Magazine Cultura

Il Salone del libro di Torino 2015

Creato il 13 maggio 2015 da Fedetronconi

#SalTo15 in pillole

La Germania sarà il paese ospite e  gli autori presenteranno   le   loro   opere  pubblicate   in   Italia:   rappresentanti   dei   generi   letterari   più   diversi,   dal   thriller   al   saggio,   dal  libro  illustrato  all’epopea  famigliare.  Regione  Ospite  d’onore  il  Lazio,  presente  con  i  suoi  autori  ed  editori.

Sono   confermati   tutti   i   progetti  e  le   sezioni   speciali:  il   Bookstock   Village  nel  Padiglione  5;  Officina.   Editoria   di   Progetto  nel  Padiglione  1,  dedicata  agli  editori  indipendenti  e  curata  da  Giuseppe   Culicchia;   Adotta   uno   scrittore;   Nati   per   Leggere;   il   Concorso   Nazionale   Lingua  Madre;   Voltapagina;   l’International   Book   Forum   per   lo   scambio   dei   diritti   editoriali;  l’Incubatore   per   i   giovani   editori   con   meno   di   24   mesi   di   vita;   Casa   CookBook   per   l’editoria  dedicata   al   cibo   e   alla   cucina;   l’area   di   Book   to   the   Future   dedicata   alle   startup   e  all’innovazione  nel  campo  dell’editoria  digitale.

Presenti   tutti   i   grandi   gruppi   editoriali   e   i   marchi   storici  tradizionalmente   presenti   al   Salone.

Il Salone del libro di Torino 2015

Torino Incontra Berlino

La   partecipazione   della   Germania   come   Paese   Ospite   d’onore   al   Salone   2015   nasce   dalla  stretta   collaborazione   con   la   Buchmesse   di   Francoforte  e  il   Goethe   Institut,   che   festeggia   il  sessantesimo   della   fondazione   della   sede   torinese.   Rappresenta   un   implicito   riconoscimento  dell’autorevolezza   raggiunta   dal   Salone   torinese   da   parte   di   chi   organizza   la   più   prestigiosa  fiera   mondiale   del   settore,   ed   è   una   partecipazione   che   cade   in   un   momento   cruciale   nelle  relazioni   tra   i   due   Paesi,   e   nell’intera   vicenda   europea,   travagliata   da   tensioni   e  incomprensioni.

La   «nazionale»   tedesca   che   si   presenta   al   Lingotto   è   significativa   di   una   cultura   attenta,  cosmopolita,  capace  di  fare  i  conti  con  la  tradizione,  e  di  arricchirsi  dell’apporto  di  scrittori  che  vengono   da   altri   paesi,   come   l’ucraina   Katja   Petrovskaja   (ora   tradotta   da   Adelphi),   e   che  scrivono   in   tedesco.   Hanno   già   confermato   la   loro   presenza   due   narratori   tra   i   più   noti   e  apprezzati,   come   Daniel   Kehlmann   e   Ingo   Schulze,   ma   ci   saranno   anche   filosofi   come  Markus   Gabriel,   brillante   teorico   del   «nuovo   Realismo»;   acuti   analisti   della   crisi   economica   e  finanziaria   degli   Stati   europei   come   Wolfgang   Streeck,   direttore   del   Max   Planck   Institut;   o  maestri   del   giornalismo   d’indagine   come   Günther   Walraff.   Non   mancheranno   divulgatori  scientifici,  autori  per  bambini  e  di  graphic  novel.  Molto   attesa   anche   una   delle   star   delle   filosofia   europea,   Peter   Sloterdijk,   di   cui   è   uscita   di  recente   la   traduzione   italiana   presso   Cortina   dell’opera   maggiore,   la   trilogia   di   Sfere.   Critico  della  modernità  e  del  razionalismo,  Sloterdijk  ha  dato  anche  prova  di  capacità  divulgative,  che  hanno  fatto  di  lui  uno  dei  saggisti  più  letti  e  discussi.  Particolare  significato  assume  la  presenza  del  maggior  egittologo  vivente,  Jan  Assmann,  che  è   anche   socio   dell’Accademia   delle   Scienze   di   Torino. Il   rinnovato   Museo  Egizio,  Accademia  e  Salone  si  apprestano  a  festeggiare  congiuntamente  il  maestro.

