Magazine Lavoro

Il Signore del Male

Creato il 26 giugno 2011 da Jollyroger
Mia moglie dice che sono un po’ “sopra le righe”.
Può darsi, questo periodo mi ha provato piuttosto duramente e non è facile per uno come me passare dal pianto al riso, o dalla tristezza alla gioia, come schiacciare un interruttore. Non so se è così anche per il resto del mondo; per me il mondo sono i miei figli, la mia famiglia, mia moglie e ora, anche un cane, l’ultima novità di questo periodo così concitato e confuso.
Il contratto con Jean-Cul - l’editore francese - almeno fino a dicembre è stato firmato, il sigaro che tanto ha aspettato nell’humidor, è stato fumato proprio oggi, ma la paura non è ancora svanita.
Non so nemmeno io come mi sento; ogni tanto mi prende ancora il groppo allo stomaco e, specialmente la notte, ho ancora qualche piccolo attacco di panico. Mi sembra ancora incredibile la fortuna che ci è capitata così improvvisamente, non riesco a capacitarmi, non riesco a rilassarmi, non riesco a gioire come dovrei.
Questa mattina, mentre andavo a comprare il giornale, sono passato sotto alla finestra della casa in cui, più di trentacinque anni fa, abitavano due fratelli che conoscevo di vista. Il più piccolo - più o meno mio coetaneo - era strano, manesco, incomprensibile anche per uno come me, cresciuto in quella specie di far west che era la periferia milanese a ridosso di Sesto San Giovanni. Ogni tanto però era d’obbligo parlarci, o almeno scambiarci due parole per non farselo nemico. Passando sotto quelle finestre, che oggi sono occupate da chissà chi, mi è tornato in mente di quando mi fermò proprio mentre passavo lì sotto, chiedendomi, con un fare tra il minaccioso e l’amichevole, se io c’avevo lo spiuting. Che potevo dire se non che non sapessi di cosa stava parlando? Lui rispose con un tono leggermente spazientito: “Lo spiuting! Non sai cos’è lo spiuting? - così, come se fosse la cosa più naturale del mondo, ha sputato sul marciapiede mezzo litro di saliva rossastra e schiumosa. “Vedi? È questo lo spiuting. C’è chi lo sa fare e chi no. Tu lo sai fare?”.
“Beh - ho risposto - lo so fare anch’io, ma il mio non è colorato. Tu come fai?”.
“Eh, bisogna saperlo fare, e poi c’è il segreto. Devi ciucciare un ghiacciolo, così quando sputi, la saliva ha lo stesso colore. Allora, tu ce l’hai lo spiuting?”.
Questa conversazione mi era sembrata così scema e, al contempo, così surreale, che l’unica cosa che mi premeva in quel momento era togliermi di torno nel modo più veloce e dignitoso possibile. Non ricordo esattamente cosa dissi; forse qualcosa come: “Ah sì, ho capito, voglio provarci anch’io”.
Un ricordo stupido, ne convengo, ma non posso farci niente. È un periodo in cui, come con le madeleine per Proust, basta un niente per far riaffiorare alla memoria cose stupide e affogate in qualche angolo del cervello da chissà quanto tempo. Si dice che la nostra mente operi una selezione dei ricordi che vanno conservati rispetto a quelli che invece sono destinati all'oblio, perché, come in un hard disk, lo spazio è quel che è, e non è possibile conservare tutto quanto. Ma allora, cos’ha di così importante un episodio apparentemente futile come questo?
Forse ha ragione mia moglie, sono sopra le righe e il mio cervello avrebbe bisogno di un buon antivirus, o almeno una deframmentazione del disco. In effetti forse non riesce a comprendere come mai, quando ero ancora nel pieno di ciò che definivo inferno, ero padrone del mio tempo, sperimentavo nuove cose, passavo la giornata con la mia famiglia, mentre, ora che dovrei vivere finalmente nel paradiso del lavoro, non ho più tempo per me stesso o chiunque altro. Non è che ho commesso un’inversione dei termini? Non è che, come nel Il Signore del Male di John Carpenter, quello che sembrava il bene, in realtà non era altro che il male travestito da agnello?

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • 312 - meno male che il sarto c’è

    meno male sarto

    Quanto ci piaceva la nuova Stephanie? Quella che aveva dato pan per focaccia a quel puttaniere mellifuo e indolente del Sarto Occasionale? Ebbene, non ce l’ha... Leggere il seguito

    Da  Giustina
    MEDIA E COMUNICAZIONE, PROGRAMMI TV, TELEVISIONE
  • Il signore andato via

    signore andato

    Javier Arizabalo García Era un signore andato via. A lei qui rimasta tantissimo mancava. La traccia da lui lasciata segnava ovunque intorno a lei l'aria. Come u... Leggere il seguito

    Da  Carosella
    PER LEI
  • IL MALE NATURALE di Giulio Mozzi

    MALE NATURALE Giulio Mozzi

    Pubblicato per la prima volta nel 1998 da Mondadori, e presto sparito dagli scaffali, torna ora un libro incantevole e abissale, scandaloso perché portatore di... Leggere il seguito

    Da  Paolo Franchini
    CULTURA
  • Il signore dei pannelli

    signore pannelli

    Da alcuni mesi ricevo settimanalmente centinaia di email di lettori e simpatizzanti che mi chiedono se l’investimento in infrastrutture fotovoltaiche sia... Leggere il seguito

    Da  Pennywise
    SOCIETÀ
  • Il male assoluto

    male assoluto

    di David Incamicia La corruzione è il male assoluto dell'Italia. Ce lo ha spiegato la Corte dei Conti in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario. I... Leggere il seguito

    Da  David Incamicia
    SOCIETÀ
  • Il Diritto di Stare Male

    Seavessi, un po’ ammaccata e depressa causa chiusura di trimestre, è viva e lotta con voi, e nonostante abbia appena scoperto di essere una specie di... Leggere il seguito

    Da  Seavessi
    MATERNITÀ, PER LEI
  • Paolo Maurensig – Vukovlad, il signore dei lupi

    Paolo Maurensig Vukovlad, signore lupi

    di Iannozzi GiuseppePaolo Maurensig è tra i più originali e visionari scrittori italiani degli ultimi anni. Ha esordito negli anni Novanta con La variante di... Leggere il seguito

    Da  Iannozzigiuseppe
    CULTURA

Magazine