Magazine Cultura

Il surfista solitario del Montana

Creato il 28 marzo 2011 da Ilbicchierediverso

 

Il surfista solitario del Montana
“Il surfista solitario del Montana” (Coniglio Editore) di Davy Rothbart è una raccolta di racconti che fanno viaggiare sulle note speranzose di un pianoforte a volte sgangherato ed altre dolcissimo che intervalla percorsi limitrofi, periferici, secondari, assetati di polvere… di quella polvere che alcune volte è l’unico sostentamento per corpi fiaccati dal dolore, dall’amore e dal rimpianto.

Ogni pagina regala un sogno. Attenzione però! Qui i sogni non vengono vissuti, non vengono bramati, solo osservati. Distanti da ogni comprensione, i sogni si fondono con la concretezza dell’asfalto, della terra arsa, dei vicoli e delle tavole di legno incrostate di birra, saliva e sudore di un’America che ha perso le stelle e mostra solo le strisce.

Il sogno smette di essere pura estasi onirica e cade tra le braccia del sole, bruciandosi e prendendo forma di speranza umana, muovendo i propri passi in scenari discreti, piccoli, marginali in cui si muovono esistenze “pratiche”, più che normali e qui c’è tutta la magia della penna di Rothbart qui e nell’ironia che segna ogni frase vibrando sull’epidermide di cellulosa e contagiando quella carnosa delle dita.

Il paragone con Kerouac esce facile, ma quello che accomuna i due non sono i personaggi ma piuttosto l’energia, la freschezza e l’innaturale voglia di far nascere storie dall’oscurità degli Stati Uniti.

I personaggi bucano lo schermo della pagina con il loro personale stile narrativo, con la loro passione per la vita vomitata dietro le parole, dietro le immagini che hanno nella loro testa. Riusciamo a vederli, rinchiusi nella loro cella mentre si disperano per la figlia lontana, sulla macchina nel deserto mentre l’amore fugge via oppure a rincorrerlo nella voce di una sconosciuta su una cassetta.

Sono lì. Ci guardano mentre si lasciano guardare, come in posa, come in una fila per l’identificazione delle mille sfaccettature dei nostri pensieri che spesso lasciamo cadere sui marciapiedi attraversati velocemente. Troppo velocemente.

Si divorano questi racconti, con la voracità di chi cerca la disperazione lontana dei sobborghi, delle terre di confine, delle interstatali, delle prigioni per allontanarsi dalla disperazione della grande massa di uomini che abita le metropoli moderne.

Si divorano con il magone, con il sorriso, con rinnovato amore tutte le paginestorieraccontipersonaggi di Rothbart e ad ogni fine c’è la voglia di ricominciare.

La stessa identica voglia di questa America inedita.

Buona scelta

IBD

 

Il surfista solitario del Montana

Autore: Davy Rothbart

Coniglio Editore- pp.gg.156- euro 13- 2007

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il metodo

    metodo

    Ciao a tutti! nuova settimana nuovo post, nuovo video, nuove news, nuove nuove ok basta XDProprio oggi mi sono arrivate le riviste di illustrazioni e tutorial... Leggere il seguito

    Da  Jojomanga
    CULTURA, FUMETTI, LIBRI
  • Il girasole

    girasole

    Mia figlia mi ha regalato un girasole: è assetato di luce, come me. Ma a lui basta girare il capino e offrire i petali alle carezze dei raggi per star bene... Leggere il seguito

    Da  Viadellebelledonne
    CULTURA, LIBRI
  • Il tiranno

    tiranno

    Nei giorni scorsi mi è capitato sotto gli occhi un brano tratto dal Vindiciae contra Tyrannos, un pamphlet scritto nel 1580. In esso si descrive la figura del... Leggere il seguito

    Da  Pim
    CULTURA
  • Il moralista

    moralista

    1959, Giorgio Bianchi.Dalla pagina wiki dedicata all'on. agostino greggi si legge: "Agli inizi della sua carriera politica, nel 1957, l'On. Leggere il seguito

    Da  Robydick
    CINEMA, CULTURA
  • Il dono

    dono

    (2003), primo lungometraggio di Michelangelo Frammartino, è un film che lo spettatore costruisce da sé attraverso degli indizi. Leggere il seguito

    Da  Eraserhead
    CINEMA, CULTURA
  • Il malinteso

    malinteso

    Il malinteso / Irène Némirowsky; trad. di Marina Di Leo; con una nota di Olivier Philipponnat. Milano: Adelphi, 2010.Non conoscevo Irène Nèmirowsky. La lettura... Leggere il seguito

    Da  Lo Sciame Inquieto
    CULTURA
  • il ritorno

    “Fosca, è per quel manifesto. Non potremmo fare i titoli più grandi, no ecco, non così grandi, non so come dire: il carattere... Leggere il seguito

    Da  Foscasensi
    LIBRI, TALENTI