Le meraviglie di Italia

Sono   le   Meraviglie   d’Italia   il   tema   conduttore   del   Salone   Internazionale   del   Libro   2015.  L’anno   dell’Expo   di   Milano,   destinata   a   richiamare   milioni   di   visitatori,   offre   l’occasione   di  ripercorrere  e  ripensare  il  nostro  rapporto  con  l’immenso  patrimonio  che  abbiamo  ereditato.  Un   tesoro   artistico,   architettonico,   letterario,   musicale,   linguistico,   paesaggistico,   che  comprende   le   tecniche   materiali,   il   design,   la   moda,   il   cinema,   la   fotografia   e   che,   nella   sua  stessa   varietà,   ha   concorso   a   definire   quello   che   viene   riconosciuto   come   il   carattere,  l’identità,  lo  stile  italiano.    Per   secoli   l’Occidente   europeo   vi   ha   trovato   le   sue   matrici,   la   sua   bussola,   le   sue   fonti   d’ispirazione   come   in   altrettanti   modelli.   Rientra   in   questo   contesto   anche   la   ricorrenza   dei   750   anni   della   nascita   di   Dante,   che   il   Salone   ricorderà.   Ma   oggi?   Siamo   ancora   capaci   di  metabolizzare   e   reinterpretare   questa   illustre   tradizione?   Quali   sono   diventate   le   culture   di  riferimento  e  di  che  cosa  sono  fatte?  Come  è  cambiato  il  ruolo,  la  rilevanza,  la  significatività  di  chi  pratica  delle  attività  creative? Autorevoli  studiosi  hanno  osservato  che  si  è  perduta  la   capacità  dell’artista  o  dello  scrittore  di  interrogare,  provocare,  rivelare  al  proprio  tempo,  magari  in  contrasto  con  quello,  qualcosa  che  ancora   non   si   sapeva.   Domina   l’intrattenimento,   il   consumo   acritico   e   superficiale   dell’usa-­e-­ getta;  artisti  e  scrittori  diventano  marionette  nelle  mani  dei  maghi  del  marketing.

Nell’avvitarsi   di   una   lunga   crisi   che   è   in   primo   luogo   culturale,   la   riflessione   che   il   Salone  propone  vuole  essere  un  invito  ripensare  la  nostra  storia  e  le  ragioni  che  l’hanno  modellata,  nel  bene  e  nel  male,  come  momento  fondativo  di  ogni  ripartenza. Ci  guideranno  in  questa  rilettura,  che  parte  dall’antica  Roma  per  arrivare  alle  sperimentazioni  urbanistiche   di   questi   anni,   studiosi   che   sono   anche   efficaci   divulgatori,   come   Andrea  Carandini,   Flavio   Caroli,   Philippe   Daverio,   Vittorio   Sgarbi;   storici   dell’arte   di   particolare  sensibilità  civile  come  Salvatore  Settis  e  Tomaso  Montanari;  scrittori  capaci  di  estrarre  dalla  grande  arte  un  racconto  che  riguarda  tutti,  come  Melania  Mazzucco.  Ripercorreremo  le  strade  del   Grand   Tour   con   Cesare   De   Seta   e   Attilio   Brilli.   Maestri   della   fotografia   ci   restituiranno  una   lettura   critica   della   realtà   italiana.   Senza   dimenticare   le   culture   materiali,   come   la   cucina,  componente  non  trascurabile  dell’identità  che  ci  viene  attribuita.  Quello   che   si   vuole   avviare   al   Lingotto   è   dunque  ripensamento   del   rapporto   fra   tradizione   e  sviluppo,   alla   ricerca   di   modelli   che   sappiano   saldare   l’interpretazione   dei   «classici»   e  l’innovazione,   per   fondere   in   un   solo   progetto   le   molte   facce   della   cultura.   Non   a   caso   la  Costituzione   concentra   in   un   solo   articolo   la  promozione   e   la   tutela   di   cultura,   ricerca,  paesaggio,  storia  e  arte.  In   primo   piano   resta   l’annosa   questione   della   gestione   dei   beni   culturali.   Non   un   «di   più»,  lusso  voluttuario  appannaggio  di  pochi  eletti  e  avulso  dai  processi  produttivi,  ma  un  elemento  essenziale   nella   formazione   del   cittadino:   un   alimento   quotidiano,   un   motore   di   sviluppo   che  attende  finalmente  di  essere  riconosciuto  come  tale.

Il Salone del libro di Torino 2015

Lazio, regione ospite 

Dopo   la   Calabria   e   il   Veneto,   Regione   Ospite   d’Onore   del   Salone   2015   è   il   Lazio.   Essere   la  Regione   ospite,   per   il   Lazio   significa   in   primo   luogo   sostenere   e   incentivare   la   partecipazione  degli   editori   laziali   attraverso   un   bando   dedicato,   che   permetterà   alle   case   editrici   di  usufruire   di   un   contributo   economico.   Significa   inoltre   valorizzare  «Le   meraviglie   del   Lazio»  attraverso   le   attività   dell’Assessorato   alla   Cultura   e   Politiche   Giovanili.   Ogni   giorno   presso   lo  stand   sono   previsti   incontri   ed   eventi.   Un   ricco   calendario   che   prende   il   via   al   mattino   con   le  attività   per   i   ragazzi   realizzate   in   collaborazione   con   i   Piccoli   Maestri;   prosegue   nel   primo  pomeriggio   con   le   biblioteche,   i   musei,   gli   istituti   culturali   e   i   teatri   del   Lazio   che   si  racconteranno  al  grande  pubblico;  e  chiuderà  ogni  giorno  con  aperitivi-­reading  a  base  di  libri  e  prodotti  enogastronomici  offerti  da  Arsial, Agenzia  regionale  per  lo  sviluppo  e  l’innovazione  dell’agricoltura  del  Lazio.

Il Salone del libro di Torino 2015

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines