrice e cantante e da altri suoi amici Tom si esibisce al pianoforte davanti a una platea gremita.
C'è però qualcosa che non va: sul suo spartito ci sono strani messaggi scritti a piè di pagina e scopre di essere sotto tiro da parte di un cecchino che lo vuole obbligare a suonare La cinquette senza il minimo errore.
Altrimenti sarà un uomo morto e anche la moglie sarà morta.
Il concerto diventa una lotta disperata per la sopravvivenza.
Come prendere questo trascurabilissimo thrilleruccio spagnolo, girato in inglese e con attori americani?
Ci si può apprestare alla visione senza nulla pretendere, convinti di passare un'oretta e mezza a neuroni spenti, oppure ci si può arrabbiare per la pochezza dello spettacolo offerto.
Il film di Eugenio Mira cerca di rielaborare spunti venuti dal cinema del passato, soprattutto Hitchcock che viene citato addirittura scena per scena ( l'ultima parte de L'uomo che sapeva troppo, quella del concerto, scena dei piatti compresa), ma non si prende nemmeno la briga di rielaborare la lezione, inarrivabile del maestro.
Le sue sono citazioni grossolane, talmente ingenue che verrebbe voglia di urlargli un PERCHE? grosso come un grattacielo ( perchè chiami il protagonista Selznick come il produttore / mentore di zio Alfred?), l'omaggio rispettoso sfocia nella riproposizione fine a se stessa di stilemi di un passato glorioso.
Il ricatto ( 2013 )Se la lettura superficiale di questo filmetto è veramente sconfortante, non va meglio se si cerca di studiarlo meglio tra le righe. Si parla di paura in palcoscenico, cioè di ansia da prestazione, del rapporto tra il performer e il suo pubblico ma anche dell'ignoranza di quest'ultimo ( che non si accorgerà mai dell'errore sull'ultima nota de La Cinquette).
L'errore che metaforicamente uccide l'artista , qui diventa rischio concreto di finire impallinato da parte di un killer misterioso.
E a questo proposito , quando vedo questi film, vien fuori il mio temperamento da ragioniere contabile: ora io non pretendo che dal punto di vista logico funzioni tutto e fili tutto liscio  ma perchè questo misterioso killer che ha organizzato tutto da tre anni , come dice lui in una battuta, ce l'ha tanto con Tom?
Mi son perso qualcosa?
E perchè nel finale ad alta quota , altra cosa vista , rivista e stravista, Tom cade sul pavimento e non si fa praticamente nulla ( dice che si è rotto una gamba ma cammina troppo bene per essersela fratturata) mentre l'altro che cade sul pianoforte, quindi un supporto maggiormente deformabile,  si fa malissimo ?
Perchè quando Tom è nell'ambulanza col suo lenzuolo di carta argentata addosso, gli passano davanti solo tre barelle con defunti e non quattro come dovrebbero essere ( e se il quarto è ferito dove l'hanno lasciato?) ma soprattutto mi spiegate il senso dell'ultima scena?
Il ricatto ( 2013 )Potrei essere stato poco attento ma qualcosa sicuramente mi è sfuggito.
Se così non fosse allora quell'ultima scena si può spiegare come un goffo tentativo di tenere aperta la porta a un possibile seguito.
Il ricatto vorrebbe essere un thriller mozzafiato che si carica di evidenti intenti metaforici, ma i suoi tentativi di teorizzare la suspense falliscono miseramente.
Eugenio Mira, prima compositore che regista coniuga in questo filmetto le sue due passioni, la musica e il cinema ma gli va male.
Se la sua regia spazia da uno stile all'altro portando lo spettatore sulle montagne russe è la sceneggiatura che con tutte le sue voragini è la zavorra di un film che vuole essere una sfida: si può girare un thriller che per la maggior parte si svolge davanti a un pianoforte? Un po' come In linea con l'assassino di Schumacher si svolgeva quasi tutto dentro una cabina telefonica o anche Buried il thriller di Rodrigo Cortes che aggiornava il tema della claustrofobia ambientando un intero film in una bara.
E non è un caso che il suddetto Cortes sia tra i produttori de Il ricatto.
Elijah Wood si impegna tanto , ma dopo la trilogia de Il Signore degli Anelli, ha azzeccato poco o nulla della sua carriera, eccetto per il brillante Maniac di un paio di anni fa, mentre Cusack oramai ha fatto l'abbonamento a parti da villain psicotico e umidiccio.
Ma qui compare veramente poco ed è pertanto ingiudicabile a meno che non si veda in versione originale.
Vedere questo film proiettato nelle nostre sale ( poche in verità ) fa montare  ancora di più la rabbia.
Con tanto bel cinema in giro perchè andiamo a pescare robetta trascurabile come questa?
 ( VOTO : 4 / 10 ) 
Grand Piano (2013) on IMDb

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il treno per il Darjeeling

    treno Darjeeling

    In viaggio per ritrovare noi stessi, o quanto meno un pò di sonno Titolo: Il treno per il Darjeeling Regia: Wes Anderson Cast: Owen Wilson, Adrien Brody, Jason... Leggere il seguito

    Da  Sbruuls
    CINEMA, CULTURA
  • Il silenzio degli innocenti

    silenzio degli innocenti

    Regia: Jonathan DemmeOrigine: USAAnno: 1991Durata: 118' La trama (con parole mie): la giovane recluta dell'FBI Clarisse Starling è aggregata alla squadra... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Il pretore

    pretore

    Il ritorno al cinema di Base è un buco nell’acqua…del lagoAdattamento del romanzo di Piero Chiara Il pretore di Cuvio, Il pretore è l’ultimo film diretto da... Leggere il seguito

    Da  Ussy77
    CINEMA, CULTURA
  • Oculus – il dualismo dell’orrore

    Oculus dualismo dell’orrore

    E’ inevitabile, quando una persona guarda e analizza una qualsiasi opera dell’ingegno altrui, questa produce un effetto diverso in quanto filtrata dalle... Leggere il seguito

    Da  Raystorm
    CINEMA, CULTURA
  • Il ricatto – La recensione

    ricatto recensione

    by Valerio Daloiso · 22 marzo 2014 Sparate sul pianista….e sulla credibilità del “gioco” messo in scena… Tom Selznick (Elijah Wood) è un giovane pianista d... Leggere il seguito

    Da  Drkino
    CINEMA, CULTURA
  • Il trono di spade

    trono spade

    Quarta stagione e nuovi tagli al cast, non per il budget ma per prematura scomparsa. Titolo: Il trono di spade: stagione 4 Cast: Peter Dinklage, Nikolaj... Leggere il seguito

    Da  Sbruuls
    CINEMA, CULTURA
  • Il pipistrello

    pipistrello

    Autore: Jo NesboOrigine: NorvegiaAnno: 1997 Editore: EinaudiLa trama (con parole mie): Harry Hole, giovane agente della Squadra Anticrimine di Oslo dal passato... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA

Dossier Paperblog

Magazines