Magazine Società

Il Topolino Bufalino

Creato il 10 marzo 2011 da Tnepd
Il Topolino Bufalino L’oscillazione contraria del pendolo E’ passata alla storia la scena del film Matrix dove l’agente Smith afferma che l’uomo è un virus. Alla mia generazione era stato insegnato che la specie umana è solo una delle tante germogliate sull’albero della vita, quella che ha avuto il maggior successo evolutivo, ma prima ancora, per secoli, alla gente veniva spiegato che l’uomo è una creatura privilegiata, fatta a immagine e somiglianza della divinità, e perciò un po’ divina anche lei. Darwin e Galileo prima, gli ecologisti poi, hanno messo le cose in chiaro, dopo secoli di oscurantismo bigotto e superstizioso. Sulle colpe dell’uomo nei confronti dell’ambiente in generale - e degli altri animali in particolare - si potrebbero scrivere delle enciclopedie. Siamo stati generosi, noi esseri umani, nel distribuire morte e distruzione a piene mani, a destra e a manca. Adriano Sofri faceva cenno, anni fa, al fatto che viviamo in un’epoca di pentimento. Negli anni Sessanta nacquero il WWF e l’IUCN. Nei Settanta nacquero alcune delle più importanti associazioni animaliste italiane, tra le quali la LAV, probabilmente sull’onda emotiva del male che per secoli avevamo fatto alla natura e sulla consapevolezza che bisognava invertire la tendenza, cioè pentirsi e cercare di rimediare. Io sono cresciuto in quest’epoca di ripensamenti sul nostro posto nel mondo e sulla nostra responsabilità nei confronti degli altri animali. In quest’ottica di critica feroce verso la nostra specie, s’inserisce la nascita dell’E.L.F. (Earth Liberation Front), che rappresenta la cosiddetta “Deep Ecology”, l’ecologia del profondo. In Italia non ha preso piede, ma negli USA si’ tant’e’ che i suoi attivisti, oltre ad auspicare la fine del genere umano e a tifare per le pandemie, nel concreto sabotavano le ruspe dei boscaioli e piantavano chiodi nei tronchi degli alberi, causando danni alle motoseghe onde evitare l’abbattimento degli alberi stessi e la conseguente deforestazione. Alcuni di loro sono finiti in prigione.
Sempre nella stessa ottica, l’anno scorso è uscito in Germania il film di animazione “Animals united”. Di solito non guardo film a cartoni animati, ma l’amico che me l’ha scaricato da internet mi ha detto che conteneva un messaggio ecologico. E infatti gli animali della savana, a cui era stata tolta l’acqua con la costruzione di una diga, si oppongono alla tirannia dell’uomo e alla fine vincono. Il messaggio è chiaro: perseguendo i suoi interessi, l’uomo, o meglio certi uomini con tanto di nomi e cognomi, causano morte e distruzione a un’infinità di altre creature, mettendo a rischio la stessa sopravvivenza della nostra specie. Il Topolino Bufalino Dicevo che sono cresciuto in un’epoca di pentimento, ma siccome gli eventi si susseguono a ritmi incalzanti in un fluire del tempo sempre più compresso e frenetico, sto assistendo al ripensamento del ripensamento ovvero a un ritorno del pendolo della Storia in direzione opposta. Se i forum di discussione su internet sono attendibili, come segnale degli orientamenti culturali dell’umanità (almeno di quella che ha accesso a internet), allora la tendenza è quella di rimettere tutto in discussione, ritornando a posizioni che si pensavano morte e sepolte, cioè superate. Ciò avviene con l’Olocausto, messo in discussione dai cosiddetti negazionisti; con l’Evoluzione degli esseri viventi, messa in discussione dai creazionisti e con la necessità di proteggere animali e ambiente, messa in discussione da certi complottisti. Dei negazionisti e dei creazionisti non intendo parlare qui perché i loro obiettivi mi sono chiari: imporre le teorie eugenetiche del nazismo e rinsaldare la vacillante fede nell’esistenza di Dio. Sui complottisti invece vorrei spendere due parole. Salto a piè pari la questione del riscaldamento globale che potrebbe essere una trovata di Al Gore e dei suoi consiglieri per ricavare vantaggi economici tramite tasse e altre richieste di fondi. E’ un po’ come avviene con i disastri naturali sui quali tanta gente mangia e guadagna a prescindere, in effetti, dalla natura del disastro. Salto, dunque, il “Global Warming” e passo a considerare altri aspetti, che a me sembrano inquietanti e un tantino paranoici. Prendiamo la New Age, per esempio. Per quel che ne so, è una filosofia ecologista che si rifà all’antico  desiderio di un mondo armonico, basato su un rapporto pacifico con l’ambiente. Potrebbe essere la versione moderna della filosofia Hippie dei figli dei fiori anni Sessanta. Fin qui, non ci vedo niente di male, ma mi è capitato di leggere commenti di utenti che frequentano i cosiddetti siti alternativi i quali associano la New Age alla massoneria, all’élite mondiale dei banchieri e petrolieri che governano occultamente il mondo e perfino ai rettiliani. Ovvero, quando non si conoscono le cose e si vuole a tutti i costi far coincidere gli eventi della società e in genere i fenomeni dello spirito umano, con le proprie idee, si opera una forzatura manicheistica e si divide il mondo in buoni e cattivi, in chi ama la vita e il pianeta su cui viviamo e chi odia la vita e vorrebbe distruggere il mondo. Stranamente, per me, ecologisti e New Age finiscono per essere classificati tra i necrofili che vogliono il male dell’umanità. Esattamente come Darwin e i massoni, che vogliono distruggere la Chiesa Cattolica, insieme a tutto il cristianesimo. Evidentemente, sul web ci sono un sacco di persone che hanno stabilito a priori che la Chiesa Cattolica e il cristianesimo stanno dalla parte del Bene e tutti quelli “contro” passano automaticamente da quella del Male. Così, WWF, ecologisti in genere