Magazine Cultura

Il senso delle bomboniere

Da Leggere A Colori @leggereacolori
Senza titolo-1Le bomboniere sono tristi perché te le devi portare a casa comunque e non ti serviranno mai a niente se non a dover spolverare di piú, e staranno lí, a ricordare niente, se non che la festa é ben riuscita e il pesce era buono.Le bomboniere avanzano sempre. Come le persone. I biglietti da visita sono tristi perché c´é tutta la formalitá che uccide quello che potrebbe essere decisamente piú umano. Ti dó il mio numero cosí un giorno mi chiamerai, tipo se avrai bisogno di me. Sono tristi perché ce li scambiamo con speranze sbagliate, sono tristi perché li facciamo stampare senza sapere a chi li daremo un giorno e quale sentimento proveremo nell´unirci a un´altra mano attraverso quel piccolo ponte fatto di carta. La fotografia mentre abbracci il tuo ex, o il tatuaggio con il suo nome sono tristi, perché sono segni di contorni il cui contenuto é svanito, crudeli ti ricordano le cose piú belle che mancano e mai la cattiveria che ci siamo scambiati, mai i motivi di amori estinti. Eléna ha diciasette anni e una pelle bianca come il borotalco. Vive con la sua famiglia a Kezelevo situata a 60 km piú a sud di San Pietroburgo, una grande periferia quasi dimenticata dalla grande cittá. Lei é bianca, come la Russia che é bianca come il cielo, come la neve che fiocca ininterrottamente, che é bianca come i laghi gelati e le stalattiti di ghiaccio sotto le macchine. Ma se fosse completamente bianca si vedrebbe ogni angolo dell´anima e non avrebbe segreti per papá Sergej e mamma Nadyenka. Invec Continua a leggere

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il volo del palloncino rosso

    volo palloncino rosso

    Un palloncino rosso si librava nel cielo.Si alzò sopra le fronde dei meli e dei pruni e sfiorò le cime dei pini, attraversò le città. Leggere il seguito

    Da  Grace Malvin
    CULTURA, FANTASY, LIBRI, RACCONTI, TALENTI
  • Lorenzo Viani, Il garzoncello Giacomo

    Lorenzo Viani, garzoncello Giacomo

    Tristezza delle giornate invernali, diacce e pioverne, in una città abituata al frastuono del Carnevale balneare: chi canterà la vostra desolazione? Leggere il seguito

    Da  Paolorossi
    CULTURA, RACCONTI
  • Il Tiburtino

    Tiburtino

    Concorso per poesia inedita, Il Tiburtino. La Aletti editore indice il premio Tiburtino a tema libero. I componimenti dovranno essere max di 30 versi e non... Leggere il seguito

    Da  Leggere A Colori
    CULTURA, RACCONTI
  • Leonida Répaci, Il Premio Viareggio

    Leonida Répaci, Premio Viareggio

    Locandina Ballo degli Scrittori 1930 – foto tratta da Nuova Viareggio Ieri -N.8-agosto 1993Il Premio Viareggio nacque sotto un ombrellone da spiaggia, il mio,... Leggere il seguito

    Da  Paolorossi
    CULTURA, RACCONTI
  • Il giorno del DOTTORE!

    giorno DOTTORE!

    Non potevo non fare un post su questo immancabile evento!Oggi, 23 Novembre 2013 sono esattamente 50 ANNI dalla messa in onda del primo episodio di Doctor Who... Leggere il seguito

    Da  Grace Malvin
    CULTURA, FANTASY, LIBRI, RACCONTI, TALENTI
  • Il muffin virtuale

    muffin virtuale

    L' altro giorno mia sorella Grace mi scrive sulla chat di Facebook e mi riporta il messaggio di una certa Agostina."Hey, Grace. Leggere il seguito

    Da  Carlo Deffenu
    CULTURA, LIBRI, RACCONTI, TALENTI
  • Enrico Casani, Il Cavalcavia

    Enrico Casani, Cavalcavia

    Carnevale di Viareggio 1982 – “E’ arrivato col sole e con l’amore dal mare” di S.Baroni e R.Verlanti – Carro fuori concorsoIl cavalcaviaBasta scende il... Leggere il seguito

    Da  Paolorossi
    CULTURA, RACCONTI