Magazine Cultura

Il...Misundestanding!

Creato il 28 gennaio 2011 da Junerossblog
Il...Misundestanding!Aaarghhhh! Odio il misundestanding!
Quell'escamotage, usato e strausato, nonché abusato dalle scrittrici nei romanzi rosa, quando non trovano ispirazione per una storia d'amore.
Avete presente?
Lei ama lui da una vita, ma sentendosi una cozza, crede che lui non se la filerà mai.
Lui si accorge di lei dopo un po' e se ne innamora, ma crede che lei sia innamorata di un altro e allora non le dice nulla.
Non si sa come, per un qualche evento straordinario, o perché scoperti insieme o perché obbligati dalle famiglie si sposano, ma non si confidano i loro pensieri e perciò sono sicuri che l'altro sia infelice nel matrimonio.
Lui va via pensando così di liberarla dalla sua presenza.
Lei lo lascia andare dicendogli che sta bene da sola ed è meglio che lui si trovi un'amante.
Lui non riesce a trovarsi un'amante che lo aggradi perché pensa alla moglie, ma invece di tornare a casa e dirle che la ama, passa le notti a giocare ed ubriacarsi come una cocuzza.
Lei soffre, non dorme, deperisce, ma manco morta gli scrive di tornare a casa e di consumare il matrimonio. Perché, cacchio, questi due neanche hanno passato insieme la prima notte.
O se hanno fatto l'amore, erano così disperatamente certi di imporsi l'uno sull'altra che non hanno goduto una cippa lippa.
Ad un certo punto, un amico, un parente, una zia, una nonna, apre gli occhi al protagonista, il quale torna dalla moglie con la speranza che lei lo ami.
Ma se si vuole allungare il brodino, basta far sentire al nostro eroe (eroeeee?! Deficiente!) una frase equivoca detta da lei ed ecco che riparte senza chiedere spiegazioni, ma sicuro di essere misero e tapino, nonché incompreso dalla moglie (ancora illibata mi raccomando o comunque “consumata” poco!).
Dopo qualche pagina di consommè annacquato, finalmente l'illuminazione colpisce come un fulmine uno dei due o tutti e due e abbiamo l'happy ending.
Alleluja è finito il racconto.
Quanti, ma quanti ne avete letti di simili?
Non mi sono inventata nulla, ho solamente riportato la trama di molti libri di cui non ricordo il titolo, ultimo, ma non ultimo “Cieli di Cornovaglia” della Quinn.
Devo confessarvi una cosa, un mio difetto, ma brutto brutto brutto. Io un libro inizio a leggerlo e poi... mi vergogno... salto qua e là. A volte (ohh non picchiatemi vi prego) vado a leggere anche la fine (non resisto sono debole lo so!).
E' quello che ho fatto con il libro della Quinn. Perché il libro precedente “Danzando sotto le stelle” l'avevo iniziato ma non sono riuscita a finirlo da quanta noia provavo.
Ma santo cielo! Purtroppo la curiosità uccise il gatto e sono incappata nel solito misundestanding.
E li mi è scattato lo strullo, come si dice dalle mie parti.
Mi sono fermamente rifiutata di leggerlo. Mi è venuta una rabbia ma una rabbia... che lo avrei strappato, ridotto a pezzettini, bruciato, mangiato (come zio Paperone si mangia il cappello quando si arrabbia).
Ora che lo strullo si è defilato, mi sono un po' pentita di averlo regalato senza leggerlo, ma è solamente la curiosità che parla.
Chissà se all'amichetta alla quale l'ho regalato è piaciuto? Chissà se il mio non sia stato un errore?
Ma ragazze voi non siete stufe di leggere sempre le stesse situazioni riportate in molti libri?
Non pensate anche voi che i protagonisti sembrano tanti babbuini idioti che non riescono a confidare i loro sentimenti con coraggio e sincerità?
Non vi fanno stizzire le pagine su pagine di fraintendimenti, di sentimenti inespressi, di conversazioni idiote in cui lui o lei negano di amarsi, adducendo motivi stupidi e noiosi?
O sono io che sono strana?
E se la pensate come me, cosa è cambiato in noi? I nostri gusti si sono evoluti verso racconti più appassionati e intriganti? Racconti in cui la psicologia del carattere dei protagonisti è più importante della descrizione di feste, passeggiate in Hyde Park o tè pomeridiani?
Avete letto racconti con il misundestanding? Vi ricordate i titoli? Perché, io proprio non li ricordo ...
Lillubi

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il giovane Holden - J.D. Salinger

    giovane Holden J.D. Salinger

    Si hanno percezioni diverse nella lettura di un libro a seconda dell’età in cui si legge, delle esperienze che uno si porta addosso, della vita vissuta. E poi... Leggere il seguito

    Da  Alboino
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • Qual é il vostro limite?

    Qual vostro limite?

    QUAL E’ IL VOSTRO LIMITE? by Maet Qualche mese fa ha debuttato in libreria Lora Leigh e con lei il romance erotico, e quasi in contemporanea in edicola la... Leggere il seguito

    Da  Isn't It Romantic?
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • Esce in libreria il bacio del ...

    Esce libreria bacio

    ESCE IN LIBRERIA IL BACIO DEL VAMPIRO ( Vampire's Kiss ), di Raven Hart- EDIZIONI DELOS, COLLANA ODISSEA VAMPIRI Dopo i successi La seduzione del Vampiro e Il... Leggere il seguito

    Da  Isn't It Romantic?
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • Il cimitero di Praga

    cimitero Praga

    Malgrado gli impegni e la mia cronica mancanza di tempo, l'ho divorata in due giorni. E ne valeva la pena."Il cimitero di Praga", oltre ad essere un libro... Leggere il seguito

    Da  Stepianii
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • Il borsino della spesa

    borsino della spesa

    Finalmente ho comprato gli ultimi due libri ...Leggi ancora | Pubblicato da millecuori | Commenti Tag: il borsino della spesa ... Leggere il seguito

    Da  Aghi
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • CONCORSO il libro del mese

    CONCORSO libro mese

    Eccoci al nostro appuntamento mensile con il risultato del sondaggio dedicato ai romanzi pubblicati in Italia. A fine anno, tra i “libri del mese” bandiremo un... Leggere il seguito

    Da  Isn't It Romantic?
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • Eros e thanatos, il nero al femminile

    Eros thanatos, nero femminile

    Immaginate il rosa. Come quello dei confetti o dei vestiti più belli della Barbie, o di Barbara Cartland. Ora pensate che questo bel rosa rassicurante si... Leggere il seguito

    Da  Francy
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI

Magazines