e figli dei figli dei fiori, essendo spergiuri e bugiardi, anche se dicono di amare la Terra e i suoi abitanti, vogliono in realtà distruggere questo bel pianeta azzurro e magari trasferirsi su un altro pianeta a bordo di astronavi che hanno già pronte da qualche parte. Il Topolino Bufalino Variazione sul tema, invece di astronavi con il motore acceso, ci sono, già pronti ad accoglierli, bunker sotterranei a capienza limitata, che si riempiranno del fior fiore dell’umanità quando verrà scatenata le Terza Guerra Mondiale, ovvero l’Apocalisse finale. Per avvalorare quest’ultima tesi, sono state tirate in ballo anche le banche dei semi in Norvegia e in altre parti del mondo, che sarebbero a disposizione dei sopravvissuti quando si vorrà ricominciare daccapo con la civiltà umana. Anche gli animalisti non sono esclusi dal tiro incrociato di questo genere di complottisti, nel momento in cui propugnano la diffusione dell’uso dei microchip per cani e gatti, poiché si presume che ciò sia l’anticamera dell’obbligo di impianto del microchip per tutti, uomini e bestie. Se – lo confesso – l’idea di farmi impiantare un microchip sottocutaneo dà fastidio anche a me, immaginare che l’anagrafe canina sia un demoniaco tentativo di sottoporre l’intera umanità al controllo totale da parte dei potenti, che già ci controllano con altri mezzi, mi sembra tirata per i capelli. Evidentemente, questo genere di complottisti non ha un senso e una visione pragmatica delle cose. Dovrebbero chiedersi quanti cani sono stati salvati grazie al microchip, cani che erano scappati o erano stati rapiti, ma che avevano la loro carta d’identità in municipio e sono stati recuperati e riconsegnati al proprietario grazie all’avvenuto riconoscimento. La medaglietta al collo può sempre staccarsi. Anche le recenti drammatiche vicende di minori rapiti o comunque scomparsi, per alcuni complottisti potrebbero portare all’introduzione obbligatoria del microchip per i bambini, preludio a quello per gli adulti. E il gioco è fatto! Su quest’ultimo punto non mi pronuncio, ma la cosa si potrebbe risolvere lasciandola facoltativa, ovvero che siano i genitori a decidere se impiantarlo ai loro figli a due o quattro gambe. Critiche al WWF, fondato da prìncipi di sangue reale amanti della caccia e nei cui consigli direttivi sedevano anche responsabili di aziende inquinanti come l’ICMESA, erano state già fatte da Dario Paccino già nel lontano 1972. Ma, le accuse che si credevano superate e digerite, devono aver preso piede in maniera strisciante, sotterranea se, al giorno d’oggi, ci ritroviamo con una fetta di utenti del web che mette non solo il WWF e gli zoofili favorevoli al microchip, ma anche altre associazioni ambientaliste o singoli individui che prendano le stesse posizioni, dalla parte dei cattivi, mentre, inevitabilmente, finisce per mettere i sani agricoltori, cacciatori, pescatori ed eredi delle tradizioni locali, dalla parte dei buoni. Io non ci sto! Per me, anche se possono aver ragione sull’origine torbida del WWF, non posso accettare che l’evoluzionismo, il conservazionismo e la difesa dei diritti animali, propugnata, quest’ultima, da filosofi come Singer e Regan vengano non solo guardate con sospetto, ma tacciate di essere strumenti della massoneria, dell’élite mondialista o addirittura dei rettiliani. Giudizi drastici di questo tipo lasciano il tempo che trovano. Anzi, lasciano molte persone frastornate e confuse, incapaci di decidere autonomamente e, in una parola, in balia del primo pazzo che passa. E che grida più forte degli altri. Se mai esiste un complotto ai danni dell’umanità, tale confusione di ruoli e di intenti, moltiplicata e ripetuta all’infinito, in una sorta di forsennato copia e incolla, è esattamente ciò che i detentori del potere (coloro che il pianeta lo hanno sempre sfruttato e devastato) vogliono ottenere. Vogliono dividere le masse e imperare su di esse, come fanno da secoli. Vogliono continuare a sfruttare le risorse naturali fino all’ultima goccia, di petrolio e di sangue umano (in senso metaforico perché di vampiri rettiliani non sappiamo che farcene). Vogliono che i ricercatori di verità si scannino tra loro, in una specie di gioco al massacro di tutti contro tutti, Stampa Libera contro ComeDonChisciotte, Tanker Enemy contro Luogocomune, Zretblog contro Franceschetti e Freda. Il Topolino Bufalino E intanto i pasciuti banchieri se la ridono, sprofondati nelle loro comode poltrone. I disinformatori, da essi sguinzagliati sul web, riportano amene storielle di panni sporchi lavati in pubblico e aneddoti grotteschi. Resoconti di ingiurie, processi alle intenzioni e prese di posizione inquisitoriali. Perentorie previsioni catastrofico-messianiche e quant’altro la fantasia, in quest’epoca non solo di pentimento ma anche di scomparsa dei valori tradizionali, riesca a partorire. Il CICAP, buon ultimo, ringrazia. Il pendolo della Storia sarà pure inevitabile che torni indietro, ma che si debba anche abdicare al proprio intelletto e alle capacità di giudizio, questo poi no. Non va bene! A meno che, la confusione che regna sovrana tra i frequentatori dei siti complottisti non sia il risultato delle irrorazioni chimiche che ci infliggono dall’alto, a bordo di anonimi aeromobili. In tal caso, a forza di farci respirare sostanze di cui solo loro conoscono la reale natura, ci stanno rincoglionendo tutti quanti, compresi noi che abbiamo la pretesa di essere più svegli degli altri, la massa amorfa che nulla sa e nulla vuole sapere. Dio non voglia che la montagna di dibattiti sul web non partorisca un topolino bufalino. Una bufala planetaria. O forse sì, perché no: speriamo che sia stato tutto un brutto sogno.  ALF
per TNEPD

