Magazine Società

Il veto

Creato il 03 settembre 2012 da Tnepd

Il veto

Il veto
A buon intenditore poche parole

“Lo stesso no che proibisce, tuttavia, può anche intravedere uno sbocco positivo a lungo termine. Infatti, quella che inizia come l’ultima accanita resistenza di un leader in declino, di un’amministrazione, di una classe sociale può anche essere l’unica via aperta a un leader visionario che vede, ma che è troppo avanti rispetto alla massa. I visionari, tutt’altro che in posizione di retroguardia, puntano dritto verso un territorio sconosciuto. Venute meno l’influenza, la persuasione, l’autorità, non resta probabilmente altra scelta che quella di porre il veto ai piani mal concepiti degli altri”.

Da Gli stili del potere, di James Hillman, BUR, p. 100.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il tornaconto

    tornaconto

    Quando vedo certe pubblicità piazzate in bella vista su certi giornali (on line) mi sembra ci sia qualcosa che non torna; ma forse sono soltanto io che non... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il medagliatore

    medagliatore

    Il cinquantesimo soldato è morto in Afganistan e sarà certamente una medaglia. La patria è sempre generosa di patacche quanto avara di ragioni e di cuore, paga... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il Percofante

    Percofante

    Percofante è un orrido uccello mutante, un abominio figlio di un gabbiano, una cornacchia e un elefante di passaggio. Un uccello enorme che barrisce e che ha... Leggere il seguito

    Da  Punzy
    SOCIETÀ
  • Il collezionista

    collezionista

    *Ho qualche soldo messo da parte. Una vita di lavoro. In fondo, ho fatto tanti sacrifici, soprattutto per gli amici (degli amici). I soldi, insomma, me lo sono... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • il book

    La colpa è mia perché non sapevo che Naomi Campbell fosse anche una scrittrice e tra me pensavo che si trattasse di un caso di omonimia, chissà come è... Leggere il seguito

    Da  Plus1gmt
    SOCIETÀ
  • Il filo

    Chissà se Günther Grass scriveva già poesie ai tempi in cui vestiva l’uniforme delle Waffen-SS, chissà se anche allora, come oggi, aveva tanto a cuore la pace... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • Il sommerso

    sommerso

    La storia di uno sconosciuto morto per la colpa di voler essere un cittadino. La vicenda di un uomo ben raccontata da Monica Zapelli (Un uomo onesto, Sperling... Leggere il seguito

    Da  Lundici
    LIBRI, SOCIETÀ