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il limite

    limite

    “No, non l’ho sentito. La situazione è in evoluzionee quindi non mi permetto di disturbare nessuno”Silvio Berlusconi, 19.2.2011La domanda di democrazia che... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • Il muro

    Propongo una poesia scritta da un minatore e poeta tedesco (Kunze) dopo l’abbattimento del Muro di Berlino. Abbattuto il muro e riunitesi due parti di popolo... Leggere il seguito

    Da  Ippaso
    SOCIETÀ
  • Il ritocco

    ritocco

    Dico subito che a rattoppare insieme due video avrei dato più immediatezza e forza alle fonti, con un post più snello. Me ne scuso, ma non sono riuscito a... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • Il ragiunat

    ragiunat

    Vorrei sapere chi ha sparso la voce, diventata poi leggenda, che Tremonti è un Siperministro che molti ci invidiano! Ma quando, ma dove ? Leggere il seguito

    Da  Cristiana2011
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Il patriota

    patriota

    Il fatto che Borghezio definisca Ratko Mladic un patriota è certamente un modo, neanche troppo sibillino, di dichiarare alla propria base qual'è il senso ed il... Leggere il seguito

    Da  Jitsumu
    SOCIETÀ
  • Il modello

    Nel 1920, su un giornale bavarese, apparve il seguente annuncio a pagamento: “Impiegato statale di medio livello, cattolico, 43enne, cerca ragazza cattolica,... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • Il bimboMarito

    bimboMarito

    Noi donne, si sa, ci lamentiamo spesso dei nostri mariti/compagni/fidanzati, e lo facciamo sui più disparati argomenti, gli uomini invece, di solito nicchiano... Leggere il seguito

    Da  Mriitan
    SOCIETÀ